SE IL BLOG TI È PIACIUTO LASCIA UN VOTO

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°° Google informa quanto segue, inoltre Ai gestori della rete Blogger di Google, io confermo tutto, solo che non so mettere mano al codice fatelo voi. °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°° "Il diritto dell'Unione Europea ti impone di informare i visitatori provenienti dall'UE sui cookie utilizzati e i dati raccolti sul tuo blog. In molti casi, le normative ti impongono anche di ottenerne il consenso. A titolo di cortesia, abbiamo aggiunto una nota al tuo blog per spiegare l'uso da parte di Google di determinati cookie di Blogger e Google, compresi i cookie Google Analytics e AdSense e altri dati raccolti da Google. Spetta a te confermare che questa nota sia effettivamente visualizzata sul tuo blog ed efficace. Se utilizzi altri cookie, ad esempio tramite l'aggiunta di funzioni di terze parti, questa nota potrebbe non essere sufficiente per te. Se includi funzionalità di altri provider, è possibile che vengano raccolti ulteriori dati sull'utente. Scopri di più su questa notifica e sulle tue responsabilità."

mercoledì 11 luglio 2018

POTERI MENTALI? O SPIRITUALI?


E' da molto che affermo che manifestazioni strane che superano spiegazioni scientifiche sono di natura demoniaca, ma la gente fatica a credere a qualcuno che cerca di farglielo capire, per cui per credere che siano tali, devono aver il riscontro oggettivo, visivo. 

Qualcuno obbietterà sicuramente che alcuni di questi sono manipolazione fatte al pc, tanto oggi si può far credere qualsiasi cosa, qualsiasi illusione è possibile, con l'uso della tecnologia,ed è così, infatti, ma non sempre tali manifestazioni sono di natura tecnologica. Alcune volte sono proprio poteri sovrumani, ma la gente preferisce credere che sia effettivamente un inganno anzichè pensare che possano essere poteri derivati dalla presenza demoniaca , cambiare il colore degli occhi, non è una cosa naturale, camminare sull'acqua non è umano, ma solo un essere posseduto può farlo, ecc, tutte manifestazioni comunque sia che prendono la sfera psico-spirituale , infatti si può notare in essa un comune denominatore, sono tutte capacità di natura spirituale-psichica. 

Cos'è realmente la mente? 
Se non un insieme di impulsi elettrici che rientrano in una sfera di natura spirituale, infatti è proprio così, la mente viene presa ed usata da entità superiori, per manipolare il presente, noi siamo strutturati in modo tale da essere presi facilmente da qualsiasi entità che possegga poteri e questa può mediante noi manifestarli nel mondo, oltre che farlo senza la nostra presenza. Ma gli spiriti si servono di noi, per interfacciarsi con noi dato che siamo stati creati e strutturati in modo tale da essere ricettacolo se lo vogliamo e se lo vogliono di spiriti qualsiasi essi siano, nel nostro cervello-DNA abbiamo dei ricettori che si legano facilmente a qualsiasi cosa che non sia espressamente umana e far in modo che le nostre menti possano sviluppare e ampliare nel reale i poteri che loro stessi posseggono. 

Questi ricettori possono essere usati sia da entità benigne come maligne, ma questi ricettori non sono molti, infatti non esiste la possibilità di coabitazione di due entità differenti nella stessa mente, o l'una o l'altra questo a causa del fatto che questi ricettori sono pochi, se fossero molti, sarebbe diverso, ma allora avremo una situazione di conflitto che porterebbe l'essere umano all'autodistruzione, questo non esiste, per cui un solo tipo di spirito può prendere un essere umano, anche se alle volte un essere umano può contenere in se milioni e milioni di spiriti, ma sono tutti della medesima natura.

Spesso queste manifestazioni, apparentemente non agiscono nel male, è un astuzia che il demonio è sovente fare; volare, camminare sull'acqua, perforare il proprio corpo, cambiare il colore degli occhi, conosce all'improvviso senza motivo un numero enorme di lingue, etc. sono tutti poteri che direttamente nell'apparenza non inducono alcun male, ma sta proprio in questo l'inganno satanico, tutto questo serve solo per rendersi simpatici al mondo, per conquistare la mente degli esseri umani, ed abbandonare il proprio credo in Dio, in Cristo, molti anche tra i cristiani ambiscono ad emulare ed ad avere questo genere di poteri e anche se non fanno molto per tentare di averli, ma il solo desiderare di essere come costoro, è già il primo passo per desiderare di essere posseduti, molti non sanno che basta pochissimo per passare alla sponda opposta, 

Certo si rimane, stupiti, meravigliati, sbigottiti, e traumatizzati nel vedere certe manifestazioni sopratutto dal vivo, in qualche modo pure rapiti, interessanti,  facilmente si desidera averne per noi, è li che scatta la trappola quando si desidera essere come loro, allora si va alla ricerca come fanno, si cerca di sapere, capire, ecc, tutto questo però porta in un unica direzione e molto spesso in questa società si vuole provare tutto, tanto oggi giorno non esiste più alcun freno, anche Dio è stato lasciato nelle retrovie, viene facilmente abbandonato, perchè per aver quelle cose, Dio non te le dà e non le da a tutti, mentre satana è disposto a darle a tutti senza problemi apparenti.  Quello che interessa maggiormente oggi è la propria soddisfazione personale, altro non importa, fare qualcosa per stupire , meravigliare, diventare qualcuno perchè lo scopo dell'uomo di oggi non è più la sola conoscenza, ma è sopratutto l'avere, il possedere e quindi manifestare un potere che potrebbe renderci famosi, per il solo ed unico scopo di arricchirsi, il motivo di aver questi poteri e di manipolare la realtà è sempre uno solo diventare ricchi, potenti e apprezzati dal mondo, questa è la vera trappola del demonio, che oggi tantissimi volontariamente ci cadono, per altro in parte sapendo pure cosa vanno in contro.

Molto spesso la gente crede e pensa in se stessa, voglio provare tanto dice in se che Dio la ama e quindi lì perdonerà sempre, ma questo è vero fin ad un certo punto, se l'uomo parte con questo presupposto, Dio legge la questione come una sfida e non come un atto di aiuto, per cui invece di salvarti ti condanna. Bisogna che gli esseri umani stiano molto attenti a quello che fanno, perchè poi non possono dire non sapevo, non conoscevo, tutti oggi giorno sanno dei rischi di tali contatti spirituali, ma oggi dato che la religione cristiana viene giorno per giorno presa a picconate, dal picconatore papale, distrutta e mezza a morte, ovviamente la gente perde quella microscopica fede e si cede facilmente alle lusinghe di satana, ed ecco che si manifestano queste cose. Poi ovviamente le masse cadono come allocchi a tali manifestazioni perchè è indubbio che tali cose lasciano perplessi tutti, increduli, ma allo stesso tempo si ammira la bravura e il coraggio apparente di questi. 

Ricordate che l'unica cosa che l'uomo possiede di suo è l'empatia, perchè il nostro cervello è un emettitore potente di onde e vibrazioni, possiamo percepire le onde radio a qualsiasi frequenza, e alle volte ne sentiamo anche i contenuti, inoltre l'anima stessa essendo uno spirito è in grado di potenziare questa empatia oltre la portata della mente, e arriviamo sentire diciamo così i pensieri di altri, per lo meno a toccare la loro sfera emozionale, per cui percepiamo l'intenzione, per esempio capita  molti che si senta l'arrivo di una chiamata fatta da un amico/a, questa è empatia, non c'è nulla di satanico in questo. Oltre a queste doti di natura quasi telepatica, la mente umana non può andare, cioè non ha la capacità di manifestare altre cose di natura mutevole sull'ambiente, non può manipolare nulla, tutto quello che è oltre l'empatia è di natura soprannaturale.

