venerdì 25 novembre 2016

UN TRONO PER DUE!

IL MONDO NON   EPRONTO  PER  ME!?




Questa interpretazione non vuole tener presenti le profezie dei santi e dei profeti, prima o dopo l’apocalisse, mi baso solo una frase e poco altro, quindi il testo preso in esame è esclusivamente l’Apocalisse stessa, dato che è il testo di riferimento principale. Quindi non ho comparato con altre profezie, il cui risultato avrebbe portato a molte più interpretazioni, diverse.


LA frase del titolo pare strana, ma sapendo chi l’ha pronunciata forse non tanto.

Non tutti sanno che quando vi fu l'elezione di J. Ratzinger a pontefice chi vinse quelle elezioni, fu Bergoglio, solo che poi  egli si ritirò lasciando il posto a J. Ratzinger-Benedetto XVI; Bergoglio allora disse questa stranissima frase:" il mondo non è ancora pronto per me" cosa voleva alludere? 

Dopo quasi 8 anni, BXVI abdica a favore di Francesco, che era già stato eletto precedentemente.

Premetto, io ho sempre sostenuto che Bergoglio non è  l’anticristo, per diversi fattori, prima di tutto perche  i suoi 1290 giorni sono già passati, però proprio domenica 20 novembre 2016 durante la S. Messa m’è passato un pensiero per la mente, premetto che non stavo pensando a Bergoglio, anzi stavo pregando il Signore, per alcune persone, all'improvviso s’innesta nel pensiero questa frase, “l’ottavo è uno dei sette”. completamente fuori dai miei pensieri. Immediatamente per non dimenticare o confondere ho trascritto sul cellulare la frase, così faccio da un po’ di tempo, quando mi accadono eventi particolari, questo mio modo di fare, è nato perché alcune volte capita, che il maligno mi sottragga i pensieri, specie dopo che è apparsa la Madre di Dio o Gesù stesso, affiche io non ricordi l’esatte parole o che confonda, trascrivo subito sul cellulare per questa ragione.


Per cui mi sono riproposto di rivedere il pezzo, ho pensato che magari mi fosse sfuggito un concetto che lo Spirito Santo mi aveva rivelato.  Forse non tutti sanno che il maligno è in grado di rapire i  pensieri, specie quando questi rivelano la verità, per cui esso per impedirti di ricordare nell'immediato qualcosa te lo cancella, per cui lo dimentichi, finché nuovamente lo Spirito Santo non lo ripeta, ma può passare anche un po’ di tempo, con tutta una serie di conseguenze.
Si, si, il maligno può fare anche queste cose, oltre le altre, specialmente verso chi egli considera dannoso per i suoi intenti. Questo fattore alle volte potrebbe essere pericoloso, nel senso, che se hai udito una la parola del Signore e non hai scritto subito rapidamente il discorso rivelato,(non sempre si può scrivere, non sei sempre nelle condizioni di essere vigile, alle volte proprio non è possibile) il rischio, che lo stesso messaggio o parola, possa essere carpito o in parte rimosso, è molto forte. Quindi ti viene sottratto una parte anche piccola dello stesso, quando vai a scrivere non ricordi più quella parte per cui scrivi una cosa difforme da quello che avevi ricevuto.

In questo modo il messaggio ne viene fortemente leso. Per questo prima di pubblicare qualcosa pretendo di aver un ulteriore assistenza e mediante discernimento e preghiera riesco ad ottenere la conferma del discorso che avevo sentito. Per cui ho deciso, di rivedere quel capitolo dell’apocalisse.

Nella visione che ebbi nel 1983 la S.S.ma Vergine Immacolata mi ha mostrato tra le molte cose, anche il volto dell’anticristo, solo che in quel momento ho avuto la sensazione di una persona giovanile, ma il suo sguardo curiosamente aveva a che fare un po’ con quello di Bergoglio, ora non dico che sia lui, nella maniera più assoluta ma qualcosa nel suo sguardo me lo ricorda.

Ho sempre detto che l’anticristo prima di divenire tale deve essere un santo o qualcuno che assomigli a tale condizione, una persona nell'apparenza buono, gentile, affabile, etc.


C’è per altro quella frase che lui pronunciò: “il mondo non è ancora pronto per me" che a dir la verità è tutto un programma, se ci chiediamo perché aveva bisogno di pronunciato una frase del genere, ci  potremo chiedere cosa intendesse dire, in che senso il mondo non era pronto per lui e cosa egli avrebbe portato al mondo, perché dovevamo essere pronti, per cosa? visto che la frase risuona come fosse una minaccia.


