domenica 25 settembre 2016

IL PRIMO PIETRO NON È PIETRA.

IL PRIMO PIETRO NON È PIETRA.

COSE CHE CONOSCIAMO GIÀ TUTTI.
MA ADAM KADMON NE AMPLIFICA LA DIVULGAZIONE



Come si può sentire anche personaggi come Adam kadmon 
riportano le parole le teorie o ipotesi di altri. 

lunedì 12 settembre 2016

VANGELO ETERNO!


VANGELO ETERNO!




Di questo ho già scritto, però voglio riaffrontare l'argomento.

    1. C.E.I.:

      1. Atti 17:30-31

30 Dopo esser passato sopra ai tempi dell'ignoranza, ora Dio ordina a tutti gli uomini di tutti i luoghi di ravvedersi, 31 poiché egli ha stabilito un giorno nel quale dovrà giudicare la terra con giustizia per mezzo di un uomo che egli ha designato, dandone a tutti prova sicura col risuscitarlo dai morti».

tempi dell'ignoranza cioè sono i tempi della manca della conoscenza della parola di Dio, ciò significa che concesso ad alcuni a chiarire la parola di Dio e a dare al mondo la conoscenza e la comprensione di questa parola.

Passare sopra significa scavalcare, oltrepassare.

Superati questi tempi di incapacità di comprendere la parola di Dio, il Signore da agli uomini un ultimatum di ravvedersi cioè di convertirsi prima che giunga il tempo del giudizio.

per mezzo di un uomo che egli ha designato qui dice che verrà designato un essere umano sopra tutti gli altri, che dovrà giudicare il mondo stesso, ma qui fa capire che costui deve passare una prova, che consiste nelle sua resurrezione, si perché questa fa capire che per ottenere l'attenzione degli uomini esso deve essere un vero risorto.


    1. C.E.I.:

      1. Matteo 24:14

Frattanto questo vangelo del regno sarà annunziato in tutto il mondo, perché ne sia resa testimonianza a tutte le genti; e allora verrà la fine.


Quindi dopo i tempi del sonno o dell'ignoranza, il vangelo di Cristo verrà annunciato in tutto il mondo, appunto rendendolo noto, promuovendolo, perché tutti possano convertirsi ad esso oppure esserne in opposizione questo significa cioè si sta dicendo si creeranno le due fazioni.


    1. C.E.I.:

      1. Apocalisse 14:6

Poi vidi un altro angelo che volando in mezzo al cielo recava un vangelo Eterno da annunziare agli abitanti della terra e ad ogni nazione, razza, lingua e popolo.

Angelo”, è un messaggero

in mezzo al cielo”, cioè a metà del cielo, consideriamo la sfera celeste se la dividiamo a metà potremo dire da dove arriverà. Ma solitamente in mezzo al cielo si trova il sole, indica a mezzo giorno. Però il termine in mezzo non indica solo in senso orizzontale ma anche in senso verticale cioè gerarchico, quindi questo essere si trova a metà sia di un ipotetico cielo in senso orizzontale che verticale cioè si trova esattamente al centro, non vola in alto al suo vertice, ma al centro, quindi questo farebbe capire che anche una direzione, se consideriamo che l'est è al direzione di Dio, senza ombra di dubbio è a circa 45° sull'orizzonte.


cielo” il termine cielo nasconde in se un senso ben diverso da quello che crediamo noi, qui non parliamo di un cielo umano, ma di un cielo spirituale dove sono gli spiriti che costituiscono il cielo, cioè la corte celeste, per cui in mezzo al cielo indica a metà della corte celeste, potrebbero essere le Virtù

Potrebbe essere anche considerato anche un centro, del cielo delle costellazioni, seguendo il calendario ebraico secondo l'uscita d'Israele dall'Egitto dove in Esodo 12,2 viene stabilito il primo mese dell'anno cioè quello della pasqua ebraica cioè marzo-aprile, seguendo ciò la metà dell'anno è settembre-ottobre, quindi Vergine, Bilancia. Potrebbe essere anche la costellazione dell'angelo(cigno) in mezzo al cielo.

Per “cielo” potrebbe essere anche il cielo della chiesa, cioè i suoi ministri o degli eletti particolari. Un angelo potrebbe in questo caso divenire qualcuno che è simile ad un angelo, cioè un messaggero, che nasce nel cielo della chiesa o un eletto, perché la figura di un angelo nel cielo della chiesa, è sicuramente qualcuno superiore a tutti i credenti e a tutti gli sacerdoti e anche papi, qualcuno che è simile ad un angelo, o qualcuno che la doti come un angelo, cioè conoscenza, sapienza, intelligenza superiori, potrebbe proprio essere un essere umano scelto da Cristo che funga da messaggero e che abbia in se il vangelo eterno o la conoscenza dello stesso. Perché dice “recava” ciò significa che lo porta con se, appresso come un qualcosa che è dentro di lui, nascosto, che deve rivelare.


