mercoledì 9 aprile 2014

INTERPRETAZIONE GENESI

GENESI.

Cap.1 .
Tutto il capitolo primo della genesi tratta del creare.
Vediamo di analizzare alcune parti interessanti della Genesi (creazione)

“In principio Dio creò il cielo e la terra.”

In principio cioè all'inizio degli inizi … prima della creazione della terra … ma questo è il vero cielo? E questa è la vera terra? Intanto leggiamo il resto del testo!

“La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque. “
Dio disse:” Sia la luce!” e la luce fu.
“Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre e chiamò la luce giorno e le tenebre notte.”
“E fu sera e fu mattina primo giorno.”
Dio disse:” Sia il firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque “. Dio fece il firmamento e separò le acque, che sono sotto il firmamento, dalle acque, che sono sopra l firmamento. E così avvenne. Dio chiamo il firmamento cielo. E fu sera e fu mattina secondo giorno”.
Dio disse:” Le acque che sono sotto il cielo si raccolgano in un solo luogo e appaia l’asciutto”. E così avvenne. Dio chiamò l’asciutto terra e la massa della acque mare. E Dio vide che era cosa buona.”
E Dio disse:” la terra produca germogli, erba che producano seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con seme, ciascuno secondo la sua specie”.
“E così avvenne, la terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina terzo giorno.”
Dio disse:” ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra. E cosi avvenne. Dio fece le due grandi luci,la luce maggiore per regolare  giorno, la luce minore per regolare la notte  e le stelle. Dio l pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra e per regolare giorno e notte e per separare la luce dalle tenebre. E Dio vide che era coda buona.  E fu sera e fu mattina quarto giorno.”

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Allora, come è la questione realmente? di che cielo, di che terra, di quali acque e tenebre, tratta nei primi giorni della creazione?
Da questa affermazione si rileva che il primo giorno avviene la creazione della materia chiamata terra e dello spazio chiamato cielo.  

Il primo giorno crea lo spazio(cielo) e poi la materia(terra), cioè ogni singolo pianeta. 

Quindi la terra era informe, cioè senza forma precisa, “La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque. “ le tenebre ricoprivano l’abisso? 
Cos’è questo abisso? Una zona di separazione tra la terra ”materia”, pare che questo abisso fosse pieno d’acqua … la terra era circondata da acqua che creava un abisso attorno a se e lo spirito di Dio aleggiava attorno … si potrebbe dire che i pianeti in origine erano formati da una zona di materia(terra) e una zona attorno ad essa di acqua come una nube. La nube primitiva formata da un acqua particolare, nella quale era immersa la materia solida(roccia).

IL primo e secondo elemento della creazione è Spazio e Materia.

Ma tutto il discorso è da considerarsi all'inizio, un origine di cui noi non abbiamo alcun sentore e alcuna conoscenza.

Dio disse:” Sia la luce!” e la luce fu. , ma di quale luce si tratta? Potrebbe sembrare la luce del sole, ma non è quella del sole, parla di una luce, ma è una luce reale? Si, è reale tanto quanto spirituale, in realtà, la Luce di cui parla, è luce di Dio, che diviene visibile, nella materia. Una luce che illumina tanto quanto quella del sole o delle stelle, ma non è il sole. Possiamo dire che Dio si è reso visibile in forma di luce, quando generò la materia.

Quindi il terzo elemento della creazione è la luce.

Poi dice:
“Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre e chiamò la luce giorno e le tenebre notte.”
Parla della separazione, cioè dell’allontanamento delle tenebre dalla luce di Dio, tenebre,  sta dicendo esattamente che questa luce è in realtà intesa come il bene e le tenebre sono intese come il male, quindi fa capire che separa il bene dal male, primo giorno!

Ma anche separe le due entità materiche la Luce e la notte(oscurità)

Creazione di altri due elementi 5-6 La Luce e le Tenebre

Dio disse:” Sia il firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque “. Dio fece il firmamento e separò le acque, che sono sotto il firmamento, dalle acque, che sono sopra il firmamento. E così avvenne. Dio chiamo il firmamento cielo. E fu sera e fu mattina secondo giorno”.

Vediamo di capire un po’ la questione.. intanto dopo la creazione della materia chiamata terra e sicuramente in ciò esiste anche la creazione della terra(pianeta) e di tutto l’universo  e dello spazio chiamato cielo, Dio crea il firmamento e gli da il nome di cielo, ma se guardiamo bene la medesima parola è già stata usata al primo giorno, allora di che Cielo si tratta nel primo giorno?