Linterpretazione come ho sempre detto della apocalisse non è solo metaforica ma anche ha molte altre interpretazioni, per esempio astronomica, storica, e anche ha dei suoi riferimento all’interno dello stesso testo apocalittico ed altri, infatti ho rilevato che lapocalisse in realtà è divisa in tre parti, tutte e tre sovrapponibili, le quali sovrapposte con precisione rivelano dei dati maggiori che non il semplice testo letto così come sta.

Vediamo di iniziare con il testo in riferimento ad altre parti della medesima Apocalisse. 

Andiamo direttamente al  capitolo 17 Apocalisse:

E i re sono sette:  i primi cinque sono caduti; uno è ancora in vita, l’altro non è ancora venuto e, quando sarà venuto, dovrà rimanere per poco. 
La bestia, che era e non è più, è l’ottavo re e anche uno dei sette, ma va in perdizione.


Qui però bisogna far una precisazione, a quale tempo si riferisce questo discorso?


Dice che 5 sono già caduti, questo è il vero enigma della questione.

Sono già caduti al tempo dell’apostolo o quando?

Perché potrebbe essere inteso nel discorso apocalittico, cioè seguendo la trama dell’apocalisse e non un arco storico, quindi innestati in un determinato tempo.

Si perché se noi facciamo un analisi storica, potrebbero sorgere dubbi e potremo finire per dire che questi sono 7 regni, riferiti a chi non si sa bene, le ipotesi sono tutte aperte.

Ma se per caso non sono re umani, ma è riferito a qualcosa di diverso, come un riferimento astronomico, bisogna capire di quali re in senso metaforico si tratta,  a quel tempo cosa potevano essere i 5 Re che sono caduti, cioè che non ci sono più. Anche la questione astronomica potrebbe benissimo essere il riferimento, solo che è un po’ difficile sapere. A meno che non si usi qualche software particolare che calcoli il movimento di pianeti stelle etc,  indietro nel tempo, per vederne la posizione. Potrebbe essere che si siano 7 stelle come nella costellazione del grande carro, o della Croce Boreale, etc che possano essere chiamati Re. Ma non da escludere anche pianeti, legati magari ad un certa simbologia di certi dei(Zeus=Giove, etc), così anche a periodi storici dell’antica Roma, come sette imperatori, oppure sette papi. Quindi bisogna cercare quale potrebbe essere il rifermento giusto, per la corretta interpretazione. Quindi la collocazione di un interazione non è facile da farsi bisogna capirne la chiave giusta.

Torniamo alla nostra frese:
Il termine cadere può avere svariati sensi a seconda di ciò che si vuol ottenere.
Per esempio cadere lo si può applicare anche alla fine della vita, che non ad un azione del cadere.

Però c’è una altra possibilità, il numero sette è presente nell'apocalisse in  un infinità di capitoli, così come nella Bibbia stessa, come quello che tratta delle sette chiese, potrebbe essere uno dei riferiti, inizierò  proprio da queste, potrebbe essere che le ultime due sono ancora esistenti, vediamo un attimo … il passo delle chiese. 


CEI 74. Cap. 2.:Efeso, Smirne, Pergamo, Tiatira, Sardi, Filadelfia, Laodicea.

Ogni chiesa ha caratteristiche differenti, doni e ricchezze, peccati, etc.

Vediamo di capire bene quello che vi è scritto in ognuna di queste sette chiese prima di giungere ad una conclusione per questo tipo di ricerca.

Dividerò il testo in parti, come faccio sempre tanto potete vederne il contenuto in una qualsiasi Bibbia.


Premetto che il discorso, fatto alle 7 chiese, non è riferito tanto alle chiese in relazione alle città che rappresentano, quanto ad un tempo in cui i riferimenti delle stesse operano.



1All’angelo della Chiesa che è a Èfeso scrivi:

Qui dice che èche ad Efeso cè un angelo che sostiene questa chiesa che è collocata temporalmente in quel luogo.

Qui fa capire che Efeso ne sarebbe stato il centro di quella chiesa. Effettivamente la chiesa ad Efeso nasce nel I° secolo.


Così parla Colui che tiene le sette stelle nella sua destra e cammina in mezzo ai sette candelabri d’oro.


 2Conosco le tue opere, la tua fatica e la tua perseveranza, per cui non puoi sopportare i cattivi.

 I cattivi sono coloro che operano il male, conosce quello che questa chiesa prima opera nel tempo.

Hai messo alla prova quelli che si dicono apostoli e non lo sono, e li hai trovati bugiardi.

In questa prima chiesa, vi erano alcuni che si spacciavano per apostoli, e coloro che ne facevano parte avevano la capacità di discerne il vero dal falso, quindi erano molto zelanti, per cui alcuni presunti apostoli non era tali.

