sabato 13 agosto 2016

DALLA MAGIA ALL'ESORCISMO!

DALLA MAGIA ALL'ESORCISMO!






Che cos'è la magia?

Dal punto di vista scientifico, si avete capito bene, non dovrebbe esistere o sussistere, ma in realtà ha anche una scienza, perché realmente la magia è scienza, conoscenza e tecnologia. Qualcuno rimarrà perplesso, e si dirà come è possibile che l'uso di parole senza aver uno strumento fisico come potrebbe essere un ingranaggio o un apparecchio elettronico, etc, possa fungere da produttore di un evento, eppure si, anzi la così detta magia è proprio il primo tra gli elementi che producono e sviluppano un potere reale, la magia per essere applicata ha bisogno dell'emissione di suono, l'uomo oggi giorno ha scoperto che il suono cioè le vibrazioni, e le sue varie onde, sia sonore che luminose producono degli effetti sulla materia, possono modificarla anche profondamente anche radicalmente, il potere delle onde può addirittura cambiare la struttura degli atomi, può cambiare un atomo in un altro, senza che intervenga la fusione o fissione nucleare, questo l'uomo ancora non lo ha scoperto, ma lo scoprirà con il tempo. La magia altro non è che tecnologia allo stato puro, non come la nostra che è derivata e non è tecnologia allo stato puro, forse per noi umani lo può essere, ma siamo ancora agli albori di questa scienza, pensiamo di aver fatto molto, di aver conosciuto, aver scoperto un universo di cose, ed invece siamo ancora molto indietro, procediamo lentamente e alle volte progrediamo all'improvviso, per poi ritornare alla routine e alla monotonia di un scienza lenta, ma è così che devono andare le cose. Quindi la Magia così chiamata altro non è che tecnologia, ovviamente questa tecnologia ci viene tramandata da tempi immemorabili, la quale all'inizio di questi tempi era molto usata, molto conosciuta, tanto che da essa l'uomo ha estratto i rudimenti dell'attuale tecnologia. La magia non è altro che lo sfruttamento di tutto quello che esiste nell'esistente ma che non si vede, ed ovviamente per operare con essa, si deve usare delle parole, sono le parole la chiave fondamentale della Magia, alcune parole che riportano alla creazione, all'origine del mondo. All'inizio fu il suono o onda, a creare il tutto, il suono è il realtà il Verbo, cioè il Logos, la Parola, la quale produce potere, esercita una funzione, quella del creare, la Magia usa questo Logos, questo Verbo, usa questo potere, esercitato all'inizio dei tempi dall'unico Essere che lo possedeva Dio. Egli è il Verbo, leggiamo bene queste parole, Egli è il Verbo, cioè in lui esiste e Lui è il Logos, cioè Dio non usa la tecnologia del Logos, non usa la tecnologia della Parola o verbo, ma Egli lo è, cioè Dio stesso è la Parola, Dio stesso è il Logos, Dio stesso è il Verbo, è Lui la fonte è Lui il potere se non si fanno le cose mediante Lui, nulla si fa, e nulla funziona. Per cui la Magia così detta da noi in maniera impropria, fumettistica, fantasiosa altro non è che l'uso di Dio, noi quando parliamo emettiamo suono, voce, parola usiamo in un modo diciamo improprio il Logos, lo usiamo per parlare semplicemente, ma alle volte senza accorgerci usiamo quel Logos che produce effetti collaterali, che produce potere, noi possiamo sviluppare un potere che viene dalla stessa emissione della parola, nessun altra creatura su questo pianeta può farlo, solo l'uomo, solo noi abbiamo la coscienza e la conoscenza per esercitarlo, oltre che la capacità di emettere i suoni esatti.

Quindi la Magia è in realtà l'uso del Logos, del Verbo l'emissione di un potere che nel mondo reale produce degli effetti ben precisi, che governa gli elementi, che modifica sia l'interno che l'esterno dell'uomo, mediante questo potere=Magia chi sa usarlo e chi ne è a conoscenza e chi na ha conoscenza reale, sa come usarlo, sa come sfruttarlo e lo usa nel bene o nel male.
Ora noi conosciamo due tipi di sfruttamento di questo potere quello usato dalla forze del bene cioè dallo stesso Dio che ne è padrone indiscusso, e da chi fu un tempo suo vassallo, Lucifero, anche esso lo può usare visto che fu creato da Dio, e quindi ne fa parte in parte.

L'uomo per differenziare le due parti ne ha dato nomi diversi, ma in realtà è tutto lo stesso, cambia solo quello a cui è destinato il potere, cioè se io voglio far del bene ad una persona uso il potere per il bene e quindi richiamo a me e verso la persona Dio stesso che sarà Lui a esercitare realmente quel potere, ma anche lo possono fare io in maniera indiretta, per suo conto. L'altro caso è se io voglio far del male a qualcuno, uso lo stesso tipi di potere identico, non cambia nulla, solo che invece di richiamare a me Dio, richiamo Lucifero che esplica questo potere direttamente e come l'altro anche indirettamente. Cosa cambia nella sostanza, nulla salvo il fatto che le due tecnologie siano esattamente prodotte con lo stesso sistema con la stessa tecnologia, ma cambia solo l'emettitore cioè “l'altoparlante” che emette il materialmente il potere. Quindi abbiamo due “generatori” diversi, di diversa potenza, ma che entrambi producono tecnicamente lo stesso genere di potere, solo che uno il più potente è quello che può facilmente controllare l'altro, mentre quell'altro Lucifero, genera questo potere producendo anch'egli quello che vuole, tanto che può arrivare a far compiere anche miracoli, simili a Chi è il vero Logos, il vero Verbo, la vera Fonte.