“In principio Dio creò il cielo e la terra.” Se in principio vi era già un cielo e una terra(materia), allora le medesime parole cielo che terra, sono state usate per indicare cose diverse. Perché se il principio, sussisteva un cielo e una terra, non indica la nostra terra e il nostro cielo, ma bensì una terra e un cielo non terrestri. Possiamo dire che Dio vive in una sua terra con un suo cielo, la quale è chiamata terra, come dire mondo, come dire pianeta, e con un cielo, come dire atmosfera, come dire spazio. Ciò si comprende che esistono molte terre e molti cieli di diversa origine e di natura, ma con la medesima parola si intendono cose differenti.

“Dio fece il firmamento” dice “fece” , cioè creò il firmamento che non sarebbe altro che la volta celeste o meglio dire, ciò che noi dalla terra vediamo guardando il cielo sia durante la notte e durante il giorno, cioè lo spazio infinito quindi il firmamento non è altro che lo spazio infinito …

Il firmamento in mezzo alle acque, ma di che acque parla? Sono vere acque? O cosa sono?
Certamente il riferimento va non alle acque terrestri, ma alle acque spaziali che molto probabilmente esistevano in origine, le quali erano molto più abbondanti nello spazio di quanto non lo siano ora.  Qui ci fa capire anche un'altra cosa che in origine lo spazio era più piccolo, e che esso era come immerso nelle acque. Come un guscio che racchiudeva in se una quantità di acque e all'interno si realizzava tutto questo....Per dire il firmamento in mezzo alla acque, ciò significa che separa le acque mediante la creazione dello spazio, che viene posto al centro delle acque, le quali si separano formando due strati le acque che poi cadranno sulla materia sotto forma di pioggia(pianeti, terra) e quelle che rimarranno nello spazio.
Il firmamento è lo spazio infinito quindi se le acque fossero state vere acque, dovremo dire che lo spazio era pieno di acqua, ma è vera acqua? No, non è esattamente l’acqua che noi conosciamo, è un acqua non acqua, è un acqua spirituale, più simile al vapore che all'acqua liquida. Quindi il firmamento era composto da un particolare tipo di acqua, in cui in origine era immerso. Potremo dire che l’acqua in cui erano immersi i pianeti e tutto il resto è una forma di plasma che ha le medesime caratteristiche dell’acqua, ma non è realmente acqua.

Ma il cielo che cos'è? Noi lo chiamiamo cielo perché Dio lo chiamò così! Ma per noi il cielo è lo strato di atmosfera che separa la terra dallo spazio, ma il cielo forma attorno alla terra un globo o quasi, a seconda della forma del pianeta, ma quando parla di cieli, cosa intende?

Se il cielo al singolare è quello della terra, i cieli al plurale cosa sono? Ebbene per i cieli si intende sia il cielo terrestre, che lo spazio circostante, che lo spazio in cui è inglobato il sistema solare, ma i cieli sono anche quelli di ogni singolo pianeta o stella, ma è chiamato cielo per Dio anche lo spazio che circonda una galassia, un sistema di galassie o lo stesso universo. Quando si parla dei sette cieli, si fa riferimento ad ogni singolo cielo a partire da quello di un pianeta fino ad arrivare alla massima dimensione possibile. Quindi abbiamo il pianeta/stelle(terra/sole) cielo(atmosfera); il sistema solare spazio in cui vive(cielo); galassia, spazio(cielo); ecc. fino al 7 grado che corrisponde con l’universo. Esiste però anche l’ottavo cielo che però è uno spazio ”cielo” di natura soprannaturale, che identifica la natura stessa di Dio. Il termine cielo è inteso in senso di globo, come fosse uno spazio contenitivo all'interno del quale vive quel determinato spazio e si verificano  determinati eventi, questi spazi interagiscono tra di loro, ma possono anche facilmente venir governati.  Immaginate delle sfere una dentro l’altra così è costituto l’universo. Esso è la sfera principale, al suo interno via via sempre più piccolo fino ad arrivare al singolo pianeta o stella.
Separa le acque che stanno sui pianeti da quelle che stanno nello spazio. Praticamente rende liquido il vapore (pioggia,acqua,mari,fiumi) quello sotto il cielo=(firmamento) e quello sopra il cielo rimane vapore.
Poi sulla terra separa il cielo in altri strati.