Recava” portare con se, per essere consegnato e farlo conoscere. Però la parola recare, potrebbe intendersi anche in senso di medicina, cioè la parola che guarisce lo spirito.

un” sta ad indicare proprio un nuovo vangelo, perché con “il” vangelo quello che tutti noi conosciamo e che ci viene tramandato da 2000 anni, ma “un” questo articolo indica proprio diversità dal precedente vangelo. Un sta per un altro.

da annunciare” cioè trasmettere, proclamare, divulgare, far conoscere, spargere,

ad ogni nazione, razza, lingua e popolo.” come far annunziare con quale mezzo?

Se parliamo del tempo presente, l'unico modo rapido, per far conoscere un vangelo eterno, è quello di usare la rete internet che ti premette tutte queste cose, sia di farlo conoscere ad ogni nazione, razza, popolo e anche ti permette una traduzione nelle lingue del mondo.

Ora la figura dell'angelo è solo un immagine di un essere alato, ma in realtà sappiamo benissimo che un angelo può non avere le ali, e spesso sono esseri che potrebbero essere simili ad umani, essendo poi che sono messaggeri, quindi portatori di una parola, potremo pensare che, è si, un angelo, ma un angelo che deve necessariamente avere un contatto terreno, per poter comunicare con il mondo degli umani, non c'è altra possibilità, Per cui deve esserci un umano che disponga in qualche modo della conoscenza del vangelo eterno.

Chi può essere questo angelo?

L'identificazione dell'angelo che poterà questo vangelo eterno, è assai difficile, si potrebbe pensare a Michele, visto che è l'angelo considerato del sole; ma forse potrebbe essere un altro anche Raffaele stesso, il medico celeste; come Gabriele visto che il suo nome è legato al messaggero, però forse questa identificazione con i tre più noti arcangeli è troppo ovvia, quasi scontata.


Ma se non è un angelo è un messaggero umano, sapere chi sia è un bel dilemma, chiunque si accrediterebbe di esserlo, credo che non c'è bisogno di accreditarsi, sarà il suo parlare. 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Ricordo una cosa cosa gli diede l'angelo a Giovanni apostolo, da mangiare, non era forse un piccolo libro, che divorò, e che avrebbe dovuto profetare ancora...

EVENTI STRAORDINARI O NO?

LACRIMAZIONI   E   MOVIMENTI
MISTERIOSI 
SU   STATUE   ED   IMMAGINI 




Oramai sono secoli che su immagini e statue di Gesù cristo e della Madre Sua, avvengono eventi sorprendenti, come lacrimazioni sia di sangue che lacrime, ma anche movimenti di apertura e chiusura occhi, bocca. 



Ora la scienza è atea per cui ovviamente queste o sono frutto di allucinazioni, di truffe, ma certamente per la scienza o meglio dire per certi scienziati, anche se fossero autentiche per loro sarebbero sempre false perchè ovviamente sono soggetti increduli a tutti, scettici all'ennesima potenza, anche perchè la scienza vorrebbe poter ripetere questi fenomeni che sono irriproducibili scientificamente, e ci credo, per riprodurli dovrebbero possedere il potere di Dio, ecco perchè la scienza non ammette , la veridicità di tali fenomeni, in sostanza vorrebbero essere lo stessi Dio. Quindi nulla di quello che viene da Dio o Dio stesso è vero, ovviamente essendo l'uomo generalmente scettico di natura tutto diviene falso. 

Purtroppo c'è anche da dire che il tempo dei falsari è questo, perchè tutti s'inventano come sbarcare il lunario, per cui non c'è più nessun rispetto neppure per il sacro, anzi il sacro rende molto di più di qualsiasi cosa al mondo anche del sesso, perchè tutti ne sono  inesorabilmente attratti. Per cui l'industria del sacro è super attiva, e non termina mai il suo corso, penso che non terminerà mai, almeno per il tempo attuale. Il problema che più si progredisce nelle tecnologia e più le possibilità di far passare cose false per vere diventa sempre più fattibile, ma se l'evento, la manifestazione è autentica nessuno può far nulla, ne tanto mento può essere camuffata con qualche furbizia tecnologica.

