giovedì 20 marzo 2014

San Basilio avverte di un pericolo imminente per la Russia!!

Specifica della Profezia di San Basilio... 


Il Signore Dio Onnipotente Re dei Re, Signore dei Signori, Gesù il Cristo, mi ha appena comunicato queste parole per la Russia..... è un avvertimento....ho posto di proposito il passo di San Basilio.

"La grande Russia che si è convertita al cristianesimo e che tiene forte il vessillo di Cristo, contro le armate di satana, deve guardarsi le spalle, da molti nemici, i suoi tesori non sono al sicuro, la dove sono!  da lontano verrà il fuoco distruttore."

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


"La città fondata da Pietro sarà grande," 

questa frase non è riferita a Pietro apostolo, perchè non ha fondato nessuna città, ma alla città fondata dallo Zar Pietro il grande cioè San Pietroburgo.

Questa frase va in accordo con quella precedente.

" saneranno le ultime piaghe lasciate dal sole..perché un fuoco misterioso la scioglierà e tutto avverrà nel giro di una notte...." Un sole che crea piaghe, il santo ha visto come un sole, ma non il sole, cosa assomiglia ad un sole, che la capacità di fondere le pietre e provocare piaghe? Solo una arma nucleare ha la temperatura necessaria per fonde le rocce, e provocare piaghe da radiazioni; oppure un vulcano! in questo caso il vulcano può fondere tutto e causare ustioni. Però il monaco non sa di che tipo di fuoco si tratta, se fosse stato un vulcano lo avrebbe visto e descritto in altro modo, "è un fuoco misterioso" qui si capisce bene che vi sarà esplosione nucleare, la quale avverrà di notte, infatti l'esplosione è rapida e distruttiva, e in poche ore termina. mentre il vulcano potrebbe avere una conseguenza molto lunga.



SI POSSONO TOGLIERE I CARISMI?

Il carisma strappato al Fondatore dei Francescani dell’Immacolata

Ordine dei Francescani dell'Immacolata(di Maurizio Grosso) Un altro ritornello delle nuove autorità, dopo il commissariamento dei Frati Francescani dell’Immacolata, dice così: il carisma fondazionale, che Dio ha ispirato a P. Stefano M. Manelli, seguito da P. Gabriele M. Pellettieri, e che la Chiesa ha definitivamente riconosciuto con l’approvazione pontificia del 1998, non appartiene più ai Fondatori ma alla Chiesa. Ergo a P. Volpi e alle nuove autorità. Conclusione affrettata e falsa, direbbero subito i defensores novitatis. Ma vediamo perché.  
Nuovo aut aut: o il fondatore o il carisma
Il carisma appartiene alla Chiesa. C’è del vero, certo, in questa posizione, ma non è tutto oro ciò che luccica. Anzi. Ad esempio, da qui, il carisma appartiene alla Chiesa, fino a denunciare nei timidi frati che si appellavano ai Fondatori perché si rispettasse il loro stile di vita, «gravi errori in campo ecclesiologico circa principi fondamentali della vita religiosa», insieme a «una grande povertà spirituale e una dipendenza psicologica incompatibile con la “libertà dei figli di Dio” che si presuppone in chi si impegna in una donazione totale al Signore per mezzo della consacrazione religiosa» (Lettera dell’8 dicembre 2013), ne passa un bel po’.
Una sorta d’infantilismo spirituale è l’accusa, che non li ha portati a fare il salto di responsabilità. Quegli ignavi fraticelli, invece di prendere il cielo con le mani e salutare acclamanti il salvatore dell’Istituto, colui che avrebbe tratto i frati dalle caligini della deficienza spirituale, sarebbero invece non solo testardi, ma anche ignoranti: «Volete capire che il carisma appartiene alla Chiesa, sì o no!». E via con questi slogan.
I frati e i laici sarebbero ancora attaccati alla gonnella di P. Manelli, e questo li avrebbe portati a schierarsi, quasi in modo compatto, dalla parte della fedeltà ai Fondatori per preservare la fedeltà alla loro identità.
Altro è il fondatore altro il carisma. L’operazione che urge è dividere in modo drastico il carisma dal fondatore e così far rinsavire quegli sprovveduti con una teologia carismatica, di chi di vita religiosa se ne intende, e come, fino a stracciarsi le vesti, lui e i suoi collaboratori, al sol sentire: «il carisma lo ‘possiede’ il fondatore», «rimango dalla parte del fondatore per rimanere dalla parte dell’autentico carisma».
Carisma fondazionale, non potestativo
Bisogna anzitutto inquadrare il problema. Parliamo del carisma fondazionale, cioè di una grande ricchezza spirituale vivente nella regola, nelle costituzioni e negli statuti propri, i quali designano il diritto proprio dell’istituto, e non mirano certo a tarpare le ali della sequela radicale del Vangelo e della conformità al Christus patiens, ma a incanalarle nel solco veritativo di una tradizione spirituale, ascetica e mistica, che precede quel carisma e che si genererà poi anche a partire da quel carisma. Il carisma è un grande itinerario spirituale che, con il riconoscimento della Chiesa, diventa finalmente autentico: viene da Dio e porta sicuramente a Lui, esprimendo una tipicità nella via della santità cristiana, una nuova ricchezza dottrinale e spirituale.
Certamente il carisma è della Chiesa, quando l’Ecclesia Mater, riconoscendone la sua ispirazione divina, lo approva. La Chiesa non pretenderà però di sostituirsi all’ispirazione originaria sostituendosi al fondatore; al contrario, con l’approvazione darà al portatore del carisma proprio il suo status di “fondatore”. Infatti, spetta alla competente autorità della Chiesa «curare che gli istituti crescano e si sviluppino secondo lo spirito dei fondatori e le sane tradizioni» (Codice di Diritto Canonico, can. 576).
Al contempo, si permetterà a tutta la Chiesa di poter beneficiare di un nuovo dono, un nuovo itinerario della sequela Christi, disponibile ormai per tutti, anche per altri, religiosi e laici, che vorranno ad esso richiamarsi ed ispirarsi. Appartenenza del carisma alla Chiesa significa finalmente cattolicità di quel carisma: un dono fatto non solo a quella famiglia religiosa, ma a tutta la Chiesa, ad ogni cristiano.
Invece, p. Volpi e i suoi discepoli difendono con le grinfie l’ecclesialità del carisma in modo da blindarlo e così strapparlo ai “neo-dissidenti”: il Fondatore e i frati che lo seguono. Segno, a dir poco, di modesta ecclesialità. Perché non permettono al gruppo maggioritario dei frati di costituire un altro ramo scegliendo il medesimo carisma nel suo sviluppo omogeno, ispirato dai Fondatori e approvato dalla Chiesa? Segno di povertà ecclesiologica ma di potere ecclesiastico?
Perciò, pur appartenendo ormai alla compagine vivente del Corpo mistico del Signore, il carisma non smette di conservare la sua origine divina e umana: il suo provenire da Dio e da un fondatore, i quali rimangono sempre la causa efficiente del carisma, una principale e l’altra strumentale. Dimenticare da dove il carisma proviene significa dimenticare primo o poi lo stesso carisma. In concreto: esiliare i due fondatori, trattandoli come fraticelli qualunque, con il pretesto che il carisma non è più dei fondatori, significa provocare, prima o poi, in un prossimo futuro, uno smarrimento dell’origine. Si pensi a un uomo vivo che non sa chi sono i suoi genitori. La stessa cosa.
Se S. Francesco potesse parlare
Ma c’è di più. L’appartenenza del carisma alla Chiesa necessita sempre una testimonianza vivente che possa contribuire alla sua vivificante implementazione a favore di tutto il popolo di Dio. Un carisma non è un fossile privo di vita, o, per dirla con Papa Francesco, «non è una bottiglia d’acqua distillata». È vita di un ordine religioso, di un istituto, di un’associazione pubblica di fedeli. E perché vita, conosce un progresso che genera vita, che genera la santità della vita. Così i Santi (fondatori o discepoli) sono i testimoni più autorevoli di quel carisma, della sua intrinseca bontà, che così è lievito per tutta la Chiesa.
Un fondatore non può essere accantonato se non per smarcarsi da questi e trasformare un ordine religioso in un’altra cosa. Il problema dei maggiori ordini religiosi, la grave crisi identitaria e vocazionale in cui versano, non è dovuta proprio all’aver “esiliato” i fondatori e quindi la regola per cercare un ammodernamento della vita religiosa al passo con i tempi, considerando quelli del fondatore ormai superati? Il tempo e il mondo di oggi hanno messo da parte il tempo e il mondo di S. Francesco, ad esempio; ma con il tempo e il mondo del Serafico d’Assisi si è messa da parte anche l’osservanza del Vangelo di S. Francesco d’Assisi.
È nata la cosiddetta “Questione francescana”, la quale potrebbe essere ricondotta proprio a questi termini: da una parte S. Francesco e dall’altro i francescani, senza possibilità di un incontro vivo se non mediante il metodo storico-critico applicato alle fonti, vivisezionate e lasciate in ogni caso nel loro passato storico. Così la vita si spegne e S. Francesco rimane un personaggio della storia, che non ha più niente da dirci se non suscitare forse la nostra ammirazione per il suo amore agli uccellini.
No. S. Francesco parla ancora attraverso i suoi scritti, i suoi esempi, le sue opere. E parla soprattutto attraverso i suoi figli santi, i grandi Santi dell’Ordine Serafico.
Allo stesso modo (rispettando la debita analogia), è semplicemente pretestuoso dire: mettiamo da parte p. Stefano Manelli perché il carisma appartiene alla Chiesa. Non è necessario che il fondatore sia santo, se lo è ancora meglio, perché rimanga testimone autorevole di quel carisma nella Chiesa, ma è necessario che il carisma sia approvato dalla Chiesa perché gli sia riconosciuto il ruolo testimoniale di fondatore. Ruolo testimoniale che si specchia nel suo compito di guida, sub ductu Ecclesiae, nell’implementazione corretta di quel carisma.
Il fondatore rimane il testimone e il maestro più qualificato di quella ispirazione carismatica, della cui corretta interpretazione può beneficiare tutta la Chiesa. A lui, ai suoi scritti, alle sue opere, si può e si deve ancora ricorrere, e così si è sicuri di non sbagliare. Come può rivivere oggi l’ardore fondazionale, le cosiddette “origini”, se non per mezzo della presenza vivificante della memoria del fondatore? E se poi, guarda caso, questi è ancora vivo, non è meglio?
Metterlo da parte, senza motivi, senza accuse fondate e dimostrate di suoi presunti abusi, ma solo per ragioni altre, che al momento rimangono oscure, non è un bel servizio che si fa alla Chiesa. O meglio, è quel servizio che alcuni uomini di Chiesa hanno fatto ai figli eletti della Chiesa in determinati momenti nodali della storia.
Svela in ogni caso chiaramente la mens dei nuovi arrivati: strappare il carisma a chi lo “possiede”, e presto trasformarlo in un’altra cosa. Senza un’origine e perciò senza più quelfine. Si riaprirà un nuovo capitolo della Questione francescana, che soffocherà, presto o tardi, lo «spirito dei fondatori e le sane tradizioni». (Maurizio Grosso)