Fu sera e fu mattina, è un modo per indicare un arco di tempo, nello spazio temporale. Secondo giorno! Se un giorno terrestre dura circa 24 ore, un giorno universale quanto durerà?

Quindi dire mattina e sera è solo in relazione alla durata del giorno universale di cui nessuno sa quanto sia…però fatte le dovute considerazioni si potrebbe determinarlo…questo è un altro discorso.

altro elemento il 7 il firmamento.

°°°°°°°°°°°°°°°°°
Dio disse:” Le acque che sono sotto il cielo si raccolgano in un solo luogo e appaia l’asciutto”. E così avvenne. Dio chiamò l’asciutto, terra e la massa della acque, mare. E Dio vide che era cosa buona.”
E Dio disse:” la terra produca germogli, erba che producano seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con seme, ciascuno secondo la sua specie”.
“E così avvenne, la terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina terzo giorno.”
Qui sembra proprio  che si parli della formazione reale della terra  e della creazione del regno vegetale … la luce che illumina la terra è ancora la luce di Dio …. Luce creatrice e generatrice. Terzo giorno.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Dio disse:” ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte; servano da segni per le stagioni, per i giorni e per gli anni e servano da luci nel firmamento del cielo per illuminare la terra. E cosi avvenne. Dio fece le due grandi luci,la luce maggiore per regolare  giorno, la luce minore per regolare la notte  e le stelle. Dio le pose nel firmamento del cielo per illuminare la terra e per regolare giorno e notte e per separare la luce dalle tenebre. E Dio vide che era cosa buona.  E fu sera e fu mattina quarto giorno.”

… vediamo qualcosa di interessante … dice: ” ci siano luci nel firmamento del cielo, per distinguere il giorno dalla notte …. Dio fece le due grandi luci, la luce maggiore per regolare  il giorno, la luce minore per regolare la notte  e le stelle.”  Ecco qui, Dio crea il sole e la luna, nelle parole “Dio fece le due grandi luci” sottolinea che le ha create in questo”giorno” lo sottolinea anche dalla frase, “Dio le pose nel firmamento del cielo”  le pose, collocate; oltretutto specifica che il firmamento del cielo è lo spazio …  quarto giorno!.

In questo passo si nota la differenza che c’è tra le terra come materia e la terra come pianeta, ma anche la differenza tra cielo terrestre  e cielo non terrestre, tra luce di Dio e luce del sole. Tra tenebre (male) e tenebre mancanza della luce del sole. Se non fosse stato specificato questo passo, allora si sarebbe pensato che dal primo giorno in poi, si parlava direttamente solo della creazione terrestre, ed invece non è così. Il primo giorno Dio parla della creazione della materia, anche della creazione del nostro mondo, al meno in origine e della Sua uscita dall'invisibile per divenire visibile sotto forma di luce, parla anche della separazione tra tenebre cioè male e luce cioè bene.  Poi dal terzo giorno si ha la creazione effettiva della terra con le sue creature.

Quindi fino al quarto giorno non esisteva la luce delle stelle, ne del sole, ne un suo riflesso(luna) ma vi era un luce diversa.

L'ottavo elemento la creazione delle stelle, Sole/i. e (satelliti) Luna

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Dio disse:” le acque brulichino di esseri viventi e uccelli volino sopra la terra davanti al firmamento del cielo” Dio creò i grandi mostri marini e tutti gli esseri viventi che guizzano nelle acque, e gli uccelli alati, secondo la loro specie. Curioso il fatto che specifichi gli uccelli alati!! Come se ne esistevano anche di non alati, questo fa capire che esistevano anche  non alati.

Dio li benedisse “ siate fecondi e coprite la terra ….” Quinto giorno.
Prima creò i pesci e poi gli uccelli …
Dio disse” la terra produca esseri viventi secondo la loro specie bestiame, rettili, bestie selvatiche,” dio disse che era cosa buona … .
Qui identifica i vari tipi di animali, ma la cosa curiosa, che indica il bestiame da allevamento, dalle bestie selvatiche, quando la scienza insegna che il bestiame è originato dalla bestie selvatiche, invece nel brano della genesi, sembra che il bestiame venga creato per primo, a seguire dai rettili e dalle bestie selvatiche.