Ora il problema immagini e statue che lacrimano, è facilmente distinguibile da quelle false, perchè una statua per lacrimare non deve contenere nulla se non il materiale della statua stessa. solo in questo modo si può dire che la statua ha una certa attendibilità, ma anche in questo caso, è sicuramente necessario una certa ripetibilità, anche se purtroppo è brutto pensare questo, perché metti freno alla potenza di Dio, cioè incredulità, ma purtroppo proprio per la presenza di una scienza atea,  e anche di un clero che alle volte è più ateo della scienza, bisogna che l'evento si ripeta sotto osservazione, una volta che l'evento si ripetuto sotto questi condizioni, è ovvio che non c'è manomissione e che si dovrebbe procedere per la sua autenticazione, il problema è che la scienza non mai contenta e anche certo clero segue, per cui non chiedono più un atto di credo o di fede cieca, ma la chiesa per credere deve assistere anche a molte più manifestazioni. Il problema che la scienza vorrebbe sezionare anche l'impossibile per capire come da una statua in gesso, o marmo, possa trasudare sangue, cosa matematicamente impossibile, proprio perchè il gesso CaSO4  solfato di calcio non può tramutare la sua natura in sangue, ma nemmeno possono le lacche coloranti che sono poste alle volte sopra, ma nemmeno gli impasti a base di carbonati di calcio e magnesio, o polveri marmoree, impossibile dal punto di vista umano. Per cui il mistero per la scienza rimarrà sempre mistero, per la chiesa devono solo ammettere l'evidenza, altro non possono fare. Il problema è che la chiesa impiega un eternità ad approvare una qualsiasi manifestazione autentica, e alle volte sorge il dubbio che la stessa non voglia autenticare proprio nulla, quasi ne avesse paura. Il fatto è che alle volte queste manifestazioni particolare, hanno bisogno di tempi, di tempi brevi per funzionare, se la chiesa non approva c'è il rischio di mettere i bastoni tra le ruote a Dio, ma l'onnipotente sfugge alle logiche di una chiesa, e farebbe lo stesso quello che deve fare, solo che magari, invece di riuscire a convertire molti, ne converte di meno, con il risultato che a causa di insensate decisioni, molti potrebbero perdere la loro salvezza eterna, con il risultato per altro che anche coloro che dovessero decidere contrariamente farebbero la medesima fine, tanto per essere chiari.

Ora tutti dicono che l'evento lacrimazioni, quando appunto è autentico, è un fatto positivo, tutti lo vedono come una manifestazione di grazia, da un certo punto di vista lo è, perchè comunque sia manifestazione con senso positivo, che Dio fa all'umanità, perchè la lacrimazione è indice di stanchezza da parte di Dio, la lacrimazione specialmente quando diviene molto frequente in diversi luoghi del mondo, sta a significare che sono in atto eventi drammatici che poteranno cambiamenti vistosi, per cui non considererei queste manifestazioni tanto positive, quanto negative, perchè quando Dio si manifesta mediante immagini della sua deità, significa che le cose stanno precipitando. 
Quindi non prendiamo tanto alla leggera queste cose, specie quando le lacrime sono di sangue. Perchè sangue porta sangue, sotto tutti i punti di vista. Il fatto stesso che Le lacrime di sangue sono in pratica riversare sul mondo il sangue di Cristo, ha molti aspetti, sia positivi che "negativi" per noi, positivi perchè portano grazie a chi si avvicina o ci crede, mentre negativi, portano sventure a chi non ci crede. Questa è la realtà delle cose. Le lacrime sono una pubblicità che Dio fa verso se stesso, ma con lo scopo di richiamare il mondo al pentimento, alla conversione alla preghiera, prima che  siamo noi a versare il nostro sangue. 
Perchè se ora Cristo versa il Suo mediante le immagini o statue, dopo saremo noi a versare il nostro, questi eventi sono avvertimenti. 

Poi ci sono anche manifestazioni dove non si sà quanto siano vere, dove si vedrebbero movimenti oculari o della bocca, di statue, che pensare? Veri o falsi? E' molto difficile dirsi, sopratutto perchè spesso sono irripetibili ancora meno che le immagini e le statue. 