 3Sei perseverante e hai molto sopportato per il mio nome, senza stancarti.

Hai avuto costanza e non ti sei stancata di Me.

 4Ho però da rimproverarti di avere abbandonato il tuo primo amore.

Di che amore parla?
Una comunità potrebbe aver abbandonato qualcosa che la legava con il suo passato, forse ritenuto poco importante, ma per Dio, lo era molto di più di tante altre cose, che con il tempo sono maturate, qui fa capire che questa chiesa-comunità non dava più credito al quello che credeva nel passato, che era la fonte del suo credo, cioè il suo primo amore, per chi? Si presume che fosse Cristo stesso.

 5Ricorda dunque da dove sei caduto, convèrtiti e compi le opere di prima.
Se invece non ti convertirai, verrò da te e toglierò il tuo candelabro dal suo posto.

Caduto intende dire da dove sei uscito, da dove provieni, su quale terra sei nato, il fatto che dica convertitevi fa capire che costoro mettevano molti dubbi su Cristo, per cui non credevano molto, quindi nel loro cuore serpeggiava il dubbio, per Dio gli dice compi le opere di Prima, quelle da cui sei nata, da cui hai preso la tua origine.

Togliere il candelabro significa portare via con se la lampada dello Spirito Santo, cioè la grazia di essere chiesa di Cristo, cioè indica che Egli la poteva ritenere non più degna di assolvere quel compito di rappresentarlo.


 6Tuttavia hai questo di buono: tu detesti le opere dei Nicolaiti, che anch’io detesto.
Nicolaiti: Setta gnostica cristiana sorta nel I° sec, non ammettevano la divinità di Cristo e, pertanto, non praticavano una fede pubblica e d era rivolta al solo individuo per cui è una pratica narcisista, che elevava l’uomo e non Dio.

Dice anche se sei così, tu mi assomigli perché detersi le opere di costoro che io detesto.

 7Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese. Al vincitore darò da mangiare dall’albero della vita, che sta nel paradiso di Dio”.

Perché dice chi ha orecchi ascolti, perché sta dicendo che questi rimproveri alle stette chiese in realtà saranno gli stessi errori che la chiesa nel suo percorso di vita sulla terra cadrà diverse volte, per cui Cristo, richiama queste chiese, per arginare e impedire che la chiesa stessa possa perdere la sua lampada e quanti in essa credono. In pratica sta dicendo che la chiesa non deve soffrire di protagonismi  personalistici, ma che deve solo vedere e tener alto l’amore verso Dio e ovviamente mettere in pratica quanto Cristo ha insegnato, praticamente parla di essere sempre in perfetta umiltà, non sentirsi nessuno.



°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

All’angelo della Chiesa che è a Smirne scrivi:

“Così parla il Primo e l’Ultimo, che era morto ed è tornato alla vita.

 9Conosco la tua tribolazione, la tua povertà – eppure sei ricco – e la calunnia da parte di quelli che si proclamano Giudei e non lo sono, ma sono sinagoga di Satana.

Di che tribolazione parla? Forse quella riferita alla carne, e la povertà è mancanza di beni, mentre dice sei ricco, parla della ricchezza spirituale, per  sottolineare che è così, dice che ci sono dei calunniatori che si fanno passare per dei Giudei, ma appartengono alla sinagoga di Satana, questo significa che allinterno della stessa chiesa vi erano infiltrati degli appartenenti a Satana, che ponevano altri sotto contestazione.


 10Non temere ciò che stai per soffrire: ecco, il diavolo sta per gettare alcuni di voi in carcere per mettervi alla prova, e avrete una tribolazione per dieci giorni.

Il diavolo ha trovato il modo per far soffrire i veri credenti, e porli nelle condizioni di non nuocere per un breve tempo.

Sii fedele fino alla morte e ti darò la corona della vita.

Quindi dice alla chiesa e a questa comunità che si deve immolare, per ottenere la vita eterna, che non abbia paura, perché le prove sono un atto di fede.

 11Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese.
Il vincitore non sarà colpito dalla seconda morte”.

in questo caso offre a questo tipo di comunità la possibilità  di aver la vita eterna.
Qui si collega  con il passo al cap 20.


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

12All’angelo della Chiesa che è a Pèrgamo scrivi:

“Così parla Colui che ha la spada affilata a due tagli.

La lingua della parola Santa, dove da un lato è verità dall’altro è giustizia.

 13So che abiti dove Satana ha il suo trono;
tuttavia tu tieni saldo il mio nome e non hai rinnegato la mia fede neppure al tempo in cui Antìpa, il mio fedele testimone, fu messo a morte nella vostra città, dimora di Satana.