Dio disse:” facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza, e domini sui pesci del mare, e sugli uccelli del cielo, sul bestiame,  su tutte le bestie selvatiche, sui rettili ….”

Non parla di sua immagine, ma di nostra!!! Perché parla al plurale?

Sottolinea anche un altro aspetto, usando la parola nostra, sempre che la traduzione sia esatta….ma prendiamola per giusta… sappiamo che ci sono gli dei Onnipotenti che sono gli elohim, quindi “nostra” perché non parla solo del Dio creatore ma il riferimento è in accordo con tutti gli altri dei Onnipotenti. 
Sesto giorno!

Cap. 2, 4
“Quando il Signore Dio fece la terra e il cielo nessun cespuglio campestre(selvatico) era sulla terra, nessuna erba era spuntata …. perché il Signore non aveva fatto piovere … “

Perché aveva trattenuto le acque cioè le  nubi. 

Dio plasmò l’uomo con la polvere del suolo e soffio un alito di vita … alito = anima o spirito.
L’essere umano è stato creato, plasmato usando la materia(terra)

Creazione del giardino!
Si legge: Dio piantò un giardino in Eden, / a oriente e vi collocò l’uomo. ……..  Un fiume usciva da Eden, per irrigare il giardino, poi lì si divideva e formava 4 corsi.  Il primo Pison, scorre attorno al paese di Avila, dove vi è l’oro, l’onice, la resina odorosa(incenso); il secondo Ghicon scorre attorno all’Etiopia. Il terzo è il tigri. Quarto è l’Eufrate

È probabile che Eden fosse un continente primordiale almeno quello che esce dopo il periodo di stabilizzazione, dato dalla creazione sia della terra che delle creature in esso.

Da quello che si sa la terra ha effettuato diverse inversioni di campo magnetico, il nord poteva trovarsi al momento della creazione pure a sud e viceversa, o in latra posizione, per cui nessuno può sapere esattamente dove il giardino era collocato con precisione, se verso il nostro oriente cioè l’asia o verso il nostro occidente; visto che il continente era un ammasso unico, il polo sud poteva trovarsi verso est anziché verso ovest.  Chi ci dice che il giardino non sia proprio al polo sud?

Sarebbe pure stato un bel modo per occultare sotto i ghiacci eterni alcuni segreti.
A oriente del mondo, vi collocò l’uomo che aveva plasmato, pose l’uomo su quel territorio, qui però non dice esattamente dove l’uomo fu plasmato, ma lo colloca presso questo posto.. Poi dice, che piantò in Eden un giardino, dice che un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino… il termine uscire in questo caso potrebbe far sembrare che il giardino non fosse in Eden, invece il termine sta ad indicare che la parte dove nasce e scorre questo fiume è una zona specifica dell’Eden, probabilmente si riferisce alla zona montuosa dell’Eden, quindi usciva da questa zona forse una catena montuosa chiamata EDEN. Uscire come dire scorrere.
Mi fa pensare che l’eden era collocato ad occidente o a oriente a seconda se il polo nord era a nord o a sud.…
Saltiamo per ora la creazione dell’uomo e della donna.

.................

Cap 3, 24.
Dio scaccio l’uomo da Eden,  perché lavorasse il suolo da dove era stato tratto”. Cioè da dove era stato plasmato, di conseguenza dice che l’uomo non è nato in Eden, ma fuori di esso e venne poi condotto in Eden, infatti dice che lo pone ad oriente dell’Eden.

“……… e pose ad oriente del giardino di Eden i cherubini e la fiamma della spada folgorante, per custodire la via dell’albero della vita.

I cherubini sono più di uno … un certo numero di cherubini … forse due?
La fiamma della spada folgorante ….. cos’è?
Parla della fiamma appartenente alla spada folgorante
Dovremo capire cos’è la spada folgorante?
Se guardiamo l’arcangelo Mikael esso ha una spada che genera una folgore, quindi questa è la spada che cita il passo biblico. È la spada di S. Michele. E ciò va in accordo con la caduta di lucifero, avvenuta il primo giorno.

Se osserviamo oggi, ci sono diversi santuari in Europa che tracciano una linea diritta dove si dice che San Michele abbia colpito la terra e cacciato dentro il drago satana.
Potrebbe essere che la spada indichi questa linea che in realtà è il segno per indicare dove cercare la via all’albero della vita.