martedì 18 marzo 2014

Quando una benedizione è valida?

 Benedizione o esorcismo!

Una persona mi diceva, un sacerdote che non ha nel suo cuore Gesù e benedice in suo nome, benedice con il potere di Dio?

Bellissima domanda, ma a tal proposito ci viene incontro il fatto dell’esorcista estraneo.

“Giovanni rispose a Gesù dicendo: "Maestro, abbiamo visto uno che scacciava i demoni nel tuo nome e glielo abbiamo vietato, perché non era dei nostri". 39 Ma Gesù disse: "Non glielo proibite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito dopo possa parlare male di me.”

Cosa fa capire questo discorso che ho già fatto in altro momento, ma non ho trattato questo particolare.

Gesù dice: "Non glielo proibite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito dopo possa parlare male di me.”

Ma questo cosa significa, che per fare un miracolo bisogna che la persona creda fermamente in Gesù, e quindi bisogna che ottemperi ad un altra parola, Luca 17,5-10, ”Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granellino di senapa, potreste dire a questo gelso: Sii sradicato e trapiantato nel mare, ed esso vi ascolterebbe.”


Ma cosa significa in effetti, che se in un uomo che vuole benedire o esorcizzare in nome di Gesù non c’è fede, cioè non crede fermamente in ciò che fa, nessuna benedizione viene mediante questo soggetto. Perché per muovere a pietà, Dio e che faccia il miracolo( specifichiamo, che un miracolo è anche una benedizione, non solo una grazia), ci vuole una fede grande come un granello di senapa. Questo ci fa capire che se un sacerdote non ha fede e non crede perfettamente in Gesù la sua benedizione non è valida, perché esso non crede realmente in Gesù, nel profondo del suo cuore.

Il racconto, dell’esorcista estraneo dice  “… non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome”  nessuno può benedire nel suo nome se non crede. 

Perché per far avvenire un miracolo o una benedizione ci vuole una grande fede, altrimenti nulla si compie.

 Poi dice: “e subito dopo possa parlare male di me”  se il miracolo si compie è opera del Signore che lo ha concesso, ma se la fede non c’è, non si compie nessun miracolo. Quindi nessuno potrebbe parlar male di Dio comunque sia, perché la responsabilità è sempre nostra, non di Dio.

Ma cos'è la fede, che fa muovere le montagne?.
La fede non è altro che la certezza della presenza perfetta di Dio in noi, espressa in noi verso Dio con tutto il nostro amore per Lui. Questa è la fede, cioè aver fiducia incrollabile che Gesù è sempre perfettamente presente in tutto ciò che esiste. Quando si chiede un miracolo si deve avere la certezza assoluta che si otterrà nel momento che si chiede quel miracolo, spesso la gente non sa chiedere, perché non ha fede, per questo non ottiene la grazia. Ed è per la stessa ragione che spesso è difficile liberare un posseduto dal demonio, perché in chi opera non sempre vi è perfezione di fede. La stessa cosa è per chi benedice, se la benedizione viene fatta senza credere in Gesù, essa non produce frutto! Cioè non c’è benedizione. 