Mi ripeto per l'ennesima volta, la gente se ha vera fede, cioè un credo certo e forte in Cristo, non ha bisogno di vedere proprio nulla, non ha bisogna di nessuna conferma, non ha bisogna di nessuna manifestazione, queste cose che avvengono anche se sono vere, non sono perchì già crede, ma per chi non crede e ha una fede ondivaga. Ai veri credenti spetta solo il compito di rendersi apostoli ognuno secondo quanto è capace di fare e non attendere il permesso del proprio pastore, per agire, ma di far senza che nessuno te lo ordina. 

mercoledì 7 settembre 2016

A CHI E' DESTINATO IL PARADISO?

A CHI E' DESTINATO IL PARADISO?


Da più parti mi sento dire che tutte le religioni del mondo possono accedere al paradiso.
Sarà vero questo? E di quale e quanti paradisi esistono?

Quante sono le religioni maggiori oggi?

RELIGIONE
FONDATORE-DIVINITA'
LIBRO
PARADISO
CRISTIANESIMO
DIO-CRISTO
VANGELO-BIBBIA
SI
EBRAISMO
DIO-YHWH
THORA'-BIBBIA
SI
ISLAMISMO
ALLAH_MAOMETTO
CORANO
SI
BUDDHISMO
BUDDHA
CANONI
SI
INDUISMO
POLITEISTICA
VEDA
SI
TAOISMO
POLITEISTICA
CANONI TAO
SI
JAINISMO
POLITEISTICA

SI
SCINTOISMO
POLITEISTICA
 Sam-bu-han-sho
SI
CONFUCIANESIMO
CONFUCIO
i Lun-yu o Dialoghi
SI
ZOROASTRISMO
ZARATHUSTRA

SI
BAHAISMO 
Báb e il Bahá'u'lláh

SI
GNOSTICISMO
FILOSOFIA-RELIGIOSA
La Sofia di Gesù Cristo
SI
ERMETISMO


SI
MAZDEISMO
Ahuramazdah

SI
MANICHEISMO
MANI

SI
MITRAISMO
MITRA-ZOROASTRO

SI
GEOVISMO
 Charles Russel
Rutherford(GEOVA)
VARIANTE ALTERA DELLA BIBBIA
SI
ESOTERISMO
Divinazione di spiriti
mix religioni
Qabbalah ed altri

MASSONERIA
Divinazione spiriti
credono in tutti e in nessuno!
Qabbalah ed altri


Tutte le religioni del mondo credono nell'esistenza di un luogo detto paradiso.
Ma come ognuna di queste vivono questo paradiso?

Secondo i Cristiani e gli Ebrei esso è il luogo dove vive Dio, e dove le anime migliori andranno.

Secondo l'Islam, è il luogo dove vanno tutti gli islamici, specie chi ha ammazzato gli infedeli.

Per le altre religioni è un luogo di pace, e di riconciliazione con le loro divinità.

Ora a seconda della propria religione ognuno pensa di andare in un paradiso, nel proprio paradiso quello insegnato dalla propria religione, nessuno può dire il contrario.

Quindi nei cieli esisterebbero un enormità di dei, e un enormità di paradisi. Però curiosamente anche le religioni politeistiche non tutte, suggeriscono di essere state originate in un principio da un unica divinità indefinita per alcune. Quindi in sostanza si tratterebbe per gran parte di queste ad un solo paradiso.

Mentre per le religioni monoteistiche, esse dovrebbero essere tutte originate da una sola identità, da un solo Dio, cosi sembra.
Quindi sia le politeistiche che le monoteistiche hanno tutte un solo paradiso, ma allora come sta questione, quanti paradisi ci sono? Uno solo!

Perché sembra è!?
Perché in realtà qui c'è un problema.
Tutte le religioni per quanto abbiamo divinità differenti e credi diversi, libri diversi, ma tutte alla loro origine derivano da un solo Dio sconosciuto, capostipite di tutte, almeno per la maggior parte.

Per cui tutti dovrebbero entrare in questo paradiso a seconda delle proprie religioni! Ma sarà veramente così? No, non è così!

Un conto è dire che c'è un solo paradiso effettivo, e un conto dire che ogni religione ha Dei diversi, divinità diverse, anche se tutte portano ad uno stesso Dio, però per molte quello stesso Dio, non è pregato. Si perché se non determiniamo chi sia questo Dio, come possiamo stabilire chi ha meriti per entrare nel regno dei cieli, in Paradiso?

Qui però bisogna dividere la questione tra le religioni monoteistiche e politeistiche

La religione più antica tra quelle politeistiche è l'Induismo circa 4000anni fa.
Però anche nella religione dell'induismo pare richiamasi ad un divinità iniziale che viene prima, ma di cui non si sa assolutamente nulla.