Questa chiesa- comunità vive nello stesso luogo dove Satana ha il suo culto, principale, cioè  proprio nel luogo, dove è il trono.
Il neppure al tempo indica proprio che questa chiesa di Pergamo, è in altro tempo più lontano del tempo dove Antìpa viveva.(92d.C), Oltretutto fa capire che quanto scrive nel testo della rivelazione (apocalisse) è un tempo più lontano.(Giovanni muore nel 104 d.C)  quindi fa capire che lapocalisse è stata scritta verso la fine della sua vita.


 14Ma ho da rimproverarti alcune cose: presso di te hai seguaci della dottrina di Balaam, il quale insegnava a Balak a provocare la caduta dei figli d’Israele, spingendoli a mangiare carni immolate agli idoli e ad abbandonarsi alla prostituzione.

Cristo gli sta a cuore gli Israeliti, provocare la caduta dei figli d’Israele interessante, visto che la chiesa in tanti secoli ha sempre dato contro ad Israele.  Quindi qui fa capire che in questa chiesa, di Pergamo, si praticano diverse magie, e si portava fuori rotta anche gli Israeliti.

 15Così pure, tu hai di quelli che seguono la dottrina dei Nicolaiti.

Quindi in questa chiesa nella quale vi è innestato anche il culto a Satana, ci sono tutte le eresie possibili.

 16Convèrtiti dunque; altrimenti verrò presto da te e combatterò contro di loro con la spada della mia bocca.

Ancora dice di convertirsi e di professare la verità.

 17Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese.
Al vincitore darò la manna nascosta e una pietruzza bianca, sulla quale sta scritto un nome nuovo, che nessuno conosce all'infuori di chi lo riceve”.

Il nome nuovo è in pratica un soprannome come quello che diede Gesù ai fratelli Giovanni e Giacomo = Boanerghes, cambiando il nome in sostanza cambia anche la persona che assume quel nome.



°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
18All’angelo della Chiesa che è a Tiatira scrivi:

Così parla il Figlio di Dio, Colui che ha gli occhi fiammeggianti come fuoco e i piedi simili a bronzo splendente.

 19Conosco le tue opere, la carità, la fede, il servizio e la costanza e so che le tue ultime opere sono migliori delle prime.

Fa capire che in questa chiesa, vi è una progressione un  miglioramento, si punta ad essere sempre progressivamente migliori, via via che si comprendo le opere del Signore e si applicano.

 20Ma ho da rimproverarti che lasci fare a Gezabele, la donna che si dichiara profetessa e seduce i miei servi, insegnando a darsi alla prostituzione e a mangiare carni immolate agli idoli.

Questa chiesa ha fatto entrare in se stessa, la prostituzione, e lidolatria.

 21Io le ho dato tempo per convertirsi, ma lei non vuole convertirsi dalla sua prostituzione.

Il Signore le dato un tempo prefissato a colei che insegna la prostituzione.

 22Ebbene, io getterò lei in un letto di dolore e coloro che commettono adulterio con lei in una grande tribolazione, se non si convertiranno dalle opere che ha loro insegnato.

In pratica tutti gli adulteri che sono nella chiesa che si prostituiscono con il mondo, il signore per non perderli, li fa ammalare, affinché capiscano, e si convertano e tornino ad essere dei cristiani.

 23Colpirò a morte i suoi figli e tutte le Chiese sapranno che io sono Colui che scruta gli affetti e i pensieri degli uomini, e darò a ciascuno di voi secondo le sue opere.

Il Signore castiga questa chiesa adultera, che ha messo al mondo figli che non poteva mettere al mondo, perché questi sono figli della prostituzione. Dice che Egli scruta gli animi e vede i pensieri e darà a ciascuno secondo le opere che farà .

 24A quegli altri poi di Tiatira che non seguono questa dottrina e che non hanno conosciuto le profondità di Satana – come le chiamano –,
Con termine profondità di Satana si intende i suoi abomini sessuali, cioè le perversioni gay.


a voi io dico: non vi imporrò un altro peso, 25ma quello che possedete tenetelo saldo fino a quando verrò.

A questa parte di chiesa che non si è confusa con gli altri e non ha praticato gli abomini di Satana, dice però di tenersi stretti le loro croci, che nessuno gliele toglie, perché si comprende che gli servono per rimanere saldi a Cristo.

 26Al vincitore che custodisce sino alla fine le mie opere darò autorità sopra le nazioni:

il vincitore deve appartenere a questo tipo di Chiesa che rifugge le opere di satana, tutte comprese le abominazioni sessuali.

 27le governerà con scettro di ferro, come vasi di argilla si frantumeranno

Altro riferimento ad un altro capitolo dellapocalisse.