Il problema semmai si pone nel fatto che nessuno o quasi può sapere cosa ci sia nell'intenzione di un soggetto se c’è fede; se fa la sua benedizione è per fede o per altro scopo.  Ma anche in questo possiamo avere un aiuto e dedurre dall'operato del soggetto se esso è veramente con Cristo o contro di esso, i soggetti più esposti sono i sacerdoti, che facendo omelie, ecc esprimono apertamente i loro pensieri, sia nel campo della fede che personali, da tutti  i loro pensieri si deduce da che parte si pongono questi soggetti, se seguono con perfezione la parola di Dio oppure se la seguono imperfettamente o addirittura contrariamente, in questo caso, la loro benedizione non vale.

Faccio esempio se un sacerdote bestemmia pubblicamente la madre di Dio, non direttamente con una vera bestemmia, ma in forma indiretta; se bestemmia Dio direttamente; se si oppone a Cristo stesso, in diverse forme e modi; se propone una dottrina diversa da quella di Gesù, o se mescola alla Fede di Gesù altre fedi, ecc, questo sacerdote benedice solo in suo nome e non certo in nome di Gesù, anche se pronunciasse il nome di Gesù, quello che conta è quello che si cela nel suo cuore, Dio guarda i sentimenti veri e puri.  Però potrebbe accadere che per qualche ragione sconosciuta Gesù conceda egualmente una benedizione, però la benedizione fatta da un “santo” è ben diversa da uno che non è Santo …. Come dire la benedizione fatta per mano di Dio, vale molto di più di quella fatta da qualsiasi essere umano.  Quindi è importante la santità di quell'essere umano. 

Per questo Gesù avrebbe preferito una chiesa come meno sacerdoti, ma Santi, piuttosto che un chiesa con tanti sacerdoti ma di santi quasi nessuno!!!!   

Come dire pochi ma buoni...

lunedì 17 marzo 2014

‘‘Chi sono io per giudicare?



Ricordate le parole di Papa Francesco! ‘‘Chi sono io per giudicare?’’

·          Ma se non giudica non dovrebbe neppure governare, visto che per governare bisogna comandare!!!! 
 E per comandare bisogna saper condannare.. con giustizia...
·          E quanto ha detto è una bugia, per il semplice fatto, che tutti gli uomini giudicano ogni giorno anche per le piccole cose, lui non potrebbe governare la chiesa se non sapesse giudicare l'operato di chi gli sta attorno.... quindi l'affermazione è fasulla... "chi sono io per giudicare". O forse meglio dire astuta.

Ma chi è il giusto giudice se non Dio stesso!
Infatti l’uomo da giudizi parziali, Dio da giudizi totali. Perché L’uomo conosce solo la superficie delle cose, mentre Dio conosce tutto, la totalità della superficie e la totalità dell’interno dei pensieri e delle anime.
Ma dire, non sono nessuno per giudicare è un affermazione non sincera, visto che manca di coerenza, si perché se fosse coerente con il suo parlare non dovrebbe neppure amministrare il governo della chiesa. Per amministrare serve giustizia  oltre che intelligenza, onesta  e verità. ecc.
Il Signore semmai insegna, la giusta correzione che tutti i credenti cristiani devono fare, verso il loro prossimo, chiunque esso sia, anche se fosse il pontefice stesso.
Ma come ho già detto per fare una giusta correzione bisogna giudicare, perché senza un minimo di giudizio nessun uomo può dir nulla di nulla …. Neppure pensare.

/giudizio-e-correzzione.html

Quindi di che giudizio parla Gesù?
Parla della condanna che nessun uomo deve dare contro qualsiasi fratello, perché nessun uomo può conoscere perfettamente l’animo umano.
E cosa rientra nella condanna o nel condannare il prossimo?
Ci sono molte cose, che rientrano in essa, sotto i profilo religioso, principalmente la scomunica. Sotto il profilo umano, molte condanne possono  essere considerate una ingiusta condanna, proprio perché nessun uomo conosce l’animo di un altro uomo.
Ma se devo richiamare e correggere un mio fratello in me devo in qualche modo giudicarlo, ma non devo condannarlo è questo che Gesù ci fa capire, la condanna non deve essere fatta, perché un giudizio che rimane in noi non genera peccato, se esso non viene esternato.
per esempio dire:
“tu sei una persona cosi, cola, di su e di giù” questa è una condanna.
“Tu sei una poco di buono” è una condanna.
Ve ne sono molti tipi di parole che portano come conseguenza una condanna.

Però se io cerco di far capire ad un fratello che ha errato in un suo giudizio, in una sua parola o negli atti che ha fatto, possono cercare di richiamarlo anche vigorosamente pur di ottenere da lui il cambiamento, e non devo dire io non sono nessuno per giudicare, si può giudicare ma senza condannare, altrimenti il giusto richiamo, la giusta correzione non avrebbe alcun senso di esistere.

sabato 15 marzo 2014

Interpretazioni delle profezie della Beata Emmerick


La mia interpretazione delle profezie della Beata Emmerick


Devo fare una doverosa premessa, come io stesso ho sempre detto, che per analizzare delle profezia, si deve accertarsi di ogni cosa, su chi le riceve, e su quello che ruota attorno a chi le ha ricevute, per cui aggiungo per giustizia di cronaca. Le parole della Beata Emmerick sono state dettate ad un poeta Clemens Bretano tra 1819-1824 anno della morte, costui raccolse le visioni della beata e le trascrisse in modo da ricordarle per futuri posteri, in questo non ci vedo nulla di strano. Faccio una premesse, anche le visioni possono divenir profezie, come anche i sogni, come anche apparizioni, non significa proprio nulla, ci sono molti purtroppo che vogliono screditare la beata, perchè ovviamente non piace che le sue profezie siano oggetto di attenzione e sopratutto di collegamento con bergoglio e Benedetto XVI, intanto nelle apparizioni non ci sono riferimenti precisissimi a quali papi sono rivolte, ma solo chi fa l'analisi lo comprende e se i parallelismo con il tempo odierno sono molto simili, a queste visioni-profetiche, non vedo che problema ci sia. Se poi sono accreditate a questi pontefici o ad altri, solo la storia lo dirà nel tempo, certamente oggi con l'emergere della massoneria, che sta mettendo fuori la testa in ogni dove, essa non vuole che un pontefice ad essa legato venga in qualche modo offeso da chiunque, mediante profezie varie, per cui si tenta in ogni modo di screditare le stesse, al fine di tentare di rendere vane le stesse, come dire che la chiesa si sarebbe sbagliata nel far beata la Emmerick, che le sue visioni profetiche non erano profezie, ma solo visioni di una visionaria, in questo modo la massoneria cerca di tutelare il suo pontefice, e quindi screditare chiunque tenti di interpretare queste profezie nascoste. Certamente però c'è da dire anche che come io stesso ho scritto, la chiesa di un tempo fino ai giorni d'oggi ha un po troppo la mania di mutare le parole di santi e veggenti, per cui anche gli scritti veri potrebbero risultare non autentici del tutto, se sono stati vagliati da diversi personaggi sia fuori che dentro la chiesa, per cui potremo dire che solo gli scritti pubblicati senza manomissione alcuna sono autentici, perchè i filtri solitamente cambiano il contenuto, per volontà diverse da quelle iniziali, spesso i santi, beati, profeti erano in buona fede, ma coloro che poi hanno scritto o preso spunto o riscritto, come copisti potevano dire e scrivere o non scrivere quello che non piaceva essere trasmesso. In questi casi, è sempre difficile dire è vero e quanto è vero. Certo che bisogna anche far attenzione, perchè tra tante cose le verità ci sono, solo che al tempo d'oggi non fa comodo farle emergere, per ovvie ragioni di popolarità dei personaggi interessati nelle profezie stesse.