Ora parla solo della fiamma che la spada genera, cioè il fulmine, saetta o folgore.
Le ipotesi sono almeno due: o  un fiume, ma non un fiume normale forse un fiume di fuoco, tipo una lingua di lava, o una faglia.  Oppure una zona che è soggetta da forti fulmini e forti scariche elettriche. Che proteggono la via  verso l’albero della vita eterna.

Da dati forniti potremo tentare di capire dove potrebbe essere una possibile collocazione.

Riassumiamo:
4 fiumi che nascono  dopo d’essere usciti dal Giardino, ma il fiume che irriga il giardino nasce da Eden. (scorre verso il giardino)

Si comprende che Eden è una regione vasta, nella quale, vi è il giardino “e pose ad oriente del giardino di Eden i cherubini e la fiamma della spada folgorante, per custodire la via dell’albero della vita.” Oriente del giardino vi sono i cherubini e  la fiamma (fulmine). Potremo pensare che se la linea sacra di S. Michele è il colpo che l’arcangelo diede alla crosta terrestre sia indicativa verso una direzione, ad oriente del giardino vi sono i cherubini che proteggono la via, si potrebbe pensare che l’antico giardino si possa trovare nel bacino del Mediterraneo, considerando che a quei tempi il mediterraneo non esisteva.  Bisogna considerare che il continente primitivo non  era nella posizione attuale, che l’Italia e tutta l’Europa erano unite con l’africa, se osserviamo le coste, dell’ Italia sono molto simili alla forma dell’nord africa, considerando erosione, spostamenti tettonici,  ecc., e chissà quale posizione avevano esattamente, ma potremo anche ipotizzare che la linea sacra di S. Michele fosse posta in senso orizzontale rispetto ad ora, proprio a segnare una direzione verso l’attuale stretto di Gibilterra. Cioè da Gerusalemme verso l’Atlantico.

E cherubini chi possono essere e quanti sono? Forse due? O di più?

Vediamo di capire la natura stessa di un cherubino, forse la scelta del tipo di angelo non è causale, ci vuole dir qualcosa … il cherubino è un angelo dall'aspetto di fanciullo o bambino o giovane di delicate fattezze e solitamente molto belli e con un particolare candore. Il cherubino è candido, bello e gioioso.  Hanno 4 ali, e una testa con 4 volti, uno d’uomo, uno di aquila, una toro, e una di leone, come i 4 esseri viventi ; hanno la funzione di protettori di Dio ….  Applicato ad un luogo, potrebbe indicare che la zona è vergine, che richiama l’origine, è bella e pura, ma potrebbe contenere in se tutti i 4 esseri, gli umani, fiere, uccelli, erbivori. Ma vi è la fiamma folgorante cioè il fulmine che protegge la via, quindi una zona estremamente elettrica, vediamo le caratteristiche di una zona con altissima concentrazione di fulmini , deve certamente essere sufficientemente umida, quindi con corsi d’acqua, formazione di molte nubi e temporali potenti, forse vi sono anche rocce magnetiche, potrebbero esserci dei vulcani …  (es: Islanda)

Ora andiamo indietro nel tempo, i continenti come oggi li conosciamo non c’erano, probabilmente ve ne era uno solo …. Quindi se osserviamo la forma delle coste degli attuali continenti, notiamo che si evidenzia una forma analoga compenetrante l’uno con l’altro, questo cosa fa capire, però si sa che cneh le acqua si sono alzate e che quindi nel corso delle varie epoche ed ere, le terre sono emerse e sprofondande cambiando l'olografia delle terre emerse, che i mari interni non vi erano, che i continenti così come sono posizionati non erano. Il mediterraneo non vi era e probabilmente la penisola italiana era in tutt'altra posizione accorpata all'Africa e molto probabilmente la turchia e la grecia eran tutte unite assieme, credo che il giardino si trovasse in questa zona. La cosa curiosa è che in Turchia Dio ha creato le sette chiese, secondo me, non è casuale la scelta, visto anche che l'arca di Noè si fermo lì, troppe coincidenze anomale, oltretutto sempre in turchia, vi era la tomba della Vergine. Tutto in turchia...mmm

Si legge: Dio piantò un giardino in Eden, / a oriente e vi collocò l’uomo. ……..  Un fiume usciva da Eden, per irrigare il giardino, poi lì si divideva e formava 4 corsi.  Il primo Pison, scorre attorno al paese di Avila, dove vi è l’oro, l’onice, la resina odorosa(incenso); il secondo Ghicon scorre attorno all’Etiopia. Il terzo è il tigri. Quarto è l’Eufrate ...................