,28con la stessa autorità che ho ricevuto dal Padre mio; e a lui darò la stella del mattino.

Penso che intenda dire con la stella del mattino cioè colui che regnerà sul mondo di una era per la Chiesa, in pratica parla dell’alba di una nuova chiesa.

 29Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese”.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

All’angelo della Chiesa che è a Sardi scrivi:

 “Così parla Colui è che possiede i sette spiriti di Dio e le sette stelle.

Conosco le tue opere; ti si crede vivo, e sei morto.

Il soggetto a cui è riferito il discorso sta tra la vita e la morte, è una chiesa comatosa, spenta e apatica.
 2Sii vigilante, rinvigorisci ciò che rimane e sta per morire, perché non ho trovato perfette le tue opere davanti al mio Dio.  
Dice di cercare di recuperare quello che può per renderlo perfetto, perché le sue opere sono imperfette cioè piene di errori.
Ricorda dunque come hai ricevuto e ascoltato la Parola, custodiscila e convèrtiti perché, se non sarai vigilante, verrò come un ladro, senza che tu sappia a che ora io verrò da te.

Ammonisce e avverte del pericolo . altro riferimento ad un passo del Vangelo, verro all'improvviso, quando nessuno se lo aspetta.
 4Tuttavia a Sardi vi sono alcuni che non hanno macchiato le loro vesti; essi cammineranno con me in vesti bianche, perché ne sono degni.
 5Il vincitore sarà vestito di bianche vesti; non cancellerò il suo nome dal libro della vita, ma lo riconoscerò davanti al Padre mio e davanti ai suoi angeli.
Qui dice che bisogna tenersi candidi e più puri possibili, affinché si abbia la possibilità di essere degni della Gloria di Dio.
Come in tutte le comunità ci sono quelli corrotti e quelli che si mantengono saldi alla legge del Signore..

 6Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese”.



°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

7All’angelo della Chiesa che è a Filadèlfia scrivi:


“Così parla il Santo, il Veritiero, Colui che ha la chiave di Davide: quando egli apre nessuno chiude e quando chiude nessuno apre.
Conosco le tue opere. Ecco, ho aperto davanti a te una porta che nessuno può chiudere. “ 

“ha la chiave di Davide”  questo è il riferimento chiaro che alle chiavi del regno di Dio
quando egli apre nessuno chiude e quando chiude nessuno apre.  Anche questo è interessante, perché in pratica sta dicendo che non esiste nessun uomo che disponga del potere di Dio, ne per aprire ne per chiudere. E solo Dio-Cristo, ha il potere di aprire e di lasciare aperto.

Qui parla di una porta spirituale che sta sempre di fronte al soggetto, in questo caso la chiesa di Filadelfia.

“Per quanto tu abbia poca forza, “ parla della forza spirituale, probabilmente in questa chiesa i suoi appartenenti non pregavano molto.

hai però custodito la mia parola e non hai rinnegato il mio nome.” Ma credeva in Dio!
“Ebbene, ti faccio dono di alcuni della sinagoga di Satana, che dicono di essere Giudei, ma mentiscono, perché non lo sono: li farò venire perché si prostrino ai tuoi piedi e sappiano che io ti ho amato.”  
Questo pezzo sta ad indicare che il soggetto soggiogherà alcuni adepti di Satana che sono falsi giudei, affinché essi attestino che il Signore ha amato il soggetto. Questo pezzo ci insegna una cosa importante, che per quanto sia pericoloso satana esso come angelo decaduto conosce la verità e può essere più credibile di un soggetto che non appartiene a quella realtà. 
10Poiché hai custodito il mio invito alla perseveranza, anch’io ti custodirò nell’ora della tentazione che sta per venire sul mondo intero, per mettere alla prova gli abitanti della terra. Vengo presto.”

Che è in relazione con i 10 giorni esposti prima … il soggetto ha perseverato nel custodire la parola di Dio, e il Signore lo custodirà nelle tentazione che è venuta nel mondo. Il vengo presto, è relativo.

 Tieni saldo quello che hai, perché nessuno ti tolga la corona.  
La corona sta per primato! Potrebbe parlare di un pontefice.
Che ha nelle sue mani la corona data da Cristo stesso, è inteso come il simbolo del potere.
Qui sembrerebbe un discorso futuro, a qualche apostolo o sacerdote che gli sia stato affidato il compito di portare avanti la chiesa.
12Il vincitore lo porrò come una colonna nel tempio del mio Dio e non ne uscirà mai più. Inciderò su di lui il nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio, della nuova Gerusalemme che discende dal cielo, dal mio Dio, insieme al mio nome nuovo. 
Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese”.