Comunque la profezia della emmerick non ha una collocazione temporale, precisa, ha solo riferimenti e assomiglianze al tempo presente. 

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

"La Chiesa si trova in grande pericolo. Dobbiamo pregare affinché il Papa non lasci Roma; ne risulterebbero innumerevoli mali se lo facesse”.

Qui si parla chiaramente di BXVI, ma il problema che l’interpretazione è sbagliata, si pensa che essa sia riferita al fatto che il papa non debba lasciare Roma, ma qui si fa riferimento al fatto che esso anche se lasciasse Roma rimane Papa, il problema ora è questo BXVI pare abbia lasciato il suo trono ad un altro Pontefice, quindi non parla del fatto di lasciare Roma, ma si lasciare il pontificato quale Pontefice di Roma, anche se lasciasse la città di Roma in questo momento non cambierebbe nulla, perché la profezia si è già compiuta con la sua retrocessione, anche se, come ho detto temo che sia una farsa. Però a conti fatti, innanzi a Dio ha abdicato, perché quello che conta è l’aver lasciato il trono di Pietro, non la città di Roma.  Quindi, ripeto non si riferisce al fatto che lasci la città di Roma ma bensì che lasci il trono di Pietro a Roma, e questo lo ha già fatto!  La Beata dice a tutti di pregare affinché non lasci! in un tempo molto precedente all' evento che doveva compiersi.


 Ora stanno pretendendo qualcosa da lui.”

Questa frase sottolinea la precedente, pretendono qualcosa, nel momento che la beata vede il pontefice è in grande turbamento, la frase qui indica che qualcuno pretende le sue dimissioni …

 “La dottrina protestante e quella dei greci scismatici devono diffondersi dappertutto. “

Qui  si riferisce al’espansione delle dottrine protestanti e scismatiche, che infatti si stanno proliferando.

“Ora vedo che in questo luogo la Chiesa viene minata in maniera così astuta che rimangono a mala pena un centinaio di sacerdoti che non siano stati ingannati. Tutti loro lavorano alla distruzione, persino il clero”

Qui l’espressione è chiara … non c’è bisogno di altri commenti..

“Si avvicina una grande devastazione".

La devastazione dovuta a cosa, alla futura decisione di questo pontefice …

“Quando vidi la Chiesa di San Pietro in rovina, e il modo in cui tanti membri del clero erano essi stessi impegnati in quest’opera di distruzione - nessuno di loro desiderava farlo apertamente davanti agli altri -, “


Qui è chiarissimo il discorso, è in riferimento non alla rovina dell’edificio, ma la rovina è riferita alla chiesa come istituzione religiosa, e lo dice che molti appartenenti del clero contribuiranno alla sua distruzione in modo nascosto.(durante il pontificato di BXVI)


“ero talmente dispiaciuta che chiamai Gesù con tutta la mia forza, implorando la Sua misericordia. Allora vidi davanti a me lo Sposo Celeste ed Egli mi parlò per lungo tempo...”


“Egli disse, fra le altre cose, che questo trasferimento della Chiesa da un luogo ad un altro, significava che essa sarebbe sembrata in completo declino. Ma sarebbe risorta.”  


Questo esprime chiaramente che la sede di Roma si sposterà di sede, in altro luogo.(sempre che fosse rimasto come pontefice BXVI)

“Anche se rimanesse un solo cattolico, la Chiesa vincerebbe di nuovo perché non si fonda sui consigli e sull'intelligenza umani.”

Quindi la chiesa può risorgere anche con un solo cattolico vivente, non è indispensabile per Dio che sia un sacerdote, ma basta che sia Cristiano battezzato.
Quello che dico sempre io, che non sono le leggi poste dagli uomini di chiesa a fare la chiesa di Cristo ma è la legge di Dio a fare la chiesa. E quando dico che in paradiso tutto quello che l’uomo di chiesa ha scritto, verrà distrutto è vero! Perché quello che rimane è solo la parola di Dio. E' quella che conta!


“Mi fece anche vedere che non era rimasto quasi nessun cristiano, nell'antico significato della parola". (4 ottobre 1820)”

Non era rimasto quasi nessun cristiano che credesse veramente in Cristo, come erano gli apostoli, questo fa capire la caduta vertiginosa della fede della chiesa di questo tempo!


"Mentre attraversavo Roma con San Francesco e altri santi, vedemmo un grande palazzo avvolto dalle fiamme, da cima a fondo.

La beata si vede con altri santi, nel momento in cui il palazzo vaticano prende fuoco..(vede se stessa, in anima)
Questo è il palazzo dove vive il papa! Le fiamme potrebbero benissimo essere un qualche scandalo, che ha incendiato in senso metaforico il vaticano, cioè lo ha messo al centro dell’attenzione mediatica, quindi ha preso fuoco.

“Avevo tanta paura che gli occupanti potessero morire bruciati perché nessuno si faceva avanti per spegnere il fuoco. “

Nessuno si faceva avanti per spegnere il fuoco, perché non è un fuoco vero, ma un fuoco che può bruciare molto di più di un vero fuoco, quindi pur di non scottarsi, nessuno si avvicinava.


“Tuttavia, mentre ci avvicinavamo il fuoco diminuì e noi vedemmo un edificio annerito.”

La beata assieme ad altri santi si avvinano a questo edificio annerito dallo scandalo che ha colpito questo palazzo.


“Attraversammo un gran numero di magnifiche stanze, e finalmente raggiungemmo il Papa. “

Qui si parla del palazzo dove viveva BXVI, e qui non ha ancora abdicato.


“Era seduto al buio e addormentato su una grande poltrona. Era molto ammalato e debole; non riusciva più a camminare.”

Parla di come lo vede in quel momento, di grande afflizione, dolore, ecc


“Gli ecclesiastici nella cerchia interna sembravano insinceri e privi di zelo; non mi piacevano. Parlai al Papa dei vescovi che presto dovevano essere nominati.”

