mercoledì 1 aprile 2015

Solo DIO va adorato.

Solo DIO va  adorato!







Uno dei comandamento più conosciuti è quello che impedisce l’idolatria …
Ma vediamo nello specifico prima di esporre alcuni interrogativi …
------------------------

« E Dio pronunciò tutte queste parole dicendo così:
Io sono il Signore tuo Dio, che ti fece uscire dal paese d'Egitto, dalla casa del [faraone dove eravate] schiavi.
Non avrai altri dei al mio cospetto. Non dovrai farti alcuna figura scolpita, né immagine alcuna delle cose che sono in alto nel cielo o in basso sulla terra o nelle acque al di sotto della terra. Non ti prostrare davanti a loro e non li adorare, perché io, il Signore tuo Dio, sono un Dio scrupoloso [nell'esigere la punizione per l'idolatria]. Per coloro che mi odiano Io punisco il peccato dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione mentre uso bontà fino alla millesima generazione per coloro che mi amano ed osservano i miei comandamenti.
Non pronunciare il nome del Signore Dio tuo invano; perché il Signore non lascerà impunito chi avrà pronunciato il suo nome invano.
---------------------------
Dovremo però fare un analisi attenta …

Non avrai altri dei al mio cospetto-

Voglio fare notare una cosa …

Non avrai altri dei al mio cospetto, cioè non devi porre altri dei prima di me, ne li dovrai adorarli … quindi sta dicendo solo Lui deve essere adorato, è più che logico.

Io posso prendere così come sta la questione mi va bene, senza pensare ad altro, però c’è un problema.

Dice che lui solo vuole essere adorato e non tollererà alcun altro dio che lo possa essere posto prima di Lui.

Come si fa ad adorare un Dio che non si vede? Che non ha nessun simbolo, ne immagine, certo per esempio io quando prego guardo il cielo senza una connotazione o un identificazione, ma non tutti sono capaci di far ciò, la gran parte della popolazione ha bisogno  di un identificazione è una cosa connaturata con noi stessi.

Ora con Mosè, Dio cosa fa, dopo avergli dato, le tavole, gli ordina la costruzione di un arca, nella quale custodirà le tavole, però l’arca stessa diviene un simbolo di adorazione, tanto che i sacerdoti e re si prostrano ad essa, e Dio viene identificato mediante quel simbolo, quindi non c’è un immagine di un essere, ma c’è un simbolo che lo sostituisce.

Ma anche con Gesù avviene la stessa cosa, la croce diviene il simbolo di Cristo e lo sostituisce, tanto che tutti si prostrano ad esso, come fosse Cristo stesso. Ma Gesù in tutte le apparizioni non ha mia condannato l’adorazione innanzi alla Croce anzi. Così non ha mai fatto Dio Padre innanzi all’Arca dell’alleanza, le due cose sono perfettamente identiche.

Ora il commento dice, ““Non dovrai farti alcuna figura scolpita, né immagine alcuna delle cose che sono in alto nel cielo o in basso sulla terra o nelle acque al di sotto della terra. Non ti prostrare davanti a loro.”

Il comandamento sembra in contraddizione con l’arca e con la croce come simbolo di Dio e di suo Figlio Gesù..

“Non dovrai farti alcuna figura scolpita, né immagine alcuna delle cose che sono in alto nel cielo…. Non ti prostrare davanti a loro.”
Cosa intendeva dire realmente Dio con queste sue parole?
Qualcuno direbbe ma se Lui dice non ti prostrare e non ti fare indica anche di fronte a se stesso, perché i simboli sono sempre immagini , la logica umana direbbe questo, ma  c’è un punto che contraddice la nostra logica.

“Io sono il Signore tuo Dio- “          primo specifica che solo Lui è il nostro Dio, quindi ovviamente Dio, vuole da noi ogni riconoscimento ed adorazione.

“Non avrai altri dei al mio cospetto- “  qui è chiaro non avrai altri dei, non parla di se stesso, ma di altri, quindi il riferimento a chi è nei cieli , sulla terra o sotto terra, è in riferimento agli altri, non a se stesso.  Anche se LUI si trova nei cieli, ma in questo dice di più, in sostanza sta ammettendo che nei cieli esistono altri dei oltre a LUI, dei minori, però ci sono. Per quello dice Non avrai altri dei al mio cospetto , perché LUI sa essere il primo tra tutti, gli altri sono dei inferiori a lui, anche gli angeli stessi possono essere degli dei agli occhi umani, ma senza ombra di dubbio è così. Ed eventualmente anche creature non terrestri se mai esistessero potrebbero essere per noi dei, pure i demoni stessi per il potere che hanno sono per noi dei, e anche gli stessi umani, che hanno un potere terreno, possono divenire dei, cioè i Re, i principi, i cardinali, i vescovi … Questo intende dire Dio.

Non vi sarà perdonato, se adorerete un Dio, o dei che non sia IO. Per questo egli da un simbolo che è l’arca, per questo che da un simbolo che è la croce, per questo Gesù si mostra in figura umana, per questo Gesù nasce tra gli uomini proprio perché vuole essere riconosciuto e quindi adorato, ma essendo Gesù figlio dell’Onnipotente Dio YHWH è logico che si debba a lui onori, cioè adorazione, come lo si fa con il padre Suo.  Quando gli apostoli lo riconoscono quale figlio di Dio, non fanno altro che adorarlo, e Gesù non disdice questo, anzi lo apprezza, se fosse stato contrario a ciò fli avrebbe rimproverati, ma non l’ha fatto.
Se Dio Padre fosse stato contrario all’adorazione verso se stesso, non avrebbe dato l’arca dell’alleanza., che è diventata simbolo di adorazione, non possedendo la sua figura. Quindi i comandamenti sono rivolti solo ed unicamente a tutte le creature che sono dei minori, rispetto a Lui.

Ma Gesù con la sua venuta, rivela all’umanità quel volto di Dio, che Egli stesso non ha mai voluto mostrare di se, non a qualcuno eccezionalmente. Quindi le parole di Gesù rivelano la natura di Dio, il suo volto, infatti Gesù lo dice chiaramente che Lui è venuto per rivelarsi, cioè mostrarsi al mondo, farsi vedere, perché così il mondo aveva un riferimento diretto e poteva adorare Dio mediante il volto di suo Figlio. Quindi se la sindone rappresenta veramente il suo sudario, quello che è il suo volto. E come ho sempre detto e mi ripeterò fino alla nausea, che Dio ha innanzi a se, il futuro generale e particolare di ogni uno istante per istante, per cui lui sa già tutto quello che sarà fino alla fine dei tempi. Ed infatti lo ha dimostrato e lo dimostrerà per sempre ai profeti. Dio sapeva che l’uomo lo avrebbe adorato, in una forma visibile, e sapeva anche che l’uomo ha bisogno di un identificativo perché altrimenti immagina cosa non giuste, e si fa simboli non corretti, meglio dare un simbolo sicuro, certo, univoco per tutti.

Quindi Dio non vuole che nessuno adori altri dei minori, le immagini di angeli non andrebbero fatte, neppure di San Michele, che cmq sia penso, che Dio lasci fare, perché egli è molto buono e paziente e soprattutto perché poi il fine è buono, è quello che conta principalmente. Il fine, può giustificare i mezzi. Altro caso è per la Vergine Immacolata, che essendo superiore agli arcangeli, rientra nella sfera divina, non solo perché Sposa del Padre e dello Spirito Santo, ma anche perché Madre del Figlio, quindi logicamente il suo fine è quello di portare gli uomini a Dio  Trinità, e quindi la sua adorazione è consentita. Anzi il Figlio vuole che la Madre sia onorata come si addice a chi appartiene alla famiglia divina, cioè alla corte dell’Imperatore = Re dei Re che è Dio Padre, più di un arcangelo, perché mediante Lei, si compiono delle grazie che faticosamente sarebbero accettate in altro  modo. Quindi la Madre di Dio agisce su Dio stesso con una certa forza, e riesce ad ottenere più di quanto noi pensiamo. Moltissime grazie date a questa umanità sono dovute alla Sua azione presso il Figlio. Quindi Maria immacolata è di diritto una Regina, come tale il figlio vuole almeno che sia onorata. Anche se molti anche cristiani, anche religiosi bisogna di la verità non sopportano molto questo discorso, ma loro non sono Dio, quindi meglio fare un piccolo peccato di adorazione verso la Madre di Gesù che contrariare Gesù stesso, per non aver onorato Sua Madre come si deve.

Quello che non si deve fare, è adorare i santi, ecco questi non vanno adorati, il comandamento è chiaro cio che è sulla terra, cioè l’essere umano reso santo. Oltretutto questo comandamento fa capire anche un altro aspetto,. Che non spetat all’uomo santificare nessuno, nessun Uomo può sapere con precisione millimetrica il pensiero di nessuno, ne la sua santità vera, per cui l’azioen di santificazione è sbagliata, anche se per noi è giusta, ma è un azione che supera Dio stesso, quindi un azione contraria alla volontà di Dio. E’ Dio che quando l’anima del soggetto arriva al suo cospetto deciderà se santificarlo o no, noi sbagliamo sempre anche in ciò, a meno che non sia Dio stesso a dire che tale anima è al suo cospetto e non sia Dio stesso a dire che è santa, ma difficilmente questo avviene, solo rari casi, anche perché in Paradiso non ci stanno solo i santi dichiarati dalla chiesa, ci stanno milioni di esseri umani, che mai sono stati neppure vagamente considerati santi, e mai la chiesa li ha conosciuti come tali … per cui sarebbe giusto e logico che tutti coloro che sono presso Dio fossero dichiarati santi. Ma solo Dio conosce le loro identità, noi no! Quindi solo Dio sa quanti “santi” veri sono presso di Lui, e purtroppo bisogna dire la verità che la chiesa cattolica e anche altre fedi che rientrano in Dio padre, figlio, Spirito Santo, non sanno se tutti i santi da loro promossi sono tali presso Dio. Perché è molto facile che più di qualcuno sia da qualche altra parte.

Faccio un esempio ben due persone che ho conosciuto personalmente una dopo l’altra; prima Suor Pura, molto conosciuta mi pare anche in odore di santità e l’altra fu Maria Simma altra donna particolare, entrambe senza conoscere quello che l’una o l’altra mi avevano detto, dissero che mia nonna non fece neppure un ora purgatorio che venne portata subito in paradiso, tanto per far capire; ma qualcuno l’ha fatta santa?, No nessuno. Però Dio l’ha resa santa … e la chiesa non ci può fare nulla.. ma questo fa capire un'altra cosa, che la chiesa fa un errore e anche un peccato, nel pretendere di sostituirsi a Dio, nella santificazione degli esseri umani, non spetta alla chiesa, non spetta al papa, rendere santo un soggetto anche se fosse il più buono di questa terra, non spetta, è come se la chiesa si sostituisse a Dio, allora si che potremo dire che si compie un certo peccato!  Attenzione che il pontefice è solo Apostolo non è un Padre, non è un Maestro, non è Cristo e non è Dio!

Allora dovremmo parlare di cos’è la santità , cerco di esprimermi in una frase semplice senza tanti giri di parole.

L’unico essere santissimo è Dio nella sua Trinità, tutti gli altri sono solo santi, presso Dio.
Ma la santità è in pratica rientrare nella volontà di Dio, fare la volontà di Dio, come Dio chiede, e infine essere presi da Dio, divenire involucro di Dio. Potremo usare una parola forte, che spiega meglio il concetto, essere posseduti da Dio, questo è essere santi in terra, ma nei cieli è uniformarsi alla gloria di Dio, cioè prenderne parte, quindi si diviene santi. Tutti sono santi al cospetto di Dio, dai beati, ai martiri ai santi, agli angeli ecc.