°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
14All’angelo della Chiesa che è a Laodicèa scrivi:

“Così parla l’Amen, il Testimone degno di fede e veritiero, il Principio della creazione di Dio. 15Conosco le tue opere: tu non sei né freddo né caldo.
 Magari tu fossi freddo o caldo! 16Ma poiché sei tiepido, non sei cioè né freddo né caldo, sto per vomitarti dalla mia bocca.
“ l’affermazione è conosciuta ed è chiara, ma indica le due nature male e bene, il male è freddo, il bene è caldo, chi si pone a metà è tiepido e quindi non degno di essere salvato, infatti Gesù dice che li vomita. Oggi nella nostra società ci sono tanti episodi di tiepidezza, sia fuori che dentro la chiesa, anche la paura di non prendere una posizione sicura contro certi istinti umani, indica tiepidezza. O contro le religioni pagane, indica la stessa cosa.
Questo è riferito alla chiesa degli indifferenti, dei tiepidi, che si pongono con tutti i due i piedi in  tutte le scarpe.
Tu dici: Sono ricco, mi sono arricchito, non ho bisogno di nulla.
Ma non sai di essere un infelice, un miserabile, un povero, cieco e nudo.

Parla della chiesa opulenta, che non crede più in nulla, ma la tempo stesso, pensa di essere importante anche se in cuor suo si deve povera cieca e nuda agli occhi di Dio,

 18Ti consiglio di comperare da me oro purificato dal fuoco per diventare ricco, e abiti bianchi per vestirti e perché non appaia la tua vergognosa nudità, e collirio per ungerti gli occhi e recuperare la vista. “  

 da utili consigli per la salvezza dell’anima!

Io, tutti quelli che amo, li rimprovero e li educo. Sii dunque zelante e convèrtiti.
“ Dio parla di essere giusto nei sui intendimenti, ma come un buon Padre di famiglia, amando deve rimproverare ed educare i suoi figli, anche nelle prova!  In questo si può leggere il comando di Gesù della correzione!
20Ecco: sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me. 21Il vincitore lo farò sedere con me, sul mio trono, come anche io ho vinto e siedo con il Padre mio sul suo trono.

 22Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese”»

La porta è l’anima per invitare Dio a entrare in noi, perché possiamo offrigli il meglio di noi.
Parla di vincitore come se fosse un sfida tra santi … colui che tra tutti, cercherà di avvicinarsi alla perfezione del figlio di Dio acquisterà la possibilità di sedersi sul trono del Figlio che è lo stesso del Padre, questo passaggio indica che il Signore, è disposto ad innalzare la natura umana quasi al suo livello, questa è una novità.  Praticamente colui che capirà come superare le barrire della carne, e sublimerà il suo spirito potrà divenire quasi un Dio. Possiamo dire la medesima cosa che è accaduta con la Vergine Maria sua Madre. In pratica vuole un figlio immacolato e pieno di sapienza per il bene della anime, un figlio che sia capace di immolarsi per il mondo.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Le ultime dure chiese sono Filadelfia e Laodicea, le altre sono già andate, ritengo che queste sette chiese si siano susseguite nel corso del tempo, quasi senza rendersene conto.

L’interpretazione ci dice diverse cose, prima di tutto che l’atteggiamento di queste sette chiese, sarebbe stato quello della chiesa nel suo insieme di tante chiese, e che gli errori commessi in esse sono gli stessi errori che la chiesa cristiana avrebbe commesso nell’arco della sua vita, fino ad oggi e forse oltre. Ma altrettanto possiamo anche pensare che queste sette chiese fossero si esistenti ma in un arco di tempo molto più lungo, come dire 2000 anni suddivisi in queste sette chiese, come anche che ognuna di queste Chiese sia esistente oggi, essendo che  tutte sono di professione cristiana in realtà rappresentano le varia correnti della religione cristiana di oggi e sono proprio sette, abbiamo:  Anabattisti, Protestanti, Caldei, Monofisismo, Ortodossi, i Cattolici di rito occidentale e i Cattolici di rito orientale o bizantino, l’ordine non corrisponde con le chiese dell’apocalisse, volendo si potrebbe sulla base delle caratteristiche di ogni chiesa di professione Cristiana, vederne le analogie. Come anche un ulteriore ipotesi che al nostro tempo sono presenti solo due di queste chiese, le ultime quella di Filadelfia e Laodicea.

Come dire che è presente la vera Chiesa di Cristo e quella che pur essendo sempre di Cristo ma ha in se molti elementi che la rendono non di Cristo.

La chiesa di Filadelfia è in questa chiesa fa un affermazione nella quale dice che la chiesa in sostanza non ha le chiavi per dominare i cieli, ne per aprire o chiudere gli stessi, ma che tutto sommato a Dio la chiesa che gli va bene. Questa sembrerebbe l’antica chiesa di rito antico.