Avevo già scritto che i santi per esempio manifestano facilmente poteri di natura telepatica, capacità di guarigione oppure anche capacità telecinetiche ma queste sono più di appannaggio del maligno che dei santi, non perchè non possano farlo, ma perchè sono cose troppo vistose e rientrano nella sfera delle dimostrazioni esibizionistiche, tipiche della vanità. Potremo dire che si potrebbe distinguere così le manifestazioni di natura maligna da quelle di natura benigna, il maligno dona psicocinesi, mentre Dio di natura telepatica e sempre finalizzate a conoscere il vissuto delle persone per motivi di  guarigione interiore della persona, sia fisica che spirituale e muoto soccorso.; mentre il maligno, punta alla vanità, alla spettacolarizzazione, a mostrasi apparentemente forte, non c'è nulla di misericordioso in questo. Attenzione però che anche Dio se volesse potrebbe dotare un essere  umano di poteri simili anche più potenti del maligno stesso, in questo caso però non esiste esibizionismo e la persona si cela sempre, cosciente del pericolo che può esercitare sugli altri, in tante forme.

Quindi possiamo dire che manifestazioni rappresentate dal video sono tipicamente maligne.

Purtroppo più i tempi avanzano e più diminuiscono i credenti cristiani, quindi meno di prega, più aumenteranno questi fenomeni, che diverranno ad un certo punto così comuni che le manifestazioni diventeranno trascurabili tanto che la scienza medica, cioè gli psichiatri non gli baderanno neppure più e il mondo sarà sempre più portato a far esperienza con essi, anche chi si pensa insospettabile.

Ho dimenticato di scrivere una cosa, come scritto in altro articolo, anche il maligno è capace di far miracoli, lo sappiamo bene, ma la differenza tra Dio e satana sta nel fatto che il primo fa un miracolo solo per il bene della persona senza altro fine, mentre il secondo se fa il miracolo, lo fa soltanto per altro dal soggetto, sopratutto perchè egli usa il miracolo per irretire i poveri malcapitati, che purtroppo cadono come fichi dall'albero, il problema è che satana agisce in modo subdolo, il primo miracolo che fa è molto simile a quello di Dio, poi invece pian piano aggiunge qualche elemento in più in modo da far apparire che quello che ha aggiunto di volta in volta diventa un elemento poco importante, e quindi non rivelante, da trascurare e l'uomo convinto che sia tutto giusto non lo vede neppure più; con il tempo, l'essere umano non vedrà più quella cosa in più come un male, ma lo vede come un bene, così agisce nei confronti di chi manifesta queste poteri, fa in modo che il soggetto li manifesta pian piano al fine di abituare l'essere umano a non vedere dove si cela il male in essi, sono tutti poteri che manifestano un atteggiamento narcisista, non sono poteri o capacità che servono per il bene di qualcuno, ma solo per il proprio, finalizzati a se stessi, manifestano un azione diretta solo a stupire, e quindi fanno passare questi "doni" come un qualcosa di assolutamente normale, assolutamente accettabile ed anzi desiderabile da chiunque, nessuno poi si chiederà se essi sono un male o no, perchè l'essere umano ha perso quello stimolo che blocca la sua mente nel comprendere che quel dato evento, non è realizzato e fatto per un bene superiore, ma solo ed esclusivamente per il bene personale. La differenza sostanziale tra il bene il male sta in questo, l'uno è fatto e pensa solo a chi ha bisogno, mentre l'altro solo per esaltare se stessi.




giovedì 7 giugno 2018

PROFETI DI UN TEMPO E DI OGGI




Differenze tra i profeti, a.C e d.C
Abbiamo nella mente una visione dei profeti a.C e d.C, diversa, ma erano non realmente diversi?
Direi di si, quelli appartenenti all'antico testamento a.C, avevano in se stessi un vero potere, il Padre Celeste dava a loro grandi poteri, vediamo Mosè, vediamo Isaia, Enoch, Salomone, ed altri, ma non proprio tutti,ma una buona parte di essi possedevano realmente tangibili poteri, che agivano sul presente modificando anche il corso della storia dell'uomo. Mosè ebbe l'arca ne era il suo custode, poté amministrare per volontà diretta di Dio il suo potere immenso, a Mosè Dio diede grande importanza ta gli uomini, così avvenne anche con Salomone il quale ricevette non solo grande ricchezza ma doni speciali, ed anch'esso fu un altro Mosè.  Altri nel tempo finché l'Arka dell'Alleanza era tra gli uomini poterono beneficiare della sua potenza e del suo potere. Ma quando l'ArKa venne meno, ecco che certi tipi di profeti sparirono e quasi il potere di Dio si fece più lieve, i grandissimi portenti raccontati dall'antico testamento, sembravano spariti, se non proprio a taluni, si ripresentavano a periodi alterni, solo per volontà diretta di Dio.

Prima di continuare il discorso faccio una premessa.
Cos'è realmente l'ArKa dell'Alleanza?

Uno scrigno contenente la Legge di Dio? Un altare? Un offertorio?
E' tutto questo, ma principalmente è il Trono di Dio tra gli uomini, se si nota la sua vera forma è formato da due cherubini che sormontano il coperchio, le loro ali sono poste in modo tale da formare uno schienale e due poggioli, per indicare che è un Trono, quindi l'arca dell'alleanza altro non è che il trono di Dio tra gli uomini e come un Trono esplica il suo potere, dato che, chi si trovasse alla Sua presenza, si trova alle presenza della Maestà di Dio, questo fu fatto per volontà diretta di Dio.
Noi abbiamo indicato l'Arca dell'Alleanza come la Madre di Gesù Maria Santissima, ed è giusto, ma Essa non è solo questo, sarebbe riduttivo indicare nell'Arca solo l'Immacolata Concezione, dato che essa fu culla, quindi scrigno della Gloria di Dio, per il figlio Suo, Gesù il Cristo di Dio. Essa è Culla e Trono allo stesso tempo.

Con l'avvento dell'incarnazione di Dio nel Figlio Gesù, Lo stesso Figlio di Dio assume su se stesso il potere dell'ArKa dell'Alleanza scomparsa, diviene Esso stesso Arka, perché ha in se tutto del Padre Celeste e tutto della Madre Celeste e terrena, per cui ogni potere è Lui stesso ricondotto. In pratica con l'avvento di Dio tra gli uomini in forma carnale, Gesù riprende su di Se il potere che l'antica ArKa aveva tra gli uomini, così facendo non saranno più i profeti e i re a disporre del suo potere, un po come volevano; ma obbliga tutti gli uomini a transitare mediante il Figlio, sarà Gesù stesso a disporre secondo quanto è la Sua Volontà del potere che è rappresentato dal Trono, dalla Legge, dall'Altare di Dio, in poche parola da Dio stesso. Per cui l'arka antica è venuta completamente privata del potere che aveva, anche se oggi esistesse ancora, nascosta in segrete stanze, ma il suo potere dipende dalla volontà diretta di Cristo Dio. Se non si è di cristo Dio, non si potrà più usare quell'arca antica, perché i parametri sono stati cambiati, al momento che Dio Padre Celeste si incarno.

Ora i profeti dopo l'avvento di Cristo cambiarono, in buona parte di essi, potremo dire che nessuno di essi, fu come erano gli antichi profeti, nessuno fino a volontà contraria di Dio sarebbe stato un Mosè, nessuno più sarebbe stato un Re Salomone, un Re Davide, un Isaia, etc, perché Cristo si è ripreso il suo potere e ha cambiato le regole, concentrando su se stesso tutto quello che è ed era l'ArKa in stessa, riprendendo in se stesso quello che l'ArKa rappresentava tra gli uomini, il potere infinito di Dio. Per cui molto difficile che un profeta d.C, sia come un profeta a.C, perché il Padre ha posto nel Figlio una porta nuova, un accesso più limitato la potenza di Dio, secondo le intenzioni del Figlio Suo, in questo modo, ha ridotto la possibilità degli Uomini di gestire in modo anche errato il potere di Dio.