Dice che non gli piacciono i vescovi, cardinali ecc, che lo circondano, poi pare che apparirà in visione a questo Papa e gli dirà di nominare altri vescovi .... cosa che mi pare non sia accaduta fin'ora.... 


“Gli dissi anche che non doveva lasciare Roma. Se l’avesse fatto sarebbe stato il caos.

Ecco ribadisce il concetto espresso in alto nel discorso dice "gli dissi che non deve lasciare Roma", ma non inteso come città, ma come sede del pontefice. Non deve lasciare il pontificato. Perché poi ci sarebbe stato il caos, ed infatti ora siamo nel caos! Proprio perchè ha lasciato il pontificato....quindi tutto si concretizza. Questo caos a cui fa riferimento, è la variante temporale che Dio non voleva che avvenisse. Variante che cita più avanti.


“Egli pensava che il male fosse inevitabile e che doveva partire per salvare molte cose... Era molto propenso a lasciare Roma, e veniva esortato insistentemente a farlo...”

Ecco il discorso pressioni per lasciare il pontificato, così come sono avvenute e che poi hanno portato effettivamente a quello che la beata non voleva. O meglio dire Dio non voleva!!!

link: Benedetto-xvi-benedict-xvi-benedicto-xvi-

Ora per quanto BXVI possa stroncare le varie tesi e polemiche sta di fatto che la Beata Emmerick, ci ha azzeccato in pieno, quindi le pressioni secondo la santa le ha avute; di che tipo fossero non si sa, ma certamente il problema grosso è la sua abdicazione che non doveva esserci, quindi anche se BXVI lasciasse tecnicamente Roma non essendo più pontefice non cambierebbe nulla. Perché il danno lo ha già fatto e le conseguenze di tale scelta pesano su di lui principalmente. Lo disse Lui che attorno a se vi erano lupi, quindi in un certo senso, avvalla quello che dice la Beata Emmerick. 

……………

scusate ho sbagliato a leggere una parola correggo subito...

"Vidi un nuovo Papa che sarà molto rigoroso. Egli si alienerà i vescovi freddi e tiepidi. Non è un romano, ma è italiano. Proviene da un luogo che non è lontano da Roma, e credo che venga da una famiglia devota e di sangue reale. Ma per qualche tempo dovranno esserci ancora molte lotte e agitazioni". (27 gennaio 1822)”

Il fatto che dicaVidi un nuovo Papa”, sta ad indicare che il precedente ha già lasciato Roma, cioè il pontificato, non parla della sua morte.

Curioso la denominazione “non è un romano ma è italiano”, non dice che non è di  Roma, dice che non è romano, quindi non laziale, ma è italiano,  “Proviene da un luogo che non è lontano da Roma,” beh anche Milano non è lontano da Roma, dipende qual è il metro di distanza adottato; “e credo che venga da una famiglia devota e di sangue reale.” Credo, non è certa, c’è insicurezza … suppone ma non è sicura che sia di sangue reale. Anche Francesco è di origini Italiane e non è romano, ma non mi pare proprio che sia di sangue reale.

alienerà: significato del termine: . rifl., letter. Astrarsi: per un istante parve alienarsi in un suo pensiero(D’Annunzio). Alienarsi dalla mentedalla ragione, uscire di senno (v. alienato). Allontanare, distogliere: auna persona da un’altraada una persona l’animo,l’affettola benevolenza di qualcunoha agito in modo da alienarsi l’amicizia di tuttialienarsi qualcuno, renderselo estraneo o nemico. In partic., portare a uno stato di alienazione (nel sign. 3 del sost.).  

[Nel discorso significa che si renderà contrario e si allontanerà dai tiepidi e dai freddi che fanno parte del clero.  "che sarà molto rigoroso....alienerà i vescovi freddi e tiepidi" il fatto che dica che è rigoroso, ma contrario al resto del clero freddo e tiepido, mi fa pensare che non sia Papa Francesco. Mi sto chiedendo chi sia? ] questa parte è strana!!! sicuramente è un Papa totalmente italiano, ma chi? forse Angelo Scola? .... se fosse così, allora la previsione sarebbe giusta, potrebbe esserlo, se non che l'ingresso di Francesco ha cambiato lo scenario, forse Francesco è una parentesi ... nel senso che è qui per provare la vera fedeltà dei veri cristiani, lui senza rendersene conto, sta mettendo a dura prova i veri credenti, che mediante il suo operato, si ridurranno fino al lumicino, allora Dio saprà chi prendere e chi lasciare ....

“Ma per qualche tempo dovranno esserci ancora molte lotte e agitazioni”

Per qualche tempo, lotte e agitazioni pare molto il tempo attuale. Le lotte possono essere ambizioni al potere, ma anche malumori all'interno della chiesa, per tante cose, e le agitazioni possono essere contrarietà del popolo e di altre parti del clero.

"Verranno tempi molto cattivi, nei quali i non cattolici svieranno molte persone. Ne risulterà una grande confusione. Vidi anche la battaglia. I nemici erano molto più numerosi, ma il piccolo esercito di fedeli ne abbatté file intere [di soldati nemici]. Durante la battaglia, la Madonna si trovava in piedi su una collina, e indossava un’armatura. “

nei quali i non cattolici svieranno molte persone” dice che ci saranno dei non cattolici che svieranno molte persone cattoliche. La confusione che stiamo vivendo; qui la beata vede un battaglia per la fede, dove i  nemici sono coloro che sono freddi e tiepidi,  non lo dice  per nulla, che questo papa sarà freddo e tiepido, ma per identificare anche coloro che lo seguono, cioè i tiepidi. E fa capire quanti saranno a seguirlo, dalle parole I nemici erano molto più numerosi, ma il piccolo esercito di fedeli ne abbatté file intere “. La battaglia sarà tra fedeli e fedeli, il grande numero dei tiepidi, contro il piccolo numero di fedeli a Dio, dice “Durante la battaglia, la Madonna si trovava in piedi su una collina, e indossava un’armatura. “ la Vergine che indossa un armatura d’oro(simile al sole) sostiene il piccolo numero di fedeli, agguerriti contro il grande numero di tiepidi e freddi fedeli, e la battaglia viene appunto vinta della Vergine e dai suoi soldati, dalla sua armata bianca.

“Era una guerra terribile. Alla fine, solo pochi combattenti per la giusta causa erano sopravvissuti, ma la vittoria era la loro". (22 ottobre 1822)”

Sarà una guerra vera e propria non solo fatta di parole, ma di vera guerra con armi(fucili, pistole ecc), spade e lance! (sta ad indicare che il momento sarà difficile e le armi da fuoco non ce ne saranno molte) indica anche decadenza del periodo storico.

Quindi saranno cristiani contro altri cristiani!!! Ma penso anche altre religioni contro i cristiani veri.

"Vidi che molti pastori si erano fatti coinvolgere in idee che erano pericolose per la Chiesa.”  “Stavano costruendo una Chiesa grande, strana, e stravagante.”