La chiesa di Laodicea  
quella dei tiepidi e della ricchezza più sfacciata parrebbe proprio la nostra, quella in cui oggi viviamo, quella  Cattolica cristiana.

Se guardiamo bene pare che sia proprio il tempo odierno quello di queste due chiese.

Può essere che da una delle due esca l’anticristo, forse quella di Filadelfia.
Andrebbe in accordo con alcune profezie, tipo ragno nero.



Dovrei fare anche l’imprecazione astronomica, solo che in questo momento non ho molta voglia per cui lascio a chi vuole sbizzarrirsi, poi se hanno la gentilezza di farmi leggere, ne sarei contento.

Vediamo di capire un attimo, se può aver un senso, un interpretazione di questo tipo.
Riepiloghiamo:

7 sono i Re totali, di cui  5 sono già caduti, cioè che non ci sono più.

L’ottavo Re e uno dei sette …  la bestia che era e non è più.  

Non dico che sia lui, però ci sono cose strane.

E i re sono sette:  i primi cinque sono caduti; uno è ancora in vita, l’altro non è ancora venuto e, quando sarà venuto, dovrà rimanere per poco.
La bestia, che era e non è più, è l’ottavo re e anche uno dei sette, ma va in perdizione.”

In questa lista dei Re, non c’è il falso profeta, questo significa che non fa parte dei Re.

E i re sono sette: 

7 RE
i primi cinque sono caduti;

5 CADUTI
uno è ancora in vita,

1 VIVO
l’altro non è ancora venuto

NON è ANCORA VENUTO
e  quando sarà venuto,
dovrà rimanere per poco. 

QUESTO L’OTTAVO
La bestia, che era e non è più,


è l’ottavo re e anche uno dei sette,

OTTAVO(8) RE = SESTO(6)
ma va in perdizione.




Come fa a divenire l’ottavo?

Semplice è uno scavalcamento, allora 5 sono andati(caduti, morti)
 ne rimangono due ; 1(6)+1(7)  il sesto scavalca il settimo, diventando 1(8) l’ottavo, che è sempre il sesto, è come se cambiasse faccia o pelle o nome.

Quindi il sesto diviene l’ottavo.

Ma vediamo di capire bene la questione che non ci sfugga qualche particolare seminascosto..

Dice che uno dei due è ancora in vita, il dire ancora in vita sta ad intendere che è anziano, quindi se è riferito a questo papato, parla di BXVI, ora esso è il sesto o il settiamo?

Benedetto XVI è il settimo! Perché poi dice che viene l’ottavo.  
Quindi chi viene prima di benedetto XVI è l’ottavo.
Prima di andare avanti, vediamo di capire il soggetto che manca, il falso profeta, questo fa la sua azione per circa 7 anni più o meno stando a quanto scritto in apocalisse, curiosamente BXVI agisce proprio per circa sette anni, quasi otto, io non voglio assolutamente pesare male di Lui, nella maniera più assoluta e lo escludo a propri da questa possibilità c’è solo questa stranezza, può essere anche che lui dovesse regnare giusti circa 7-8 anni, per rispettare i tempi.

Potrebbe anche essere, che il falso profeta sia un individuo nella chiesa, ma non un pontefice,  se pensiamo bene l’azione del Battista avviene prima che Cristo si mostri e crei il suo nucleo di apostoli, quindi la primitiva chiesa; potrebbe essere che ci sia un parallelismo, con qualche  soggetto che è nella chiesa, ma che al tempo stesso ne faccia propaganda in forma negativa per danneggiarla in modo tale da ottenere un altro risultato le dimissioni del pontefice, in modo furbo, astuto portando confusione, specie al suo interno, come uno che prepara la strada.

Se ci pensiamo bene, potrebbe  essere proprio così, durante il pontificato di GPII e poi di BXVI ci sono stati diversi problemi di fughe di notizie, e vari problemi di scandali sessuali, ed altro, non possiamo sapere se queste siano state create da una Talpa(falso profeta). Certamente per arrivare all'epilogo in cui siamo oggi, un falso profeta deve aver spianato la strada, per intraprendere questa via e l’azione soprattutto verso la fine del pontificato di BXVI pare proprio questa.
Quindi secondo me il falso profeta è un soggetto che non centra con il pontificato direttamente, ma si aggira attorno, qualcuno che manovra dall'interno e che crea la strada per l’anticristo.


Ora chi può essere l’anticristo,(????????), nel noto dipinto di Giotto, si vedono stette teste con le mitre solo le ultime tre portano una doppia mitra, come se Giotto sapesse qualcosa di più.