Ecco il perché quando il figlio della perdizione, l'anticristo sarà insediato esso avrà bisogno di rappresentare ed essere anche sacerdote di Cristo oltre che divenire sacerdote ebraico, in questo modo unisce le due identificazioni e assumere temporaneamente un potere che non gli appartiene, finché Padre Celeste nel Figlio lo condannerà eternamente.

Per cui i profeti sia nella chiesa che fuori di essa, dopo Cristo, erano sostanzialmente diversi, ricevevano la parola e davano dimostrazione del potere di Dio, ma non erano più possessori di un potere specifico utilizzabile quasi a loro capriccio.  Ed infatti pochi tra i santi e i profeti di oggi, sono simili a quelli di un tempo, ma questo non sarebbe stato per sempre; un giorno sorgerà una nuova Arka dell'Alleanza fatta per il tempo nuovo, fatta per il tempo che deve venire, affinché Dio possa ancora stare in mezzo agli uomini come fu al tempo di Mosè e nei secoli successivi, ma questa durerà molto più a lungo fino al giudizio universale.

Potremo dire in sostanza che i profeti antichi avevano più fiducia da parte di Dio, mentre quelli dopo Cristo ne ebbero meno e dovevano da prova veramente del credo in Cristo per poter agire come era i profeti di un tempo, ma sempre a discrezione di Dio Stesso.

Ma chi è il profeta ieri come oggi?

L'uomo pensa che un profeta sia una persona predestinata diversa, nulla di tutto questo, certo ci sono anche i predestinati, ma sono estremamente rari, gran parte dei profeti sono uomini e donne uguali nel loro vivere a tutti gli uomini, se volessi dire, che ogni uomo o donna o bambino può essere profeta se Dio lo coglie e lo usa, anche per un solo istante, non ci sono limitazioni di sorta nella volontà di Dio, Egli può rendere profeta per tutta la vita un uomo come anche per poco tempo, dipende essenzialmente dalla volontà stessa di Dio e dal coraggio del profeta, perchè ci vuole anche quello, il coraggio, nel affrontare il mondo, ma non tutti i profeti devono essere visibili; molti il Signore chiede di rimanere celati, nascosti, e molto spesso silenziosi direi invisibili, agire senza dire e senza mostrarsi come tali, invece oggi vediamo tutto il contrario, ci si mostra perchè si vuole un pezzetto di notorietà nel mondo. Quindi tutti gli uomini sono profeti, se lo vogliono, e se Dio li chiama ad esserlo, ma ogni decisione sta a noi nel decidere di accogliere la Sua volontà, non può esserci nessuno che possa impedire ad un uomo di esserlo se Dio lo rende tale, neppure l'autorità della Chiesa, che coercitivamente spesso, impone a quell'uomo di Tacere, se Dio gli impone di parlare contro la volontà della Chiesa essa non ha nessun diritto ne potere di cercare di superare la volontà di Dio, usando la legge di Dio contro Dio, solo perchè, essa non gli comoda che quell'uomo parli. Molto spesso, sia nel passato, così anche nel presente, abbiamo assistito a questi fatti ignominiosi da parte di uomini di chiesa, che hanno voluto far al posto di Dio comandando anche su Dio, tentando con la scusa del potere di Dio, di annullare la volontà di Dio verso taluni uomini, pensando che tutti i profeti non conoscano il pensiero di Dio, effettivamente moltissimi profeti quasi tutti, non conoscevano la parola e il vero senso della stessa, per cui erano un po in balia di uomini di chiesa che li ha soggiogati, così la Essi si impongono sull'uomo, dato che essi  pensano di conoscere tutte le intenzioni di Dio, invece quando costoro uomini di chiesa trovano un uomo che ha una sapienza superiore a loro, non sanno più come reagire, a il loro attacco diventa così pesante da sfiorare anche pensieri di morte, ciò accadde anche con taluni santi, che furono obbligati pur di rimanere nella chiesa di ritrattare parole, volontà e di rinunciare a quanto Dio diede a loro. 

E il loro odio va direttamente a toccare la Maestà di Dio che ha mandato costoro, per il bene delle anime, sentendosi defraudati del potere che secondo loro, Dio deve solo a Loro. "Deve o dovrebbe" ripetendo per tanto lo stesso errore che fecero gli apostoli poi richiamati da Gesù, nella questione dell'esorcista estraneoQuesto è il problema grave della questione, una buona parte degli uomini di chiesa, invocano l'anatema solo quando sono indispettiti verso Dio, quando si sentono defraudati di un potere che dovrebbe a loro dire, essere di loro solo appannaggio, andando anche contro le stesse parole che il Cristo di Dio Gesù S.Smo che ha detto al Suo Primo vicario Pietro: "Posso fare delle mie cose quello che Voglio?" e ovviamente Pietro non poté che dire di si, a Cristo Gesù, se in cuor suo avesse detto di no, Gesù lo avrebbe cacciato dal Gruppo degli apostoli, questo è certo. 

Quanti dei suoi successori, vescovi hanno poi fatto la volontà vera di Cristo? 

Molto pochi, se non a periodi alterni. 

Le stesse parole che noi diamo molto peso di Paolo di Tarso vanno contro questa stessa Frase di Cristo, perchè è indubbio, che non si possa dire, che un angelo che viene dal Cielo, quindi mandato da Dio, sia anatema; Dio non fa anatema contro Se Stesso, perchè anche solo pensarlo si fa anatema contro noi stessi, figuriamoci asserirlo e deciderlo come se fosse legge di Dio, quando Cristo asserisce che Lui può disporre di tutto l'esistente, come Egli gli aggrada. Affermare che Paolo di Tarso espresse quella frase per volontà di Dio, è come dire che Gesù avrebbe asserito il falso, quando espresse che Egli poteva far tutto e il contrario di tutto, quando e come l'avesse voluto. Se Cristo può far delle sue cose quello che vuole, significa che può anche mandare un angelo dal cielo. La stessa frase di Paolo si potrebbe applicarla anche nel discorso del ritorno di Dio tra le nubi al giudizio universale, perchè sempre di cielo si parla, quindi che sia un angelo o che sia Dio stesso non cambia minimamente il discorso e se quell'angelo che venne o viene dal cielo fosse lo Spirito Santo, come accadde con Gesù, cosa dovremo pensare?

Che chi esprime con tanta superficialità, la sua opinione che non viene da Dio, ma dalla sua volontà, per limitare l'opera di Dio tra gli uomini, fa bestemmia contro Dio. 

Sono dell'opinione che talune frasi racchiuse nei testi di Paolo di Tarso non appartengano  a questo personaggio, Paolo di Tarso, altro non voglio dire.

Dobbiamo chiederci è più grande Paolo di Tarso o è più grande il Figlio di Dio il Cristo Gesù? 

Ma se riconosciamo l'uno, non possiamo riconoscere l'altro.
Ovviamente la risposta di ognuno vale la sua condanna o la sua salvezza. 

Però noi uomini del tempo moderno crediamo agli Ufo, anche questi vengono dal cielo, perchè non sono anatema pure loro?

Se tutto quello che viene dal cielo è anatema allora nulla esiste, Paolo di Tarso di chi era profeta?  

Gli uomini preferisco, credere agli uomini stessi, specie a chi appare essere intelligente e dotto, con una laurea che dovrebbe sancire la loro sapienza, piuttosto credere a chi dotto non lo è, quanti dotti nella chiesa parlarono con la loro mente e non la mente di Dio? Anche S.Agostino era tra loro, infatti poi Dio lo rimproverò, perchè esso stava insegnando all'uomo degli errori, che rimasero, ed ancora oggi s'insegnano ed altri simili a Lui li ripreso, perpetrando l'errore. Come si vede più si è dotti e più il rischio che il maligno li prenda è grande, ma certi uomini amano i dotti. 





mercoledì 6 giugno 2018

LA VERA PROFEZIA STA SOLO NELL'APOCALISSE





LA VERA PROFEZIA STA SOLO NELL'APOCALISSE



Come dico sempre, le false profezie nel mondo servono solo per distrarre l'uomo da quella vera, perché le false profezie sono più facili da accettare per l'uomo che non quella vera, dove è celata la VERITÀ 


Gli uomini si fanno accecare da mille profezie, nella speranza di trovare una parola diversa e in questa, una qualche salvezza, quasi si volesse addossare la responsabilità a questo o quel veggente, come se fosse colpa loro se poi si finisce all'inferno, non è così, anche se in parte questi falsi veggenti, hanno la loro responsabilità, ma sta solo a chi legge, credere e capire che tante profezie sono fatte di proposito per distogliere l'attenzione da quella vera, l'Apocalisse. Il tempo avanza, come l'apocalisse è scritta, ma posta e predisposta come Dio la diede in origine non come fu ricomposta, interpretata e tradotta.


martedì 22 maggio 2018

IL MILLENARISMO E' LA PIU GRANDE BESTEMMIA CONTRO DIO

LA PIÙ GRANDE ED ABOMINEVOLE BESTEMMIA 
PRODOTTA DALLA CHIESA ROMANA!!


IL MILLENARISMO UN ERESIA?

Da dove nasce questa idea di millenarismo:



Apocalisse 20,2-7

"2 Afferrò il dragone, il serpente antico - cioè il diavolo, satana - e lo incatenò per mille anni; 3 lo gettò nell'Abisso, ve lo rinchiuse e ne sigillò la porta sopra di lui, perché non seducesse più le nazioni, fino al compimento dei mille anni. Dopo questi dovrà essere sciolto per un po' di tempo. 4 Poi vidi alcuni troni e a quelli che vi si sedettero fu dato il potere di giudicare. Vidi anche le anime dei decapitati a causa della testimonianza di Gesù e della parola di Dio, e quanti non avevano adorato la bestia e la sua statua e non ne avevano ricevuto il marchio sulla fronte e sulla mano. Essi ripresero vita e regnarono con Cristo per mille anni; 5 gli altri morti invece non tornarono in vita fino al compimento dei mille anni. Questa è la prima risurrezione. 6 Beati e santi coloro che prendono parte alla prima risurrezione. Su di loro non ha potere la seconda morte, ma saranno sacerdoti di Dio e del Cristo e regneranno con lui per mille anni.
7 Quando i mille anni saranno compiuti, satana verrà liberato dal suo carcere"

Come si legge il millenarismo trae la sua origine sia dal Giudaismo che poi anche dall'Apocalisse stessa, però nel caso dell'apocalisse c'è da fare una riflessione. 

Il millenarismo vien considerato un ideologia sbagliata, perchè chi lo ha pensato come eresia, esclude a priori che Dio possa essere capace, di dar all'umanità una nuova era di pace della durata di mille anni. Perchè dico possa essere capace, perchè questo pensiero malsano è nato nella testa di persone che erano  contro Cristo stesso e gli apostoli, che cercavano di istillare nella chiesa, degli errori ma sopratutto un tentativo di distruggere la certezza che l'apocalisse non fosse un testo veramente profetico, ne un testo veramente ispirato da Dio, perchè questo concetto del millenarismo, si basa tutto su questo, nel discreditare fondamentalmente l'apocalisse stessa, e quindi nel rende inefficaci le parole contenute nel suo interno, ma chiediamoci chi aveva l'interesse a far ciò se non satana stesso? 

Ovvie le ragioni, per cui i servi di satana fin dall'inizio hanno iniziato a distruggere questa idea di Dio di dar all'umanità un periodo di tempo dove l'essere umano avrebbe potuto vivere con Cristo altri mille anni, prima dell'ultimo periodo del mondo, prima del giudizio universale. Quindi satana ha fatto sorgere falsi teologi, per discreditare e distruggere il contenuto profetico dell'apocalisse, adducendo una quantità immensa di illazioni varie e ci sono riusciti, solo che questi "sant'uomini" facendo questo non si sono miniminante accorti di cosa essi e chiunque avesse aderito alla loro idea procurava a loro stessi. 

Sinceramente sarei stato molto cauto nel condannare incautamente chiunque, visto che l'apocalisse è il primo testo appartenente al N.T. dove è contenuta la cosiddetta l'ideazione del millenarismo, se consideriamo l'apocalisse come testo profetico scritto su volontà di Dio stesso, per mezzo del suo profeta S.Giovanni Apostolo, dove per altro Dio minaccia chi dovesse togliere anche un solo iota da esso, dir che tale testo da dove il millenarismo nasce e ha le sue fondamenta è eretico è come dare dell'eretico a Dio, io sarei un tantino più cauto, visto che nessuno di noi, ne dei padri della chiesa erano ed sono nella testa di Dio.

C'è da dire una cosa che molti non sanno che tutti i 12 apostoli era millenaristi, per cui se lo erano loro, in primis S.Giovanni Apostolo da dove trae origine l'apocalisse stessa, era un millenarista, se dovessi applicare tale metodo di valutazione dei padri della chiesa, allora anche i 12 apostoli sarebbero degli eretici in testa S.Giovanni, ma come sappiamo nessuno si sognato di dare degli eretici agli apostoli, altrimenti su chi si posa la chiesa su un millenarista eretico? E' certo, senza ombra di dubbio!!! Allora anche l'intera chiesa che studia un testo da eretici sarebbe eretica, e sappiamo bene che i testi eretici sono messi all'indice dalla chiesa, allora chiediamoci seriamente ma perchè si trae dall'apocalisse tante letture se il testo contiene una parte dalla quale nasce l'eresia millenarista? 

Ma non solo se Gesù dice che se lui non torna al padre lo spirito consolatore non sarebbe andato agli apostoli e non li avrebbe insegnato quello che non sapevano, ciò significa che chi ha istruito i 12 apostoli, era lo Spirito Santo stesso, cioè Dio, per cui l'apocalisse per le stesse parola di Cristo è di totale ideazione di Dio e di totale trasmissione dello Spirito Santo, per cui  tutti i "padri" della chiesa che hanno scritto contro il Millenarismo adesso sono condannati alla pensa eterna, perchè se non sapevano quello che dicevano non hanno subito quasi nulla, ma se sapevano cosa dicevano ohh poveri loro, perchè sono tutti nella fiamme dell'inferno, altro che padri della chiesa. 

Personalmente preferisco per mia salvezza eterna non considerare l'apocalisse, ne i 12 apostoli, ne nessun altro definito dalla chiesa un eretico, nemmeno mi balena per la testa un idea che sia Dio l'eretico principale, perchè è proprio quello che costoro con tanta superficialità hanno fatto e fanno credere a tutti coloro che con stoltezza gli vanno dietro, cioè il 100% della chiesa di ogni tempo, compresi tutti i credenti. Voglio ricordare una cosa, che dare dell'eretico a Dio o qualsiasi opera che esca da esso anche fosse una rivelazione è come bestemmiare lo Spirito Santo, auguri a chi lo ha fatto e auguri a chi crede che tale idea sia giusta, io mi dissocio dal pensiero che certa chiesa ha intrapreso perchè non posso sapere se tali "padri" della chiesa fossero santi o indemoniati e non posso sapere se le loro parole uscivano dalla bocca di Dio o dalle loro menzognere menti, perchè come disse Cristo, "satana non è diviso da satana, così è per Dio, Dio non diviso da se stesso, per cui se l'apocalisse e i vangeli sono testi eretici, allora in chi crediamo? Perchè se l'apocalisse che viene da Giovanni Apostolo fosse eretica come si vuol far credere, perchè base del millenarismo, allora mi chiedo il vangelo che viene da lui stesso non può essere diversamente!. Io credo in Dio e in tutto quello che ha rivelato, se la chiesa mi propone di credere che l'apocalisse è eretica, io dicono no a questa chiesa. Non dirò mai ne penserò che Dio possa essere eretico, perchè questa è la più grande bestemmia che la chiesa si è tirata addosso da sola, ecco perchè la chiesa oggi versa in queste condizioni, ha bestemmiato l'Onnipotente per tanti secoli, senza accorgersi di averlo fatto, almeno molti non sapevano. 


E ora che sapete decidetevi, perchè adesso che avete letto dovete decidervi, io ve l'ho detto e ve l'ho rivelato, ma sta a voi credere in Dio o essergli avversi. 

mercoledì 9 maggio 2018

LA CHIESA DEI PERVERSI E DEGLI ANTI-DIO.


LA GRANDE PROSTITUTA!!!




Da quando BXVI che è uscito di scena nel 2013 che la chiesa ha avuto il più grave disastroso crollo mai visto da 2000 anni a questa parte, ha vissuto molte crisi, molti dilemmi, e molte difficoltà guerre interne ed esterne, ma mai in questo momento, in pochi anni sotto la direzione di Francesco I° la Chiesa sta precipitando in un oscurità e una distruzione tale che se nessuno fermerà tale mutazione il Vaticano è destinato a sparire dalla faccia delle terra e coloro che sono avversi ad esso, sono coloro che minano le sue fondamenta dall'interno, ambiscono proprio a questo risultato. Purtroppo però bisogna anche dire gli uomini di chiesa non vogliono più tentare di fermare il marcio, lo stanno assecondando e sempre più preti si accodano al pensiero perverso che dilaga tra le fila, e alberga nella parte oscura tenebrosa della chiesa, che sta prendendo sempre più piede anche tra i credenti stessi, divisi in se stessi, la chiesa oggi giorno è irriconoscibile, tutto diventa possibile quello che un tempo neppure si pensava, neppure si immaginava, ma oggi tutto è sovvertito, tutto porta il marchio di satana 666, tutto è diventato possibile, fattibile lecito e piacevole, in una parola sola la grande prostituta sta mostrando la sua vera faccia e sempre più si inebrierà nei fasti del mondo, diventando di fatto la grande prostituta,  purtroppo quel che stiamo vedendo è solo l'inizio dei dolori, già siamo allo scontro tra realtà diverse, da un lato il bene dall'altro il male, come profetizzato in apocalisse, preti con preti, cristiani contro cristiani, gli uni contro gli altri, il tempo avanza e nessuno fa nulla per fermare l'inesorabile avanzata di Satana, che cammina tra le fila dei cardinali, e che istiga costoro a liberarsi delle virtù sacre di Cristo, e accogliere a piene mani il divenire nuovo, ogni prostituzione oggi è lecita, non esiste più il freno che inibiva le passioni della carne, Asmodeo sta vincendo su coloro che avevano celato in loro stessi turpi segreti,  li sta dominando, controllando in ogni dove. La dissacrazione dei paramenti sacri dei pontefici, è una delle tante realtà che si stanno manifestando apertamente, quel che è peggio, è che il popolo cristiano che dovrebbe opporsi e scandalizzarsi vive queste infamanti realtà senza nessuno sdegno, senza nemmeno replicare, pare che quel che è avvenuto sotto gli occhi di tutti in questi giorni, sia cosa normale, come se 2000 anni di storia di una fede non contassero più nulla. Il Vaticano nelle vesti del suo massimo rappresentante Bergoglio ha concesso l'uso dei paramenti sacri, a genti perverse, affinché questi, vengano usati pervertitamente dissacrandoli e in questo modo, si dissacra Dio stesso, lo si bestemmia e lo si insulta, questo è un atto non solo ignominioso, ma pure di elevatissima gravità, che grida vendetta a Dio,  dovremo chiedere a quei pochi rimasti cardinali e vescovi e preti di decidersi uscire da questa chiesa, se sono ancora votati a Cristo Dio. 

Non dite noi vogliamo vedere Dio, per cui lo stuzzicate e lo vendete, ponendolo nuovamente a morte per vedere se scenderà dalla croce, perchè chi farà questo pensiero, condannerà se stesso, in eterno. 

Chi tra i preti di ogni ordine e grado, non si stacca da una chiesa massonica e perversa, non avrà la vita eterna, la medesima cosa sia per i credenti, per cui o il credente o il prete rimane nella vera parola di Cristo rinnegando tutto quello che la chiesa massonica propone, oppure di questa chiesa non rimarrà neppure la polvere e come profetizzato un giorno essa sarà distrutta da un fuoco divoratore.

Non badate alle profezie moderne solo l'apocalisse è valida, anche se talune profezie moderne ricalcano forse spiegano alcuni passaggi dell'apocalisse, stessa, ma solo il libro di Giovanni Apostolo è valido e quella si manifesterà. Non vi scandalizzate per quello che ora c'è perchè quello che deve venire è molto ma molto peggio di quello che ora c'è, la sofferenza il mondo moderno non l'ha ancora vissuta, un giorno tutto il mondo sarà in lacrime per quello che ora si profana. 

Se il credente non difende con le unghie e con i denti la fede in cui dice di credere, non è figlio di Dio, ne del suo Cristo, ne dello Spirito Santo.

Sorgi chiesa di Cristo se non vuoi essere trascinata nella stessa condanna.

C'è da chiedersi esiste ancora la chiesa di Cristo?
Chi la sostiene, chi la tutela, chi la difende, chi ?


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Ha tutti i credenti in Cristo, la Madre di DIO l'Immacolata Concezione chiede di pregare assiduamente per alleviare a Dio la grande sofferenza che deve sopportare per la perversione della sua amata Chiesa e per la perdita di tanti suoi consacrati e credenti che hanno rinnegato Dio.




martedì 8 maggio 2018

LA RIVELAZIONE È VERTEMATE TERMINATA?



LA RIVELAZIONE È VERTEMATE TERMINATA?





Per quale ragione molti che si dicono credenti integralisti o/e anche no, sostengono che la rivelazione sarebbe terminata in un certo momento storico? 

Dobbiamo fare una premessa, molto spesso ci troviamo innanzi a persone che si pongono in relazione a presunti profeti, con un modo di pensare e relazionarsi, da veri presuntuosi. Escludono che qualsiasi persona possa avere un contatto con la divinità, per il solo fatto che codeste persone nella loro esistenza per quanto si dicano credenti e per quanto manifestino una certa credenza, ma loro stesse non hanno mai avuto nessuna manifestazione, spesso neppure miracoli, per cui dicono se a noi non è successo nulla, se noi non abbiamo visto nulla, sentito nulla, e siamo anche più intelligenti di questi, e siamo anche più colti di questi e  secondo il loro pensare abbiamo anche una conoscenza maggiore della teologia, per quale ragione costoro devono essere più noi, e aver loro queste manifestazioni, quando noi non le abbiamo? Ecco tutto parte fondamentalmente da qui e poi si dicono essere persone caritatevoli, umili, magnanime, etc, cosa che per altro spesso è falsa, perché se fosse vero che fossero, umili, magnanimi, misericordiosi, caritatevoli, etc, otterrebbero i favori di Dio, e certamente almeno un minimo di percettività, un minimo di relazione con Dio ci sarebbe, invece grazie a questo loro pensiero negativo verso altri esseri umani, considerati a loro avviso, scadenti, poco edotti nella teologia e via di seguito, loro ritengono che le parola o le vicende che costoro dicono, appartenere alla divinità, non sia vere, ma anzi frutto d'invenzione e menzogne. Quindi costoro trattano le persone che pensano, credono e manifestano questo loro contatto con la divinità, come veri delinquenti, come truffatori o come esalti e spesso anche come persone malate di mente, e in alcuni casi pure come indemoniati, è preferibile considerare codeste persone come posseduti, anziché persone che possono realmente aver avuto un qualche contatto con la divinità. 