Il termine curioso è stravagante che sottintende che ha al suo interno un gruppo di fedeli e di clero un po’ fuori dalla righe dove si accetta anche coloro che vanno contro la morale cristiana. Strana intende che accetterà altre fedi al suo interno. Ma grande perché avrà tanti fedeli di tanti colori. Una chiesa multicolore. Però può avere un doppio senso questo, appena citato e quello anche di una vera chiesa, un edificio di stampo massonico.

“Tutti dovevano essere ammessi in essa per essere uniti ed avere uguali diritti: evangelici, cattolici e sette di ogni denominazione. Così doveva essere la nuova Chiesa... Ma Dio aveva altri progetti". (22 aprile 1823)”

Una chiesa multicolore e multi - religione, e pluri-sessuale, come quella NWO, tanto desiderata anche da BXVI e da Francesco.

"Vorrei, che fosse qui il tempo in cui regnerà il Papa vestito di rosso. Vedo gli apostoli, non quelli del passato, ma gli apostoli degli ultimi tempi e mi sembra che il Papa sia fra loro."

Dice che gli piacerebbe che fosse il tempo in cui regnerà il papa vestito di rosso, ma il vorrei sottintende che quel tempo non è ancora vicino, ci vuole ancora un po’!
Dice vedo gli apostoli, precisando non quelli del passato i 12 apostoli, ma quelli degli ultimi tempi, quelli eletti direttamente da Cristo, come il sottoscritto!!!
Poi cambia discorso!! Questo discorso è interessante, per la posizione in cui viene posto, secondo me per creare un po’ di confusione … di disorientamento …

"Nel centro dell’inferno ho visto un abisso buio e dall'aspetto orribile e dentro di esso era stato gettato Lucifero, dopo essere stato assicurato saldamente a delle catene … Dio stesso aveva decretato questo; e mi è stato anche detto, se ricordo bene, che egli verrà liberato per un certo periodo cinquanta o sessanta anni prima dell’anno di Cristo 2000. Mi vennero indicate le date di molti altri eventi che non riesco a ricordare; ma un certo numero di demoni dovranno essere liberati molto prima di Lucifero, in modo che tentino gli uomini e servano come strumenti della vendetta divina."

Quindi Lucifero viene liberato dopo 2000.

"Un uomo dal viso pallido fluttuava lentamente al di sopra della terra e, sciogliendo i drappi che avvolgevano la sua spada, li gettò sulle città addormentate, che vennero legate da questi. Questa figura gettò la pestilenza sulla Russia, l’Italia e la Spagna.”

Parla dell’angelo della morte quindi in riferimento all'apocalisse, si parla del cavallo nero, che porta malattie e morte anche con la spada. Verranno colpite Russia, l’Italia e la Spagna.

“Attorno a Berlino vi era un fiocco rosso e da lì venne in Westfalia. Ora la spada dell’uomo era sguainata, strisce rosse come il sangue pendevano dall’impugnatura e il sangue che grondava da questa cadeva sulla Westfalia [4]".

Da Berlino arriva il male e che si estende in Westfalia , una guerra sanguinosa colpirà quelle terre.

"Gli ebrei ritorneranno in Palestina e diverranno cristiani verso la fine del mondo."


Gli Ebrei si convertiranno solo alla fine o poco prima.

................................

Questa frase dice molto di più di quanto ho espresso sopra:

"La Chiesa si trova in grande pericolo. Dobbiamo pregare affinché il Papa non lasci Roma; ne risulterebbero innumerevoli mali se lo facesse”.

infatti parla di un alternativa, nelle parole "ne risulterebbero innumerevoli mali se lo facesse"

questo significa che BXVI era per Dio come bivio, su lui pendevano le sorti della chiesa e dell'umanità, una responsabilità grandissima, che lui non ha compreso, infatti questa frase e le altre nel testo stanno ad a indicare che esso non doveva assolutamente dimettersi, perchè in alternativa ci sarebbe stato il caos, e questo fattore indica che Dio poteva permettersi di perdere una piccola battaglia, ma non non certo la guerra. Ora la sua abdicazione, ha portato l'umanità verso la guerra, non più verso la battaglia, e questo significa che la prospettiva che fa la Beata, quella di un pontefice che doveva venire dopo di lui, non c'è più, perchè questo pontefice viene praticamente cancellato da questa decisione che non doveva esserci.
 quindi le alternative erano;

1-di questo pontefice di cui la Emmerick parla rigoroso e non tiepido con il termine di una battaglia,
2- quella caos più totale, quindi con il termine della guerra. Noi abbiamo preso questa.

L'unica speranza è che se i cristiani veri pregassero veramente con fede e chiedessero a Dio, di alleviare i guai che stanno sopraggiungendo x i mondo, forse Dio, diminuirà questi eventi, e li accorcerà, ma certamente oramai le scelte sono state fatte.


Personalmente BXVI mi fa pena, perchè si è assunto sulle sue spalle un peso terribile, da sopportare. L'aver condotto la chiesa su questa via. 
Preghiamo per lui, affinché Dio ne abbia misericordia!

giovedì 13 marzo 2014

I Segreti dell’Apocalisse!!

By Boanerges Yhwhnn


Apocalisse al futuro fisico-spirituale.

Tutto il testo apocalisse, cela e nasconde dei segreti formidabili, ne ho già rivelati alcuni al mondo, ma penso che ne rivelerò altri, anche perché questo p il tempo della rivelazione !
Quando l’angelo appare a Giovanni evangelista e gli pone un libricino che lui ha divorato, mi sono chiesto cosa fosse, questo presunto libricino, notare come ho già scritto che questo libro parallelamente ha lo stesso comportamento del frutto dell’albero della conoscenza del bene e del male, solo che esso non induce un peccato, perché la sua conoscenza non è stata rubata, ma è stata offerta e donata. L’evangelista infatti dice che mangiandolo lo sente dolce in bocca, ma amaro nello stomaco, lo stesso avviene con Adamo ed Eva che era buono da mangiare ma produce l’effetto negativo. Quindi il libro non è altro che la sapienza che Dio offre a Giovanni, poi più avanti, gli viene comunicato che deve ancora profetare su altri popoli. Questo m’ha fatto capire che Dio aveva bisogno di un altro Giovanni che preannuncia la sua seconda venuta o in forma spirituale o non forma fisica a me non interessa, come descritto in apocalisse stessa. Come avvenuto per il Battista che ha preannunciato la venuta di Gesù e così poi L’evangelista chiude un ciclo profetando sul futuro, il quale fa capire chiaramente che ci sarà un nuovo apostolo con questo stesso nome, che dovrà aprire il tempo della seconda venuta di Gesù, forse in spirito, ma noi non sappiamo e non possiamo escludere nulla dato che non siamo Dio, non conosciamo la sua volontà.

Tutta l’apocalisse, è incentrata sulla figura di Dio, sia nella veste di Padre che Figlio che Spirito e della sua Madre Maria. Spiega i soggetti principali e quelli secondari come satana, o drago antico o rosso, vari angeli ecc … sicuramente il testo apocalittico è sia realmente vero in senso spirituale, che simbolico in senso fisico, ma anche reale nell'evolversi degli eventi.

Molti vogliono conoscere il futuro dell’umanità, solo per salvarsi.Ma non mi concentrerò su questa, perché molti hanno detto di tutto e di più, per cui, la mia attenzione si soffermerà, sulla scienza che si cela dietro all'apocalisse, una scienza sottile, ma piena di segreti fondamentali per la vita stessa del pianeta e di tutti gli esseri in esso contenuti, ma anche per il resto dell’universo, spiega come ci si può evolvere e vivere un futuro sereno.

La parte più interessante di tutto il testo apocalittico è celata in modo sparpagliato nel testo stesso, pare che sia stata scritta in modo tale da non far cogliere ne leggere il suo contenuto, se non a chi possedesse la chiave aprirlo …


I capitoli più interessanti sono:Capitolo 1. Capitolo 4. Di cui ho già scritto che però qui ripropongo solo il cap.4.


Dal trono uscivano lampi, voci e tuoni; ardevano davanti al trono sette fiaccole accese, che sono i sette spiriti di Dio.”   sono spiriti che appartengono a Dio. Ma questi spiriti in realtà chi sono?

Si è sempre pensato che lo spirito Santo fosse uno spirito unico, invece esso come nella descrizione dell’arca dell’alleanza sta innanzi al trono, questi 7 spiriti stanno innanzi al trono, quindi di conseguenza si comprende che in realtà questi 7 spiriti di Dio è il così detto Spirito Santo, che in realtà sono 7 Spiriti Santi ed ognuno di essi rappresenta le virtù, doni , carismi, poteri, che possiedono:

Sapienza, Intelletto, Consiglio, Fortezza, Scienza, Pietà, Timor di Dio.

Ognuno di questi produce una serie di altre virtù :
La Sapienza genera la Giustizia e Verità; Intelletto genera il potere, la forza; Consiglio è progetto, disegno; Fortezza genera perfezione, purezza, la sublimazione del bene; Scienza genera la conoscenza; Pietà genera l’amore, la passione, i sentimenti, ardore; Timor di Dio genera la temperanza, carità, ecc. Tutti e 7 gli spiriti in realtà collaborano assieme come se fossero un solo spirito.

Espandiamo il discorso degli Spiriti Santi che formano un unico Spirito.

“ardevano davanti al trono sette fiaccole accese, che sono i sette spiriti di Dio.”   sono spiriti che appartengono a Dio. Ma questi spiriti in realtà chi sono?

Si è sempre pensato che lo spirito Santo fosse uno spirito unico, invece esso come nella descrizione dell’arca dell’alleanza sta innanzi al trono, questi 7 spiriti stanno innanzi al trono, quindi di conseguenza si comprende che in realtà questi 7 spiriti di Dio è il così detto Spirito Santo, che in realtà sono 7 Spiriti Santi ed ognuno di essi rappresenta le virtù, doni , carismi, poteri, che possiedono:

Sapienza, Intelletto, Consiglio, Fortezza, Scienza, Pietà, Timor di Dio.

Ognuno di questi produce una serie di altre virtù :
La Sapienza genera la Giustizia e Verità; Intelletto genera il potere, la forza; Consiglio è progetto, disegno; Fortezza genera perfezione, purezza, la sublimazione del bene; Scienza genera la conoscenza; Pietà genera l’amore, la passione, i sentimenti; Timor di Dio genera la temperanza, carità, ecc. Tutti e 7 gli spiriti in realtà collaborano assieme come se fossero un solo spirito.
Ma facciamo attenzione, l’amore è anche quello per la scienza e conoscenza, ma l’amore per la scienza non è il vero Amore dei sentimenti, è l’amore per la conoscenza, cioè il desiderio di aumentare il proprio grado di cultura, in seno al bene.
Ma il vero AMORE dei sentimenti quello di cui Dio parla cioè il suo ardore, fa parte di Dio stesso, è una virtù che è di totale appannaggio di Dio Padre, ma anche la virtù della Pietà, possiede un certo tipo di amore, che quello dei sentimenti, ma andando più in là, possiamo vedere che pure le altre virtù posseggono un componente dell’amore, la sapienza ha in se l’amore per la verità e la giustizia, colui che è sapiente, ha un amore viscerale per questo tipo di virtù. Se l’uomo non ama la virtù che gli è stata donata, l’uomo perde la virtù.

Si è sempre pensato che lo spirito Santo fosse uno spirito unico, invece esso come nella descrizione dell’arca dell’alleanza sta innanzi al trono, questi 7 spiriti stanno innanzi al trono, quindi di conseguenza si comprende che in realtà questi 7 spiriti di Dio, è il così detto Spirito Santo, che in realtà sono 7 Spiriti Santi ed ognuno di essi rappresenta le virtù, doni , carismi, poteri, che possiedono:

Consiglio, Sapienza, Intelletto,  Fortezza, Scienza, Pietà, Timor di Dio.

Tutti e 7 gli spiriti in realtà collaborano assieme come se fossero un solo spirito.
Ognuno dei sette spiriti di Dio ha un colore diverso l'uno dall'altro, e i loro coloro corrispondono ai colori dell'arcobaleno, giallo(primario); rosso(magenta); azzurro(cyan);verde, arancione, turchese(celeste), viola. Infatti lo Spirito Santo si presenta come una colomba bianca, perché la fusione luminosa dei 7 colori forma il bianco(luce). Quindi tutti i 7 Spiriti Santi di Dio, assieme formano un solo Spirito. Poi ognuno dei sette spiriti di Dio è legata una nota musicale, ma in che posizione?

Però c'è da dire una cosa interessante i colori dell'arcobaleno visibile sono 7, mentre quelli reali sono 12 perché manca l'infrarosso e l'ultravioletto, mancherebbe anche la luce nera, nella quale si possono inserire le radiazioni ionizzanti che sono sempre una specie di luce, cioè parlo dei raggi invisibili, (Gamma, Alpha , Beta, raggi cosmici, ecc), raggi X abbiamo anche le onde sonore divise al loro interno da suono udibile, infrasuoni e  ultrasuoni, microonde.


come si può vedere sono 12.

Seguendo questo tracciato dovreste capire altro...esempio si dice che satana è un drago rosso ma è rosso o è infrarosso 11, è un numero che in ebraico indica una cosa precisa, oltretutto 11 è anche un numero che associato a taluni eventi infausti.. A voi la ricerca del resto.

andiamo avanti specifichiamo alcune cose:


Secondo la bibbia ogni virtù ha una sua posizione abbiamo esattamente:
1.Consiglio, 2 Sapienza, 3 Fortezza, 4 Intelletto, 5 pietà, 6 Timor di Dio, 7 Scienza.

Come si leggono i colori e le note musicali abbinati ai sette spiriti?
Semplice da destra verso sinistra e quindi abbiamo che?


1.Consiglio viola, Do
2 Sapienza blu, Re
3 Fortezza celeste, Mi
4 Intelletto verde, Fa
5 Pietà giallo, Sol
6 Timor di Dio arancione, La
7 Scienza rosso, Si

È interessante il discorso che questi 7 spiriti sono posizionati di fronte a Dio, probabilmente impediscono a chi guarda di vedere Dio, come se fossero dei veli.

ora osservate questa immagine ....

Però  non sarebbe esatta questa numerazione ….
Perché lo spettro reale è formato da 12 “colori” onde elettromagnetiche …

Pertanto abbiamo che:

1  luce nera        
2.raggi x               
3.ultravioletti
(4,5,6,7,8,9,10) visibile [4.Consiglio, 5 Sapienza, 6 Fortezza, 7 Intelletto, 8 pietà, 9 Timor di Dio, 10 Scienza.
11.infrarosso           
12 onde elettromagnetiche  (suono) udibile e non udibile(infrasuoni e gli ultrasuoni, microonde)

Ma c’è molto di più da scoprire

Quante cose esistono nel nostro universo, visibile che hanno 7 elementi?

Tante e forse non le abbiamo ancora scoperte tutte …

Iniziamo dal nostro organismo …

Cosa abbiamo in noi che è ha sette parti?
Per esempio le ghiandole endocrine sono sette.

1.      Pineale o Epifisi
2.      Ipofisi
3.      Tiroide
4.      Timo
5.      Pancreas
6.      Reni
7.      Ghiandole genitali(testicoli/ovaie)

E tra queste vi è la famosa Pineale o epifisi collocata nella parte centrale ma posteriore del cervello.
Questa ghiandola epifisi o detta pineale ha un forma simile alla pigna, è fondamentale per la nostra vita, essa ha la capacità di aumentare le potenzialità della mente, di tener in buon equilibrio l’organismo, di sviluppare l’intelligenza e di impedire la formazione di tumori, riequilibrale molti altre sostanza nell'organismo, viene stimolata dalla presenza di triptofano e produce melatonina seletonina, riduce l’invecchiamento, ma anche per collegare effettivamente il mondo superiore con la mente stessa. La pineale è detta terzo occhio, ma non per un caso o per un invenzione, ma perché in certi rettili effettivamente essa era collegata esternamente con un occhio posteriore, per cui anche in noi funge da occhio, ma non un occhio come gli occhi frontali, ma di un occhio capace di percepire quelle sensazioni di tipo elettro-magnetico, come se fosse un bussola sensibile a certe fonti energetiche e sonore che gli occhi esterni non percepiscono, in pratica la pineale vede quello che due occhi frontali non vedono, tutta quella radiazione invisibile che gli occhi non colgono, se non  in modo indiretto, la pineale è sensibile sia alla luce che all'oscurità, si attiva quando si dorme, ma si attiva anche quando si sta svegli. Certi tipi di luce, specialmente certi tipi di colore sono in grado stimolare le ghiandole endocrine, la pineale come le altre viene stimolata dal colore viola che è il colore suo colore al quale la pineale è più sensibile, ma essa è sensibile anche ultravioletto, infatti una emanazione di ultravioletto e violetto stimolano in maniera energica la ghiandola.
Se oltre alla vibrazione di quei colori si aggiunge il suono, ad una determinata frequenza, si otterrà con delle opportune modularità, che siano armoniche, si otterrà l’attivazione della pineale alla sua massima capacità, questo fenomeno può produrre diversi effetti, dipende molto da cosa si vuol fare.

Anche la altre ghiandole endocrine producono effetti normalizzanti se vengono trattate con i loro colori e le loro note musicali.  Interessante vedere che come la pineale è stimolata sia dall’ultravioletto e dal viola, è abbinata alla virtù del consiglio, anche le ghiandole sessuali, sono abbinante alla scienza, e al colore rosso, ma qui esso è espresso anche come infrarosso. Quindi l’abbinamento dei due colori visibile+invisibile (rosso+infrarosso) produrranno effetti intensi.
Ma andiamo oltre entriamo un attimo nella sfera spirituale dell’apocalisse dove si parla dei 4 esseri viventi, mi chiedevo come mai avessero sia occhi dentro che fuori, ora ho capito, gli occhi interni sono simili alla nostra pineale, indicano i centri vitali, centri endocrini, come dire vedo dentro e vedo fuori, cioè vedo oltre, la soglia, vedo il passato, vedo il futuro, ma sono centri endocrini che producono altissimi livelli di sostanze che permetto un a vita perfetta, eterna.
Il potenziamento delle ghiandole endocrine porta ad un evoluzione dello spirito e una maggiore lunghezza della vita, se il corpo vivesse costantemente sotto l’azione di colori, suoni campi magnetici, di tipo naturale il corpo aumenterebbe molto di più la lunghezza della sua vita, potrebbe superare, anche i 150 anni di vita.

Ecco a voi la soluzione definitiva:



Virtù
Note Musicali
Ghiandole Endocrine
INVISIBILE

1



Luce Nera

2



Raggi X

3



Ultravioletto
VISIBILE
1
4
Consiglio
Do
Pineale
668-789 THz
380–450 nm
2
5
Sapienza
Re
Ipofisi
631-668 THz
450–475 nm
3
6
Fortezza
Mi
Tiroide
606-631 THz
476-495 nm
4
7
Intelletto
Fa
Timo
526-606 THz
495–570 nm
5
8
Pietà
Sol
Pancreas
508-526 THz
570–590 nm
6
9
Timor di Dio
La
Reni
484-508 THz
590–620 nm
7
10
Scienza
Si
Genitali
400-484 THz
620–750 nm
INV.

11



Infrarosso

12



Onde Radio


Ma tutti possono essere trasmessi con a frequenze diverse a seconda di ciò che si vuole ottenere … per esempio la terra ha una  sua frequenza, il sole ne ha un'altra, l’universo un'altra ancora, ecc..

La stimolazione secondo questo schema mediante gli occhi, il suono e i campi magnetici, si possono attivare i centri del benessere psico-fisico e ma soprattutto quello spirituale.  

L’ultravioletto e l’infrarosso possono rientrare nei due colori corrispondenti il viola e rosso … per cui l’uso di questi colori può essere ingrato con queste due onde in aggiunta.

Vediamo altri sistemi di 7:

I giorni della settimana sono sette .
I settenari!
I sistemi cristallini sono 7.

Trovate voi gli altri …..


Si potrebbe vedere l'arcobaleno come un cilindro ,dove i due estremi si toccano e e si compenetrano, abbiamo onde sonore(elettromagnetiche) e luce nera. come un anello che si chiude. infatti il suono(verbo) influenza tutte le particelle, o onde elettromagnetiche. 


Un consiglio per ottenere un riattivazione constante della pineale è quello di dormire con una luce soffusa appena accennata nel buoi di color viola, con passaggi graduali con gli altri colori, aggiungendo infrasuoni bassi, senza suoni udibili.