giovedì 13 aprile 2017

CHI È ISCRITTO NEL LIBRO DELLA VITA ETERNA?





Capitolo 13 apocalisse di Giovanni


13,8 L'adorarono tutti gli abitanti della terra, il cui nome non è scritto fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell'Agnello immolato.


Ho riportato questo passo per un motivo molto preciso si dice che tutti gli esseri umani siano figli di Dio, sarà vero?


Se non fosse vero, questo passo non sarebbe scritto così e neppure esisterebbe, questo significa che sulla terra esistono sia i figli di Dio che i figli del maligno, e costoro sono già destinati alla non salvezza, per questo è scritto “il cui nome non è scritto fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell'agnello immolato”


Cosa significa questa ultima parte, “nel libro della vita” s'intende dire che questi sono soggetti che si sono dedicati a Cristo il Figlio unigenito di Dio, nella loro vita mortale e sono diventati Figli di Dio, ma ciò sta ad indicare che Dio fin dalla fondazione del mondo, conosceva già i loro nomi di tutti coloro che si sarebbero adoperati per far la volontà di Cristo. Quindi coloro che sono di Cristo, Cristo li conosce, li protegge e li tutela, ma anche li prova e li testa e devono anche imparare a soffrire perché Dio vuole provare al fuoco vivo chi è dei suoi per renderli migliori, del miglior oro fino.

Quindi coloro che sono di Cristo non devono spaventarsi per le prove che il mondo riserva su di loro, anzi dovrebbero gioire per tali cose, perché esse servono per innalzare il loro spirito, e devono essere sempre pronti perché non sanno quando Dio li chiamerà, generalmente non sono persone che navigano nell'oro, ne sono persone che assaporeranno mai una vera ricchezza, ne tanto meno interesserà loro molto essere come il mondo li vuole, spesso sono soggetti che si dedicano anima e corpo alla missione della conversione per maggiore Gloria di Dio. Perchè tutto quello che i veri credenti in Cristo fanno è solo e solamente per rendere Gloria al Padre Celeste così come ha fatto Cristo, quindi nessuno si spaventi, ne si turbi, se la sua vita è costellata di dolore e privazioni, sono cose normali che devono venire, invece dovrebbero stare nella semplicità e rimanere saldi all'opera salvifica di Dio, coloro che sono di Dio, sanno sempre dove sta Dio e dove non c'è e se per caso non lo sanno, capiscono a chi rivolgersi per conoscere la verità, perché Dio pone sempre in ogni tempo qualcuno che ha queste doti o doni, più di altri, fatto per portare il popolo di Dio dove Cristo vuole.

Faccio questo discorso per il tempo presente e quello futuro, perché siamo in un momento storico nel quale stiamo vivendo la separazione tra i figli di Dio e i figli di Satana. Il tempo presente per noi tutti è molto brutto, i figli delle tenebre si sono collocati in ogni ordine e grado, sono ovunque nella società ma sopratutto occupano posti di potere, e comando, sia nel mondo civile che nella chiesa. La mira di Satana è sempre stata quella di insediare i suoi, dentro all'istituzione religiosa più importante di tutte il clero Cattolico Romano che è il vero fulcro della cristianità e c'è riuscito, per questo oggi versiamo in queste condizioni.


Dato che nel mondo nessuno sa con precisione se è figlio di Dio o di satana tutti abbiamo la possibilità di essere figli di Dio, però un soggetto che è realmente figlio di Dio lo è dalla sua nascita, e mantiene questa propensione verso Dio per tutta la sua vita, difficilmente abbandonerà questa strada, anche se nel corso della sua vita potrebbe subire degli alti e dei bassi.



Non è detto che un battezzato, sia per forza di cose scritto nel libro della vita dell'Agnello, sia ben chiaro, perché nessuno sa e nessuno conosce cosa sia scritto in Esso. 

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non saranno più permessi!
E' inutile che li scrivete perchè non ho tempo per moderali.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

©Copyright

Quest’opera è protetta dalla legge sul diritto d’autore. Tutti i diritti, in particolare quelli relativi, nuove preghiere, messaggi, alla corona stessa, alla sua produzione-realizzazione anche fisica, alla ristampa, alla traduzione, trasmissione radiofonica, televisiva, alla registrazione su microfilm, o database, o alla riproduzione in qualsiasi forma, (stampata o elettronica) rimangono riservati anche nel caso di utilizzo parziale o estrapolati i concetti da essa. La riproduzione di quest’opera, anche se parziale è ammessa solo ed esclusivamente nei limiti stabiliti sul diritto d’autore, ed è soggetta all’autorizzazione dell’autore. La violazione delle norme comporta le sanzioni previste dalla legge vigente in materia.



Per qualsiasi controversia contattare l’autore stesso

Boanerges573@gmail.com

Importante!

Ho sempre scritto che personalmente divido i testi che Dio da me, da quelli che non sono dati da Dio a me, apponendo al testo il termine Messaggio, per far capire che il testo viene da Dio, mentre dove non vi è scritto"MESSAGGIO" sono io che scrivo e quindi da prendere con le pinze, non farò mai come facevano i profeti di un tempo che mescolavano i loro pensieri ai testi ricevuti da Dio , per cui tutto diveniva di Dio, anche le eresie, poi insegnate anche attualmente dalla chiesa ai successori."Bisogna anche dire che data l'istruzione che ricevetti da Dio fin da bambino, è indubbio che alle volte faccio uso di essa, però posso sempre errare, non sono Dio!