 Ma certamente quanti  doppi pontificati ci sono stati, ravvicinati nel tempo, uno dietro l’altro, non mi pare che ce ne siano mai stati. Ma non siamo certissimi che il dipinto sia giusto, potrebbe essere anche un tentativo lontano di depistaggio visto che i servi da satana esistevano anche in quel tempo.

Mettiamo per ipotesi che questo sia solo il primo pontificato doppio, come disse lo stesso Bergoglio, ancora all'inizio che secondo lui che ce ne sarebbero stati altri di doppi, forse era la sua speranza o forse era un depistaggio, tanto far parlare di se, il personaggio è capacissimo di far queste cose, visto il modo che ha di parla sagacemente.

Se dobbiamo fare un analisi fin ora di quello che Bergoglio è stato in questi quattro anni,  non certo se ne viene fuori molto bene ; tralascio tante cose, ma miro solo a quelle più significative:

-1°)Ha firmato per creare il nuovo ordine mondiale delle religioni. Per altro osanna gli Islamici, i protestanti, etc.
-2°)   ha concesso divorziati e risposati di prendere l’Eucarestia in netto contrasto con quanto dichiarato da Cristo nei vangeli. 
-3°) Vuole ri-nobilitare Lutero, probabilmente cercando di toglierli la scomunica e infatti dice che noi cattolici dovremo considerare la dottrina protestante meglio, o quasi essere come loro, Ha  portato in Vaticano la Statua di Lutero, proprio nel giorno della festa di Fatima 13 Ottobre,  occultando di fatto l’Immacolata;
-4°) non ultimo ha decretato un fasullo perdono verso chi fa l’aborto, ovviamente facendo credere a tutti gli abortisti che bastava avere una confessione che la scomunica sarebbe stata tolta, cosa per altro che sala stampa Vaticana ha subito smentito, ma in realtà il suo intendimento è quello di eliminare la scomunica stessa, per poi toglierla a Lutero.  Ora, stando a questi fatti certo non possiamo dire che sia un pontefice esemplare, anzi verrebbe da pensare al peggio.


Quindi ricordiamo la sua frase, molto sibillina “IL MONDO NON è ANCORA PRONTO PER ME” quasi un’ammissione di colpevolezza. Nel 2013 dopo la combutta sopra descritta di cui tutti ne abbiamo conoscenza, Bergoglio torna in auge scavalcando di fatto Benedetto XVI.

Potremo dire che la profezia sotto questa ottica si è compiuta, sempre che l’ipotesi sia giusta.
Perché c’è da fare un ulteriore valutazione,


Quel che non  torna è il numero dei giorni in cui l’anticristo dovrebbe rimanere … tra i 1260-mettiamo anche 1320 giorni a farla grande, quindi il 13 marzo del 2017 sono 4 anni e saremo già abbondantemente fuori, saremo dentro invece se Bergoglio fosse il predecessore dell’Anticristo.
Ma in questo caso non ci sarebbe  alcun scavalcamento, non ci sarebbe un RE che scavalca un altro Re. Per cui la profezia non sarebbe adempiuta, così come è scritta in Apocalisse.

Sempre che sia questo il tempo, della profezia, perché il tempo non si conosce con precisione.

Se non fosse lui; Bergoglio dovrebbe rimanere qui ma almeno per altri 3anni se non di più, prima che si manifesti l’anticristo quello vero.

Ma Sua Santità Benedetto XVI quanto rimarrà ancora in vita? Visto che le sue condizioni appaiono  non molto buone, guardando il colore delle sue mani. Speriamo che nostro Signore Gesù Cristo gli dia ancora lunga vita, perché finché c’è Lui possiamo dire che siamo ancora stabili, anche se stiamo subendo sbandamenti mostruosi.


Ora l’unico soggetto che mancherebbe a questa ipotesi, è il drago che sicuramente è un soggetto esterno, perché esso da all’anticristo il restante del potere, qui si potrebbe pensare ad un soggetto appartenente ad un'altra religione, forse proveniente dalla trono di satana Pergamo  o qualcuno che è capo di una religione affine.


 Si spera sempre che nessun pontefice sia quello che è stato profetizzato!


Ripeto: Tutto questo senza comparare con altre profezie, per cui è solo un analisi del testo apocalittico.


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Preghiamo non una preghiera, ma rosari interi e dedichiamogli messe, che Il Signore Nostro Dio e Nostro RE tenga in vita Benedetto XVI , finché rimane tra noi, la Chiesa ha ancora un po di speranza, il giorno che non ci sarà più, presto verrà la fine, pregate perchè il Signore lo Tenga in vita. 


Allego alcuni miei link: