martedì 2 maggio 2017

LA GIUSTIFICAZIONE INGIUSTA PRODUCE PECCATO



NON GIUSTIFICATE I FRATELLI 
CHE SONO NELL'ERRORE E NEL PECCATO




Il Signore Dio Nostro, mi ha detto:
Se una persona giustifica un altra, sia nel suo comportamento errato o per le bestemmie che va dicendo sia dirette o indirette, queste sue parole ricadono su coloro che hanno giustificato coloro che agiscono nel peccato. Molto di più se tali comportamenti e parole vengono prodotti da uomini di Chiesa, il popolo che dovesse giustificare un comportamento, azione o le parole malevole ed ingannatrici di chi le compie, esse ricadono anche su chi le sostieni, come se essi stessi le avessero compiute. Chi avvalla un inganno sapendo che esso è tale, è uguale a chi lo ha compiuto. Non assoggettatevi al principe di questo mondo, non seguite i suoi vassalli, non inginocchiatevi a nessuno come è prescritto nella legge, non adorate ne uomini, ne falsi dei. 
Chiedetemi di inviarvi lo spirito consolatore affinché vi sia tolto il velo che sta innanzi ai vostri occhi e possiate vedere dove si celano le tenebre.

Parola del Signore.


°°°°°°°°°°°°°°
B.Y.