Tra quelle monoteistiche è l'Ebraismo, circa 3800anni fa.
Mentre l'ebraismo e poi successivamente il Cristianesimo e solo attorno al 600dC, nasce l'Islam derivano da un unica divinità.

Potremo pensare che forse la divinità iniziare fosse proprio quella dell'ebraismo visto che è unica e sola e anche perché nella Bibbia c'è riportata la storia dell'interna umanità, ci sono anche altri testi che parlano di divinità in un lontano passato, ma non possiamo dire che questi non siano sempre derivati da questa iniziale entità. Anzi sicuramente era proprio questa la divinità che ha dato origine a tutte le cose, come essa stessa di è sempre proclamata.

Quindi possiamo dire che tutte le religioni in un modo o nell'altro hanno questa comune origine.
Però bisogna anche essere onesti, le religioni anche avendo avuto nella loro primitiva formazione un origine comune, poi hanno assunto un panteon di divinità, mettendo da parte l'origine comune, almeno in tempi più recenti e proseguendo il loro cammino con divinità diverse.

Se le altre religioni politeistiche hanno preso come divinità per se stesse, dei e non hanno più seguito per motivi sconosciuti la divinità principale, possono entrare a far parte del paradiso di questa divinità principale? No di certo. Perché non hanno più seguito il metro proposto da questa. Quindi automaticamente sono escluse, dalla possibilità di entrare nel Regno dei Cieli o Paradiso.

Quindi chi può entrare?

Chi fa la volontà di questa divinità principale ed unica!
Questo significa che solo le tre religioni monoteistiche possono a accedere al Paradiso, e gli altri no, a meno che non seguano i dettami, chiesti ed insegnati da questa divinità, di cui gli Ebrei sono i primi portavoce e sostenitori.

Ora delle tre religioni monoteistiche quale merita di più rispetto a tutte e tre?

L'Ebraismo è una religione antica di 3-4000anni. Rimasta sempre tale e quale, nel corso della sua storia, con alti e bassi, ma sostanzialmente ha poco variato. Se non che circa 2000 anni fa nasce in seno ad essa, una nuova religione nata per volere diretto dello stesso Dio padre degli Ebrei che ha dato via all'antica religione, ovviamente tutti conosciamo la storia, ma l'ebraismo non accetta questa nuova religione, si oppone al suo stesso creatore Dio Padre e al Figlio Suo Gesù Cristo. Successivamente attorno al 600 circa nasce Maometto che fa sorgere una nuova religione che si vorrebbe richiamare al Dio degli Ebrei.

Ora come possiamo stabilire delle tre religioni quale delle tre merita maggiormente portare la palma di quella con una maggiore possibilità di vincere il Paradiso?

Semplice vediamo quale delle tre attua a pieno il volere di questo Dio unico per tutte e tre.
Vediamo se le tre religioni rispondono alle leggi volute direttamente dal Padre Celeste, si perché per dirsi discendenti di Dio, YHWH, bisogna rispondere ai dei requisiti non solo di discendenza, ma sopratutto di credenza, cioè possiamo dirsi di aver questo Dio che è il tuo Dio solo se, tu segui la sua legge quella che Egli ha decretato per chiunque voglia seguirlo, perché solo chi abbraccia a pieno questa legge può dirsi appartenente a Dio.

Ora chi delle tre religioni, Ebraismo, Cristianesimo, Islamismo rispetta a pieno la volontà di Dio Padre?

Sicuramente lo faranno gli Ebrei suo primo popolo. Almeno quelli osservanti.
Sicuramente lo faranno i Cristiani visto che Cristo era ed è Ebreo, per cui anche i Cristiani seguono le leggi del decalogo sacro.

Ma gli Islamici, seguono il decalogo sacro?
Da quanto io so, no!
Ma come? Loro si dicono discendenti dello stesso Dio, ma non seguono la sua legge?
Ma non è possibile?
Io non posso dirmi figlio di Dio se non seguo la sua legge scritta all'inizio della storia umana!!
Non è logico! Allora l'Islam non segue il Dio degli Ebrei, in fatti essi hanno un altro libro che si chiama Corano, essi credono a questo libro, nel quale ci sono le loro leggi, ma certamente nello stesso non c'è la Legge Eterna cioè non c'è il Decalogo Sacro di quello stesso Dio che loro dicono di credere, per cui non possono vernir a dire che loro Credono nel Dio di Abramo, Isacco, Giacobbe, Mosè e Isaia, etc, non è possibile, se non credono e non attuano il decalogo Sacro non riconoscono lo stesso Dio d'Israele, per cui non possono ambire al paradiso di Dio e non lo avranno. Perché in realtà loro non credono, e non attuano la parola che si cela nell' A. T, sotto forma del decalogo Sacro, non rispettano la legge dei Padri, non rispettano i comandamenti di Dio.
Ma per paradosso neppure neppure gli Ebrei possono accedere al Paradiso, oggi come oggi anche se credono ed attuano i comandamenti, perché essi hanno rifiutato il messaggero di Dio, cioè suo Figlio, che Dio figlio di Dio, lo hanno rifiutato, lo hanno posto morte e quindi si sono in certo senso condannati da soli. Per cui chi in questo momento della storia umana può effettivamente entrare nel regno dei cieli è solo e solamente i Cristiani battezzati e che credono fermamente che Gesù è Dio.
Chi non crede che Gesù è Dio non entrerà mai ne ora ne mai nel regno Eterno, questo è poco ma sicuro.

Quindi tutti coloro che rifiutano Cristo come Figlio del Padre Celeste, e vero Dio, non potranno mai accedere al Paradiso ne che siano di altre religioni, ne che siano Islamici e nemmeno Ebrei.
La venuta di Gesù fu una prova per gli Ebrei, prova che non sono riuscita a superare, l'Onnipotente ha mandato il Figlio Suo, a provare il suo popolo, e lo ha trovato che non voleva neppure più ascoltare il Suo Dio.

Oggi giorno se la chiesa, non supererà la sua prova, anch'essa potrebbe finire come gli Ebrei, distrutta e dispersa.

Quindi nessuno può dire che le altre religioni meritano il paradiso, finché gli appartenenti ad altre religioni non si convertiranno, stiano pure tranquilli che per loro non esiste paradiso, al massimo Dio nella sua infinita misericordia può vedere di salvare dalla dannazione eterna coloro che hanno operato nel bene. Però anche questo è relativo, il fatto che fa comprendere quale sia il metro di misura di Dio, è la crocifissione di Cristo. Sulla Croce Cristo salva chi uno buono?, noooo, uno che ha fatto del bene nella sua vita? ma noooo, e allora chi? Uno che ha creduto fermamente che quel Gesù che avevano Crocefisso i romani, ma per volontà dei sacerdoti del tempio, si è ricreduto su quell'uomo appeso a quella croce e ha capito che quell'uomo era veramente il figlio di Dio, anzi ha creduto che Cristo fosse Dio in persona per quello Gesù lo ha salvato, ma esso era un grande peccatore, questo fa capire che anche i grandi peccatori possono ambire di ricevere la salvezza eterna, di vedere il Paradiso, ma solo e solamente se Credono in Cristo,solo se hanno certezza. Ecco il metro di Dio, se tu credi in suo figlio come vero Dio, allora anche se sei stato un appartenente dell'isis o alla massoneria, puoi ambire al vero Paradiso. Ma ovviamente una volta convertito, e una volta che hai dichiarato la tua volontà nel credere in Cristo, non puoi più praticare quello che facevi prima, altrimenti non ha senso.

Non si può solo credere bisogna anche corrispondere.
Ma prima di tutto devi credere che Gesù è Dio. Allora otterrai il paradiso.


Quindi tutti gli esseri umani nel mondo che non sono di Cristo, non sono destinati al paradiso ma devono solo sperare che Dio sia magnanimo con loro, oppure convertirsi a Cristo.  


Gli esseri umani se non  sono sciocchi
 non possono perdere il paradiso per altri che sono sciocchi!

martedì 6 settembre 2016

Satana secondo Don Amorth


Bonolis intervista Amorth



Che sia stato uno dei maggiori, famosi e bravi esorcisti, nessuno dice nulla.


Ho seguito i due video proposti, in questo video qui sotto, in entrambi è tutto giusto quello che afferma Amorth, tranne le ultime due risposte,  su due domande sibilline di Paolo Bonolis. 


Al minuto 8:35 si sente: (sintetizzo)
Bonolis fa la domanda: "Perchè il diavolo sceglie alcune persone e altre no?"
Amorth: "Il dominio ha una piccola possibilità di scelta. Sceglie quelle persone che secondo lui sono più utili alla sua causa"

Ma la domanda consequenziale sarebbe, come fa  a sceglierle su che base le sceglie?

Dire che sceglie le persone più utili a lui, non è una grande risposta, non chiarisce ne spiega, è molto vaga. 

Per rispondere a questa domanda bisogna porsi un pensiero, cosa si prefigge il maligno, qual'è il suo scopo? 