Tutto questo perché alla base c'è una profonda invidia, del fatto che Dio abbia scelto persone umili, semplici, poco istruite, che si curano poco anche di sapere tante cose, che sono anche poco intelligenti, etc per cui anche tra molti sacerdoti si manifesta la stessa problematica, si sentono defraudati da parte di Dio, di non essere toccati loro stessi dalla potere di Dio, per cui preferiscono e manifestano contrarietà, spesso anche molto violenta verso altri, che sono secondo loro intendere a loro inferiori.

Ovviamente costoro non si rendono minimamente conto, che il loro atteggiamento non è affatto di un credente ma di un ateo, perchè un credente che sia vero credente non restringe la potenza di Dio dentro a confini creati da noi, ma la lascia libera di agire, come infatti Gesù fece notare a Pietro con quella famosa frase che ha diversi risvolti in se stessa: "Posso fare delle mie cose, quello che voglio?” questa frase dovrebbe essere ricordata spesso a costoro che invece vorrebbero e vogliono limitare l'azione di Dio dentro a confini ben precisi, ed anzi fanno di tutto per impedire a Dio stesso di trovarsi chi Egli vuole, non chi costoro vorrebbero, ecco per cui nascono queste invidie molto forti e costoro che si vantano tanto di essere grandi conoscitori della parola, ma in realtà non solo non la conoscono realmente, ma anche la rifiutano per il vero e profondo significato che ha in se; con il risultato che poi diventano loro stessi acerrimi nemici di Dio, pur essendo essi stessi all'interno della chiesa, o anche dell'essere da altri riconosciuti come cattolici.

Quando una persona accusa qualcuno di non essere vero profeta, primo se ne deve accertare e sapere come si distingue un vero profeta da un truffatore, così si deve accertare chi si dice essere vero credente da chi non lo è, perché come dico sempre a parole si può esternare qualsiasi cosa, anche le menzogne che oggi giorno sono all'ordine del giorno, mentre la fede non la vedi, con le parole, ma con i fatti, sono i fatti che manifestano la fede, non le parole, a meno che queste parole non siano fatte per correggere, per redimere, per insegnare, ma cmq sia c'è bisogno dei fatti concreti che dimostrino realmente se la persona ha vera fede, cioè la vita della persona. Chiunque, si dica credente, deve corrispondere a quanto va esternando. Perché è indubbio che un bravo scrittore di teologia se compone bei libri, ma se non fa esso stesso quello che pubblica nei suoi scritti non vale nulla, solo abilità di bravo scrittore, ma poi egli stesso dimostra essere il contrario di quanto esterna. Molto spesso il credete è proprio così, da un lato parla bene e sembra aver in se grande conoscenza della materia, ma poi nel suo vissuto di tutti i giorni, non è quello che esterna, spessissimo i credenti sono esattamente l'opposto, cioè sono incoerenti e quindi ipocriti. 

L'incoerenza di un credente si manifesta in tanti ambiti dal poco al tanto, anche nelle piccolissime cose di tutti i giorni si vedono questi aspetti non c'è neppure bisogno di investigare tanto profondamente, ma anche il fatto di talune piccole furbizie, tipo passare davanti nella fila, oppure essere sgarbati, oppure piccole astuzie, nel trattenere il danaro, oppure essere scortesi, oppure essere un po troppo lunatici, oppure essere un po troppo furbi per i propri interessi, insomma ce ne sono parecchie di queste cose, che generalmente la gente e anche i sacerdoti non badano, perché anche nella chiesa spesso taluni sacerdoti fanno e giustificano a loro volta considerandole cose da poco, ma il Signore non considera queste cose da poco, il suo metro valutativo è molto diverso dal nostro, anche nel poco il Signore guarda, anzi Lui valuta di più nel poco che nel molto. 

Ora la rivelazione quando sarebbe realmente terminata?

E chi è che ha creato al rivelazione?


Ora Gesù è colui che ha rivelato il verbo e ha portato la verità, da lui parte la rivelazione. 

Gli apostoli a loro volta non sono rivelatori della verità, perché non ne sono promotori, ma solo coloro che fanno da testimoni alla verità, perché sono stati presenti alla rivelazione di Cristo. 

Gesù disse e promise agli apostoli che avrebbe mandato loro lo spirito consolatore che altro non è che lo Spirito Santo, ma questo modo di parlare di Gesù non era esclusivo solo per gli apostoli, ma per tutti coloro che volessero farsi testimoni di Cristo, anche perché sarebbe stato alquanto riduttivo dar la possibilità solo agli apostoli di ricordare senza sbagliare cosa Egli aveva detto, cioè rivelato, per cui lo Spirito Santo viene per volontà divina sul mondo e su quanti, desiderano diventare parte con Cristo della medesima rivelazione.
Ciò significa che lo Spirito Santo avrebbe potuto rivelare altre cose che gli apostoli non avessero scritto nei vangeli o in altre lettere.
Perchè proprio nei vangeli stessi lo dice, che gli stessi vangeli non riportano tutto il testo, ma bensì solo una parte di quanto Cristo rivelò , quindi il restante non è mai stato scritto, deve essere rivelato ad opera dello Spirito Santo che il Signore promise. Per cui da ciò si comprende che la rivelazione non può essere terminata, con coloro che hanno testimoniato colui che l'ha portata e l'ha rivelata, altrimenti Cristo non avrebbe detto vi mandò lo Spirito consolatore, perché è implicito che gli bastava quello che costoro avessero ricordato e scritto, ma dato che non è così, lo Spirito Santo era necessario proprio per questa ragione.

Per cui quando la rivelazione è terminata?


Quindi chi ha rivelato la parola del Padre cioè il verbo è Cristo stesso, non gli apostoli che sono solo testimoni. Per cui se dovessi dire quando è terminata, dovrei dire che è terminata con colui che l'ha rivelata e che nemmeno i suoi amici-apostoli era rivelatori, ma solo testimoni della rivelazione. 

Di conseguenza abbiamo che la rivelazione non è mai terminata, proprio per le parole di Gesù che inviò lo Spirito Consolatore.
Consolatore significa che (aiuta, istruisce, soccorre, etc) gli apostoli e a chiunque si facesse apostolo delle verità, non solo sacerdoti, ma anche persone estranee al contesto delle chiesa, basta che codeste siano portatori della parola di Cristo e portino con se la volontà di Cristo, come l'esempio chiaro dell'esorcista estraneo che gli apostoli non gradivano, perché lo ritenevano fuori dal loro gruppo, ma Gesù gli fa capire che non devono rifiutarlo, ma semmai queste persone estranee sono d'aiuto, al medesimo scopo della chiesa; questo fatto la chiesa come gli apostoli, non è piaciuto per nulla, i quali si ritenevano gli unici dispensatori delle grazie divine, ma in questo Cristo è chiaro, non è come costoro volevano.

La decisione di Gesù era totalmente diversa dal pensare degli apostoli e poi della chiesa. Quindi come possiamo vedere tra Cristo e il gruppo degli apostoli vi sono dei contrasti, come se gli apostoli(chiesa) non accettassero di essere messi in secondo piano, ma quello che preme a Gesù non è la primarietà, ne tanto meno il primato, ne chi è veramente è il primo tra chiesa(apostoli) e i laici(credenti), al Signore Gesù non bada a queste piccolezze che anzi a lui danno fastidio, perché dimostrano la piccolezza umana, tanto che risponde in favore dell'esorcista estraneo, “non glielo impedite, perché non c'è nessuno che faccia qualcosa in nome mio e poi possa parla male di Me.” 


E come al solito gli uomini di chiesa sono ribelli al loro maestro-pastore. 


Il vangeli sono espressione di 4 evangelisti, ma sono stati scritti tecnicamente da altri, anche se riportano le parole degli Apostoli Matteo e Giovanni e discepoli, ma la rivelazione non appartiene a costoro, fanno solo l'operazione di trascrivere il loro ricordo. L'apocalisse viene rivelata unicamente a Giovanni, non viene dalla bocca di Cristo, perché in quel momento è già risorto, per cui Giovani vede e sente la voce di Dio e tutto il resto in forma eterica che è diverso. Per cui anche questo genere di rivelazione è postuma alle parole di Cristo. Per cui la vera rivelazione è unicamente espressione delle vita di Cristo, quando Cristo era in vita. Tutto quello che venuto dopo compresa l'apocalisse è una rivelazione che ha la tessa identica valenza, di qualsiasi rivelazione fatta in qualsiasi tempo, anche dopo la morte degli Apostoli. Oltretutto c'è da dire una cosa, il Signore avrebbe potuto rivelare solo a Giovani tutto quello che Egli ha visto dell'apocalisse quando era in vita, non lo ha fatto, perché voleva in questo modo stabilire che da quel momento in avanti, Egli si sarebbe manifestato a diversi soggetti che Lui stesso avesse scelto, nel corso della storia della chiesa e dell'umanità, per cui Giovanni diventa il primo ad avere tali manifestazioni e non l'ultimo.

Fa proprio capire che Dio vuole aprire un nuovo capitolo della rivelazione proprio rivelando l'apocalisse che è un messaggio futuristico, la quale non chiude, ma bensì apre. Infatti l'apocalisse contiene tutta la storia dell'umanità ma in forma celata, ed è proprio questo il discorso; se fosse stata rivelata chiaramente, allora si, che si poteva dire è terminata con l'apocalisse ogni rivelazione, ma dato che l'apocalisse di Giovanni è un libro criptico che solo lo Spirito Santo può rivelare i suoi contenuti a chi Dio desidera, fa capire che il testo è praticamente incompleto, o meglio dire è completo ma celato, è come se fosse incompleto, per cui Dio manderà in certi periodi persone che potranno rivelare quello che a Lui interessa rivelare, per cui la rivelazione non è terminata. Nascondere in un testo immagini figurative, rappresentative, assieme a parole, significa che quel testo non solo indica altro, ma che non è del tutto completo, perché il Signore si riserva di innestare nello stesso, quello che appositamente ha tralasciato, perché non vuole che l'uomo conosca tutto, non solo per l'uomo, ma anche all'avversario che non ha in se la conoscenza del futuro. 


C'è anche un altro fatto che attesta che la rivelazione non è mai terminata, perchè Cristo non l'ha mai detto che la sua parola avrebbe avuto una fine, questi pensieri sono parole di uomini che volendo dir una parola di più, perché pensano di essere più intelligenti di Dio stesso, hanno stabilito una parola contro la volontà di Cristo; il fatto stesso di dire, la mia legge è eterna, indica che tutto quello che Lui portò e porterà durerà per sempre, oltretutto questo fatto del voler restringere la rivelazione ad un periodo storico, fa si, che una parte del testo apocalittico, diverrebbe non certo, cioè quando la profezia dell'apocalisse, cioè del testo che rivela il futuro della chiesa nel mondo, specifica che ad un certo punto qualcuno porterà qualcosa di innovativo, fa capire che Dio vuole rigenerare la chiesa, purificandola ed esaltandola maggiormente. Purtroppo però qualcuno di poco intelligente e anche spiritualmente non sempre elevato, ha apposto una limitazione alle parole stesse contenute nel libro delle rivelazione, facendo intendere tutt'altro. 



La rivelazione non può terminare, è come dire che Dio non ha più nulla da dire, questo non è vero; non solo, ma questo modo di parlare è anche satanico, perché è satana che vuole impedire all'uomo di considerare che la rivelazione sia termina così com'è, per svariate ragioni “politiche e strategiche”. 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


Ha tutti i credenti in Cristo, la Madre di DIO l'Immacolata Concezione chiede di pregare assiduamente per alleviare a Dio la grande sofferenza che deve sopportare per la perversione della sua amata Chiesa e per la perdita di tanti suoi consacrati e credenti che hanno rinnegato Dio.



lunedì 7 maggio 2018

IL POTERE!!





Per parlare di questo soggetto, inizierò a parlare della levitazione e poi arriviamo al potere.


La levitazione!


Recentemente gran parte degli esorcisti cattolici e anche altri ritengono che la levitazione sia principalmente di natura demoniaca, questo non è affatto vero, lo posso dimostrare.

Intanto prima di tutto cerchiamo di capire cosa significa levitazione, è un termine che prende due significati, ma concettualmente indica la medesima cosa, cioè il sollevare qualcosa o il sollevarsi.

Nella fisica il termine levitazione è usato per esempio in campo magnetico, è il fenomeno indotto o prodotto da una repulsione magnetica che fa allontanare due magneti con la medesima polarità, precisamente è una repulsione ma il l'effetto è una levitazione, oppure da un superconduttore posto in condizione di freddo prossimo allo zero assoluto(-273°C), dove l'oggetto perde la sua capacità di rimane appoggiato al superconduttore e quindi levita.

Però il termine levitazione è anche un fenomeno definito paranormale ed è la conseguenza del levitare, cioè del sollevarsi per aria, cioè staccarsi dal suolo o da qualsiasi cosa e anche far sollevare oggetti, ha molto a che fare con la telecinesi o psicocinesi.

La parola è composta da due parole levitare e azione, cioè l'azione del levitare, è anche sinonimo di volare, rimanere sospeso, la sua origine latina deriva da levĭtas cioè leggerezza.

Levitare nasce dalla parola lievitare cioè l'azione che fa il lievito nell'impasto per il pane, quando si gonfia a causa dei microorganismi, altri sinonimi sono fermentare, fomentare, far salire i prezzi.





Vediamo dove troviamo il termine levitazione, non espresso direttamente ma che si comprende essere quella la causa delle manifestazioni. 


Nella vita di Gesù abbiamo almeno due importanti esempi di tale manifestazione.



Una quando Gesù cammina sulle acque, dove il suo camminare sopra un elemento che non è solido, indica un fenomeno di levitazione o anche di volare. Egli levita rispetto al fondo del mare o lago, quindi cammina sull'acqua.

"Egli venne verso di loro camminando sul mare"
Matteo 14:22-36; Marco (6,45-52); Giovanni (6,15-21)


Il secondo punto,  quando Satana lo conduce sul precipizio e anche sul pinnacolo più alto del tempio.  

Matteo 4,1-11 "lo depose sul pinnacolo del tempio " deporre, significa porre sopra, e cioè intende dire che volò sopra. "lo condusse con sé sopra un monte altissimo" "lo condusse", cioè lo porta con se, "sopra" cioè lo porta volando. 


In entrambi i casi il fenomeno è lo stesso identico, salvo il fatto che nel primo caso è Gesù Stesso per decisione sua, si solleva per camminare sull'acqua; nel secondo caso invece è il demone che conduce Cristo sul monte e sul pinnacolo del tempio, non lo trascina ma lo conduce, cioè lo porta in volo. 

La prima azione è Dio in Cristo stesso che la compie, per sua volontà, mentre la seconda è una volontà maligna, ma Dio non centra nulla.