Il giardino viene creato in Eden, in una zona ben precisa … 
A oriente dell’Eden collocò l’uomo …. Da quello che si comprende, l’eden è una regione montuosa perché da essa nasce un fiume che poi va ad irrigare il giardino, uscendo da esso si divide in 4 corsi ….  Per formare i 4 corsi d’acqua,  il fiume d’origine deve avere avuto una certa portata d’acqua, altrimenti formava 4 torrenti e non certo dei fiumi … quindi enorme, tipo il Rio delle amazzoni.
Ora è molto probabile, che in origine il Sahara fosse sicuramente una zona montuosa, con foreste, che nessuno dei bacini idrici attuali fosse nel posto di oggi, che i mari interni non vi fossero, come il Mediterraneo, il Caspio, Mar Nero,  Mar Rosso,  golfo Persico ecc.. Quindi dire con sicurezza dove prendessero origine i 4 fiumi è molto difficile … visto che un fiume nella storia può cambiar il corso diverse volte e anche sparire. Però se il Tigri e l’Eufrate sono ancora lì, significa che la zona è quella, anche se gli altri due non appartengono a questa regione, uno è in Africa cioè il Ghicon(potrebbe essere il Nilo), però il Nilo scorre verso nord,  il Ghicon gira attorno all'Etiopia, cosa che in Nilo attuale non fa, potrebbe invece essere che anticamente il corso del Nilo non fosse quello attuale; altro il Pison dice che scorre attorno alla regione d’Avila, dove vi è oro di ottima qualità,  onice e resina profumata(incenso e mirra). Le piante odorose, crescono soprattutto in climi caldi, Arabia, Africa, ecc. anticamente gli Egizi si fornivano di onice da delle miniere sia in Arabia che in Africa. Ma certamente il fiume che scorre attorno all'Etiopia doveva sfociare verso sud non verso nord come il Nilo, visto che Eufrate e Tigri sono fiumi che nascono a nord.
Un'altra cosa non sappiamo quanto fosse lungo il primo fiume che raggiungeva il giardino prima di dividersi in 4: Pison, Ghicon, Tigri, Eufrate. E non conosciamo la sua sorgente. Di conseguenza dire che il giardino coincida con Israele è una forzatura; sono convinto che Dio non abbia fatto coincidere Israele con il giardino, per evitare alcune conseguenze. Ma abbia ben nascosto all'uomo la posizione dello stesso.
Ammettiamo per ipotesi, che il Pison sia il fiume Giordano, ma questo doveva allungarsi molto di più e arrivare a scorrere attorno alla regione d’Avila(penisola arabica).
Secondo me il Pison formava un lago al centro del quale vi era questa regione(isola) chiamata Avila ecco perché si dice scorreva attorno. Consideriamo che dopo il diluvio la medesima regione sarà stata sommersa dalle acque per cui al centro vi era sicuramente un isola che emergeva, Avila, può essere l’Arabia, ma può essere anche una regione dell’Africa, sono più propenso per l’Arabia.
Anche per il Ghicon:” il Ghicon scorre attorno all'Etiopia”, può essere benissimo che in origine il Nilo circondasse l’Etiopia come se fosse un isola  nel fiume, poi con il diluvio, terremoti ecc, abbia preso, più o meno il corso attuale. Consideriamo che il Mar rosso non vi era, quindi l'Africa era unita con la penisola arabica di conseguenza  è logico che prima del diluvio vi era questo fiume il Ghicon(Nilo) che si allargava molto e formava un isola grande come una regione, ma anche il Pison faceva la stessa cosa.  Consideriamo che a quei tempi l’erosione dell’acqua sulle rocce non aveva formato alvei profondi e i letti dei fiumi erano sicuramente molto più larghi di oggi, però c’è da capire la direzione della corrente dell’acqua, in origine prima del diluvio … molto probabilmente andava verso sud.
Può benissimo essere che il grande fiume provenisse da zone del pianeta molto lontane, per esempio in sud America o in nord America, oppure nel nord dell’Europa o anche l’Asia. Però considerando che le catene montuose più vecchie non sono quelle della catena dell’Himalaya, ma di altre parti del mondo, si potrebbe pensare che non sia l’Asia l’origine del grande fiume che dissetava il giardino in Eden.