Prima di tutto sottratte anime sante a Dio, questo è lo scopo principale, perchè sono queste che egli teme, sono queste che favoriscono la sua rovina. Rapire e corrompere le anime sante!

Ma per capire bene la questione, dobbiamo leggere il vangelo, quando Gesù parla di questo argomento, dicendo che il posseduto una volta liberato, il maligno va errando per il deserto, senza meta, poi quando torna, trova la casa bella, limpida, pulita, e va chiamare altri 7 come lui, questo cosa ci fa capire, che il maligno non cerca persone possedute o malvagie, ne persone che sono predisposte a essere malvagie, no Egli cerca persone che hanno l'anima pulita, sono bianche, belle splendenti, ma che non hanno ancora una protezione su se stesse, cioè sono ancora un po incerte, per quanto siano ben disposte verso Dio, si perchè la casa "anima" bella pulita non si determina in tre secondi, ci vuole tempo, e questo fa capire, che il demonio si aspettare il momento di fragilità di un anima pia. 
Per poi ritornare ad essere padrone di questa, insozzare le loro anime, e usare quella persona, come amo da pesca per attirare a se altri, dato che senza ombra di dubbio altra gente pensa che quella persona sia un brava persona, lo era prima di divenire di satana, ma nessuno lo sa che è diventata vittima del demonio causa una sua fragilità. Per cui il Maligno non cerca chiunque, e non cerca persone maligne, e non cerca persone a lui utili, ma solo persone buone, che amano Dio, ma che in quel momento della loro esistenza sono fragili, cadono nel peccato, quello è il momento per entrare e possederle, questa è la motivazione che lo muove verso alcune e non altre, bisogna anche dire che le possessioni, vessazioni, etc, sono più di quelle che si pensa, si perchè non esiste solo il posseduto terminale, cioè colui che manifesta tangibilmente e visibilmente la possessione; esiste anche una serie di altri soggetti che sono posseduti in maniera estremamente lieve, per cui non manifestano nulla, e spesso vanno pure a messa perchè la chiesa suscita fascino verso un posseduto, è una sfida che satana fa sempre verso Dio, per altro senza manifestare sintomi di possessione, se non lievissimi, come sbadigli, sonnolenza durante la messa, cose da poco, confondibili con vera stanchezza, stress, eppure ci sono, ma spesso non manifestano neppure i sintomi di una malattia psichica, anzi alle volte sembrano assai intelligenti tanto da superare brillantemente ogni test di psichiatri atei, per esempio persone predisposte ad essere maligne, spesso sono indotte non da se stesse, perchè non esiste nessun essere umano che è maligno, siamo indotti ad esserlo, perchè il maligno ci prende in quell'istante.

Quindi la scelta cade sempre sulle persone migliori, che hanno una conoscenza di Dio superiore, e che hanno una predisposizione ad essere "sante" queste sono quelle che il maligno predilige maggiormente. Le altre le usa, senza nemmeno possederle, perchè sa già che esse sono lontane da Dio e non ne bisogno di sprecarsi molto, taluni invece li prende e li usa se occupano posizioni di potere in ogni ordine e grado, ma ripeto per lui la sua vittoria è quella di ottenere un numero consistente di anime sante. 


Al minuti 10:10

P.Bonolis: "Perchè in altre religioni non ci sono forme di possessione demoniaca?"

Amorth: " Domande meravigliosa, le possessioni diaboliche ci sono dappertutto,  ci sono sempre state,  nella altre religioni.... e nelle altre religioni hanno delle forme di esorcismo in base alla loro cultura, andiamo nei popoli primitivi selvaggi si saranno rivolti allo stregone...ci sono state possessione diaboliche ma in tutte le culture..ci sono delle formule per essere liberati dal demonio"

In sintesi è questa la risposta di Don. Amorth, mi perdoneranno i sostenitori di Amorth ma devo dire alcune cose, intanto senza che lui ne se accorgesse il fatto che abbia espresso quella sicurezza quasi contentezza ha permesso al maligno di trarlo in inganno, come vedete anche un esorcista può caderci ...non è scevro di perfezione neppure lui... specie perchè ha già una certa età e la mente non è più limpida e ne chiara. 

Vi dimostro che il discorso è imperfetto...e anche con una connotazione "eretica", diciamo che si è un po confuso.

P.Bonolis: "Perchè in altre religioni non ci sono forme di possessione demoniaca?"

Fino a qui tutto giusto: "le possessioni diaboliche ci sono dappertutto,  ci sono sempre state,  nella altre religioni."


Questa parte cos'ha che non va?

"e nelle altre religioni hanno delle forme di esorcismo in base alla loro cultura, andiamo nei popoli primitivi selvaggi si saranno rivolti allo stregone...ci sono state possessione diaboliche ma in tutte le culture..ci sono delle formule per essere liberati dal demonio"

Se sono un esorcista e ammetto che le altre culture, possono aver avuto uno stregone che con formule magiche libera un anima dal demonio, e dico che sono tutte valide faccio si che indirettamente dico che esistono altri dei oltre a Dio, è si! In sostanza, ammetto che non esiste solo Dio. Perchè ammetto che gli stregoni credono in divinità che gli danno la facoltà di liberare i demoni, questo pensiero ad Amorth gli è stato indotto dal Demonio, per dimostrare quanto sia facile che un qualsiasi prete preso troppo dalla vana gloria, possa essere anch'esso preda di satana, e questa frase di Amorth dimostra proprio questo. Amorth senza accorgersene ha perso quell'umiltà, che lo proteggeva da Satana, e ha permesso senza rendersene conto a satana di affermare un concetto contro Dio.

Poco prima nel discorso dice che la magia è tutta male, bianca e nera, quindi tutti i praticanti della magia, sono nel male, anche gli stregoni, ovviamente. Per cui come può asserire che uno stregone libera con formule magiche dei posseduti, non può, perchè come disse Gesù, Satana non libera satana. Cosa significa, che quegli stregoni, che quelle religioni non Cristiane anche se praticano riti d'esorcismo, ma i loro esorcismi non liberano proprio nessuno, satana fa credere loro di averli liberati, ma in realtà sono tutti posseduti, o meglio dire che alle volte non avendo bisogno di queste religioni, satana nemmeno se cura di loro, anzi gli da tutto quello che gli serve pur di stare lontani da Cristo! Perchè non gli interessa possedere persone che appartengono a religioni che sono già condannate alla fornace eterna, perchè questa è la verità! 
Per cui rispondendo alla domanda di Bonolis io avrei detto così:

Satana non possiede coloro che appartengono a culture e religioni già sue, satana è interessato solo a possedere e a distruggere i battezzati in Cristo, siamo noi i suoi nemici, non gli altri, per cui gli altri non hanno problemi di possessioni, se non proprio qualcuno eccezionalmente che magari vorrebbe seguire la strada di Cristo, allora viene posseduto prima che si liberi dalla sua schiavitù. 


Oltretutto Amorth sbaglia anche quando dice, che gli spiriti non hanno un aspetto, non è affatto vero, uno spirito deve aver un qualche aspetto, o di nube, o di qualcosa di indefinito, ma dato che la in apocalisse Giovanni lo descrive anche se metaforicamente parlando come un enorme drago o serpente un aspetto c'è, non possono gli spiriti non possedere un forma propria, come si distinguerebbero tra di loro, sarebbe impossibile.

Se si torna alla Genesi e si legge come Dio fece l'uomo, basta leggere come noi siamo fatti ad immagine e somiglianza di Dio, significa che Dio ha l'aspetto di un uomo, ma anche ogni suo angelo assomiglia ad un umanoide come minimo, per cui dire che un essere spirituale non ha una forma corporea è sbagliato, solo perchè questi sono di una forma di energia diversa dalla nostra, ma non significa nulla, e anzi in questo Amorth  dimostra che ignora cosa sia realmente uno spirito, perchè non sa darne una definizione, non lo comprende e non conosce così bene le scritture perchè in altri esorcismi Satana dice che tutto quello che vi è nell' A.T e N.T è tutto vero, per cui Amorth non può asserire cose diverse da quello che perfino Satana ammette. Che poi possano prendere la forma di qualsiasi cosa essi vogliano, ma ovvio sono esseri spirituali possono modellare la natura materiale come essi vogliono, e adattarsi a questa con una facilità estrema; essi fuggo alle leggi fisiche del nostro mondo, proprio perchè sono spiriti.

Fa delle affermazioni che quasi sembrano fuori da quello che è il vero Credo della Sacra Scrittura, io qualche volta rimango un po perplesso.


Quando un esorcista perde la limpidezza dei sui pensieri non dovrebbe neppure mostrarsi, perchè l'essere orgogliosi, delle prodezze non tue, significa cadere dritto nelle mani di Satana. 
Anche i santi imprudenti hanno scivolato, tutti gli umani presto o tardi scivolano. 
Questo dimostra che anche un grande esorcista può cadere, perchè è un attimo credersi arrivati.