Le due realtà, sono ottenute entrambe dal medesimo potere, perché, non esiste potere del maligno e potere di Dio, entrambi sono potere soprannaturale della medesima origine, perché il maligno prima di essere tale, era un angelo di Dio per cui il suo potere gli stato dato da Dio stesso, ancora in origine. 

Cosa voglio dire con questo, che anche se il potere usato per levitare o volare è prodotto da Gesù o derivato dall'azione del maligno, esso è prodotto dal medesimo tipo di potere, solo che uno è usato da un soggetto Buono o da un essere dedito al Bene, e l'altro soggetto Cattivo, o da un essere dedito al Male, ma il potere è esattamente lo stesso, cioè la tecnologia che sta alla base del potere non è diversa, è la stessa.

Questo significa che il potere è il medesimo solo che è lo scopo e l'uso che se ne fa dello stesso che cambia la destinazione del potere, un esempio per far capire.

Una lama di un coltello la puoi usare per tagliare, ma anche per uccidere, ma è sempre il medesimo oggetto, che può essere usato con due finalità.

Voglio far capire che tutto dipende dalla finalità che si usa quel potere o oggetto che è il medesimo.

Usato sia per fare il bene come anche per fare il male, tutto dipende dall'intenzione che si desidera esercitare.

Anche un esorcismo lo si potrebbe indirizzare per fare il male se si volesse, così una benedizione può diventare una maledizione, se cambia l'uso di quelle parole e l'intenzione che si vuole esercitare su di essa.

Per esempio noi possiamo essere posseduti da uno spirito buono(Spirito Santo o anche un angelo) la chiesa non lo definisce con il termine possessione, ma si usa il termine estasi, ma sostanzialmente è il medesimo fenomeno, come anche da uno spirito(cattivo) maligno, che possiede un corpo.
Non possono esistere due spiriti diversi nello stesso corpo, o l'uno o l'altro. Entrambi gli spiriti esercitano in quell'essere un azione positiva o negativa, usando lo stesso genere di potere.

Quindi tutto il potere è sempre di origine divina, perché era ed è di Dio stesso, fin dalla sua origine.
Satana dopo la sua cacciata non rinunciò al suo potere se lo tenne, ma questo potere che è nel maligno non ha una connotazione come la chiesa crede di origine maligna, no, il potere non ha una collocazione ne maligna, ne benigna, per quanto derivi sempre da Dio stesso, perché è in Dio che si trova la sua fonte. Il potere è un elemento chiamiamolo neutro, non ha in se stesso alcuna positività ne negatività, può essere quindi usato sia per far il bene che far il male, cioè lo stesso potere. Tutto dipende da chi lo esercita e la finalità.

E' l'uso di quel potere, che ne determina la sua funzione sia in senso negativo che in senso positivo, per esempio satana può fare miracoli? Si, li può fare, ma per volontà diretta di Dio, questi suoi miracoli non possono durare troppo a lungo, questo significa che c'è una limitazione non nel potere usato per far il miracolo, ma nella sua durata. Mentre Dio quando fa il miracolo esso è perpetuo, non c'è limitazione, mentre per il maligno la limitazione esiste. Questa limitazione sta nel fatto che il maligno in se stesso è limitato, anche se usa la medesima tipologia del potere, per esercitare il potere stesso.


Ora come la chiesa sa bene, ed essa stessa ha approvato alcuni santi che esercitavano questo potere della levitazione abbiamo: (San.Giuseppe da Copertino, San Tommaso d'Aquino, Santa Caterina da Siena, San Filippo Neri) e forse ve n'è anche altri. Voglio dire una cosa curiosa, è direi per nulla corretta, perché in tutte le cose bisogna essere giusti ed onesti sempre, gli uomini di chiesa, curiosamente finché ad esercitare questi poteri sono gli stessi uomini di chiesa, i poteri o detti anche doni, che essi esercitano, vengono considerati in buona parte di origine divina, mentre guarda caso, chi non appartiene direttamente all'ordine dei sacerdoti, quindi il povero laico, il quale però ha avuto l'esperienza di Dio, i poteri o doni che dovesse esercitare vengono considerati spessissimo di natura satanica. Voglio precisare, una cosa, questo modo di fare, a Gesù Cristo non piace proprio per nulla (ma tanto so che a voi non ve ne frega proprio nulla), perché non c'è nessuno uomo che possa sapere con precisione se tali doni o poteri vengono da Dio o dal maligno e il maligno stesso sapendo questo aspetto, perché lo sa ci gioca pure con voi e voi ci crete anche. Alle volte a causa della cattiveria e malignità di taluni sacerdoti, si esercitano i doni dello Spirito Santo per chiedere a Dio di togliere a eventuali persone scelte da Dio stesso, i loro doni, questo fatto ha spesso fatto innervosire Cristo, perché significherebbe che la chiesa è gelosa, non di Cristo, ma del fatto che Cristo-Dio si permetta di scegliersi fuori dalla chiesa, soggetti diversi. Non so, se mi sono spiegato !!! Si permette di decidere di scegliersi soggetti diversi dal consacrato stesso.

Si permette” come se gli uomini di chiesa fossero loro stessi a decidere su cosa Cristo può o non può fare Cristo-Dio.

Voglio ricordare agli uomini di Chiesa, che non amano proprio ricordare, le parole scomode che Cristo disse a Pietro” Posso fare delle mie cose quello che voglio? “ Ovviamente si, ma certi uomini di Chiesa avrebbero risposto, No! Ed agito conseguentemente.

Andiamo avanti, che è meglio!!!

Tutte le creature spirituali posseggono una serie di poteri, in forma diversa a seconda della loro funzione, data e trasmessa per volontà diretta di Dio stesso. Quindi ci saranno angeli con certi poteri, come anche i rispettivi demoni che hanno anch'essi poteri identici ma usati in senso opposto, cioè con intenzione diversa, salvo il fatto, come ho detto che tutto dipende dall'uso che si fa del potere stesso.

Ma il potere definito proprio con il termine IL POTERE in senso assoluto del termine è di solo ed unico appannaggio di Dio, tutti gli altri esseri compresi angeli e demoni posseggono dei poteri, ma non cambia la sostanza della questione. Un potere può essere usato in senso negativo, come anche positivo, ma è lo stesso genere di potere, che è, un potere neutro, tutto dipende da come lo usi.

Faccio un altro esempio, un veleno può essere usato per curare, se si assume in quantità minima esso guarisce; ma se è usato in quantità eccessiva esso può uccidere, ma è sempre la medesima sostanza, cambia solo la quantità usata della stessa; poco guarisce, tanto uccide.

Il potere può essere usato sia per creare come anche per distruggere, però in questo caso il distruggere non è inteso in senso maligno del termine, non centra nulla, la finalità in questo caso è sempre positiva, perché viene usato per ottenere in beneficio.

Quindi un potere viene usato per creare/distruggere sia che sia positivo o negativo dipende dalla finalità e dal soggetto che lo usa e lo esercita.

Non dite mai, per esempio la levitazione la esercitano solo esseri posseduti perché bestemmiate Dio, non è il caso, lo dico per voi.



°°°°°°°°°°°°°°°°°
Ovviamente come tutti gli argomenti proposti nei mie articoli sono incompleti, per ragioni mie, ma nel libro che sto terminando saranno totalmente esplicitati nella massima interezza possibile, cioè spiegherò anche l'impossibile, ovviamente entrando anche in argomenti molto più vasti che non solo quelli spirituali o teologici. 



°°°°°°°°°°°°°°°°°
link 
immagine 3


Ha tutti i credenti in Cristo, la Madre di DIO l'Immacolata Concezione chiede di pregare assiduamente per alleviare a Dio la grande sofferenza che deve sopportare per la perversione della sua amata Chiesa e per la perdita di tanti suoi consacrati e credenti che hanno rinnegato Dio.