mercoledì 10 gennaio 2018

ESORCISTI SI O NO?



Rispondendo ad un amico su facebook, sulla questione veggenti che impongono le mani sulla gente, come fanno oggi molto spesso i veggenti di Medjugorie.

Il problema dell'imporre le mani va valutato prima di tutto alla luce del vangelo stesso.

""Marco 9,38-40
38 Giovanni gli disse: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava i demòni nel tuo nome e glielo abbiamo vietato, perché non era dei nostri». 39 Ma Gesù disse: «Non glielo proibite, perché non c'è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito dopo possa parlare male di me. 40 Chi non è contro di noi è per noi. """

Poi alla Luce di cosa si fa quando s'impone le mani, l'imporre le mani si fa solo per le parole di Cristo cioè per togliere il maligno, e lo si fa pronunciando le parole in nome per conto di Cristo a voce alta. Se non avviene esattamente così, l'imposizione delle mani è fatta per conto proprio, e non solo non ha valore, ma quel che s'impone o quel che trasmetti non viene da Cristo e può produrre o condurre altro male a chi viene sottoposto a tale rito.

Quello che costoro fanno non lo fanno a nome e per conto di Cristo perchè non pronunciano nessuna formula ma solo impongono le mani perchè si ritengono santi, dimostrando mancanza di umiltà e arroganza, ecco dove sta il problema si ritengono ciò che non sono.

L'imposizione delle mani va fatta in luogo appropriato, al riparo da sguardi indiscreti, lontano dai riflettori, perchè non diventi un atto feticistico, oltre che non si toccano le persone, ed altre cose... Oltretutto è facile che il veggente cada in errore in queste cose, perchè spesso ignorano la verità, perchè non hanno conoscenza perfetta delle parole stesse di Cristo, dimostrando per altro mancanza dello Spirito Santo e già questo dice tutto sulla loro reale capacità di veggenza. Se fosse presente lo Spirito santo che tiene la persona in perfetta umiltà ci penserebbero 100 volte prima di far cose così importanti e sopratutto in pubblico con tanta disinvoltura innanzi a telecamere al solo scopo di mostrarsi quelli che non sono.
Il vangelo di Marco va contro la volontà degli uomini Chiesa, perchè le parole contenute in questo passo, sono contrarie a quando la teologia in 2000 anni ha ritenuto giusto; se le Parole di Nostro Signore Gesù sono vere e sante, gli uomini di chiesa, non hanno nessun diritto di cambiarne il senso o interpretarle come gli garba solo perchè si ritengono loro i principali detentori del potere regale di Cristo, perchè il passo in questione dimostra esattamente il contrario. Purtroppo i preti in 2000 anni, ha commesso lo stesso errore degli apostoli ritenendosi gli unici detentori del potere di Dio, il brano di questo vangelo dimostra solo una cosa che Gesù dice che tutti possono in Nome Suo esorcizzare e quindi tutti sono portatori del potere di Dio se fatto per Dio e in nome di Dio. Ora che la i preti contestino questo punto è da scomunica perchè essi contestano Cristo, cioè si pongono sopra a Cristo, giudicano l'opera di Cristo e le sue parole errate secondo i loro insano giudizio di uomini.
Questo la teologia ha fatto in 2000 anni di storia si è imposta a Cristo interpretando secondo la propria volontà e intendere umano le parole di Dio, spesso cambiando il senso delle parole stesse, dando un taglio come gli è piaciuto di più, impedendo alla gente di amministrare il rito esorcistico, facendo credere che solo la chiesa degli uomini ha diritto di amministrare tale potere, invece Cristo ordina e comanda diversamente, il giudizio di Gesù vero Dio non è un opzione ne un comanda e cambia molto la posizione delle sue parole se quel che dice è un ordine autoritario coercitivo, perchè così è!!!. L'unica differenza che ha il prete dal popolo sta nel fatto che solo il prete può amministrare le specie sacre, solo il prete può battezzare, solo il prete può fare alcune cose, ma sempre rispettando il COMANDO di CRISTO DIO se non si fa ciò si è automaticamente fuori di Cristo. Non si scappa da ciò.
Ed anche le parole pretestuose dei teologi che voglio abdurre che la chiesa ha fatto questo per proteggere la popolazione, che volesse fare questo, non solo dimostrano che considerano Dio, Cristo Uno sciocco che non sapeva quello che diceva o comandava, perchè avrebbero secondo il loro pensare, messo nella mani del popolo tutto, un potere che avrebbe secondo loro pensare di teologi posto questa gente in pericolo, come se Dio non sapesse valutare cosa una singola persona possa fare.  Ho la vaga sensazione che i teologi siano sempre stati un tantino arroganti credendosi sopra a Dio.  Dimostrazione chiara di un idea maligna posta nel cuore dei preti stessi, da qualcuno che ha operato nel far sentire il prete un dio (satana), quando il miglior esorcista è il più umile essere umano graniticamente credente in Dio. 

Purtroppo i teologi puntano la loro fortuna sul fatto che la gente è ignorante di vangelo per cui fanno gioco forza e malignamente continuano perniciosamente a pensare che solo loro sono i detentori di una parte del potere di Dio, solo loro possono esorcizzare, ignorano volutamente queste cose, facendo un grande peccato al cospetto di Dio. Chi si oppone alle parole del Verbo di Dio e un anti-dio. 

L'imposizione fatta dal laico come dal sacerdote, deve essere fatta con il vangelo in mano pronunciando le parole di Cristo ""Non glielo proibite, perché non c'è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito dopo possa parlare male di me. Chi non è contro di noi è per noi. "" come altre parole pronunciate da Cristo, allora l'imposizione è valida, ma senza questa frase nessuna imposizione o rito esorcistico è valido. 

Ovviamente si deve tener presente che imporre le mani non è uno scherzo ed è il caso che non tutti lo facciano, anche perchè bisogna avere lo spirito giusto per farlo, bisogna essere privi di peccato, aver ricevuto la comunione da poco tempo, non aver pensieri e smanie di potere, non essere in contrarietà con nessuno, ecc, ed altre cose che qui non elenco, quindi sarebbe bene che la gente e anche i preti che avesse animosità, peccati e qualsiasi altra cosa, non si accingessero a far nulla, se loro stessi non vogliono far danno a loro e a chi impongono le loro mani.


Si osservi come la Viska tiene le mani sui due malcapitati, questa cosa non si deve fare, primo non si deve toccare le persone si sta a distanza e poi la posizione delle mani dimostra il suo pensiero, non si agisce con forza ne con prepotenza, perchè nessuno viene liberato con quel modo di fare, e con quel pensiero che dimostra la Viska, tutto deve essere fatto con delicatezza, il potere di Dio non ha bisogno di forza o di oppressione per essere esercitato, ma di gentilezza e candore. Quindi invece si vede un pensiero ed un fare coercitivo, fatemi il piacere non fatevi imporre le mani da persone così.