Qui abbiamo in certo senso due tipi di “Magia” quella propriamente detta di Lucifero-Satana, che agisce unicamente per il male dell'uomo, ma alle volte si finge un bene e produce degli effetti che sembrano buoni, ma che nella sostanza portano alla distruzione di quell'essere umano.
La “Magia” del bene, che altro non sono che le pratiche utilizzate dalla Chiesa, anche dagli Ebrei, per generare il Potere di Dio, per sviluppare e aver potere nel mondo, quanto fa questa “Magia” è tutto quello che l'uomo può immaginare, non ha limiti ne confini, non c'è nulla che possa impedire ad essa, se non la volontà umana di non esercitarla. La “Magia” usata dalla chiesa, noi la chiamiamo Esorcismo, Preghiera, Messa, Rito sacro, ma in realtà queste cose ricadono tutte sotto lo stesso genere di potere prodotto, generato, e proveniente dal Logos, dal verbo, da Dio.

Ma questo potere del bene potrebbe essere usato anche per fare il male, perché tutto dipende dall'intenzione dell'operatore per sviluppare quel dato potere, è l'intenzione che agisce e usa il potere del Bene cioè insito in Dio, per fare il Bene o il Male. Qualcuno si chiederà ma allora il potere che Lucifero-satana sviluppa che è esclusivamente male, e fa il male, come può far il bene e come può il potere di Dio fare il bene e poter far anche il male.
Qui bisogna capirsi cosa s'intende per Bene e per Male.
Il bene noi lo definiamo come tutto quello che è positivo, tutto quello che genere qualcosa di piacevole, di buono, di amore. Il Male invece è tutto il suo contrario, tutto quello che è negativo, tutto quello che è male, cattivo, odioso, maligno, etc

Ma potrà mai il Bene o il Male far del male o del bene?
Per rispondere bisogna argomentare bene per far capire se la frase è vero o no!

Premetto, il male cos'è realmente?

Fondamentalmente come tutti noi sappiamo ha la sua origine nel rifiuto di Dio che è unico e vero Bene, per cui il male trae la sua origine da chi lo ha prodotto, cioè Satana.
Quindi dal maligno cioè da colui che usa malizia, produce questo male.
La parola Satana significa l'avversario. 
Lucifero invece il portatore di luce, solo che la sua luce è ma tenebra o meglio dire radiazioni.


È tutto quello che si oppone ad un certa logica, cioè a quello che noi definiamo bene cioè Dio, quello che è buono, che è positivo, che rende felici le persone, però anche il male potrebbe rendere felice una persona, perché l'avere molti soldi per esempio rende felici, questo è un dato di fatto, ma allora di quale felicità parliamo? Di quale gioia,di quale amore, qui dobbiamo distinguere, esiste amore e felicità anche nel male, purtroppo, solo che l'amore del male è in realtà il sesso, è in realtà la lussuria, quell'amore che noi umani tanto andiamo fieri, molto spesso. Mentre l'amore che Dio dice, è diverso non è fatto di lussuria, e non è fatto di sesso fine a se stesso, ma è un amore di tipo compassionevole, di tipo puro, solo per gli altri.

Quindi il male è contenuto solo nel male ed è fine a se stesso, anche se promosso verso gli altri.
Il Bene è contento solo in chi fa il bene, e in chi ne è la fonte, ma è fatto per e verso gli altri e non è solo fine a se stesso.

Quindi come può il bene fare il male, non può perché in realtà non è male quello che il bene fa, lo possiamo vedere come un male, ma in realtà è sempre un bene, per l'uomo è certamente visto come un male, ma nell'ottica di Dio, questo male chiamato male che male non è è visto come un bene.
Vediamo di spiegare.



il male inteso come è realmente è solo male, ma esso può essere inteso in senso diverso, se io vogliono testare una persona, o metterla alla prova, devo agire verso di essa producendo un effetto che assomiglia ad un male, ma che male non è, anche spesso noi umani, intendiamo la privazione di qualcosa sempre come un male, quando in realtà non è detto che sia.
Mettere alla prova non è fare del male, nella maniera più assoluta, ma poi dipende da come l'uomo percepisce questa prova e noi spesso la percepiamo come un nostro male, senza capire che in realtà essa è fatta per il tuo bene, ma qui è un po difficile per l'uomo comprendere e dipanare e districarsi in questo discorso.

C'è una donna che decide di verificare che il marito sia a lei fedele, in sostanza lo prova, gli dice che non possono per un certo periodo aver rapporti tra di loro. Lei attende e controlla il marito, per vedere se la tradisce, questa è la prova. Vista dal lato del marito, questo è un far del male a lui, perché lo priva di qualcosa. Ma se poi egli supera la prova con successo secondo l'intenzione della moglie avrà ottenuto una moglie sincera, perché la prova in realtà si esplica in entrambe le direzioni, lei vuole vedere se il marito le sarà fedele ma al tempo stesso se lui le sarà fedele esso otterrà che la moglie le sarà sincera.

Questo ci fa capire che il Signore, non usa il male, ma usa la prova che però agli occhi di altri può apparire un male. Quindi è improprio dire il Signore usa il Male, in realtà questo male che a noi appare un male è in realtà per noi un maggior bene è una prova.
Quindi le prove sono vissute dall'uomo come un male. E l'essere umano lo vive come una cosa negativa.

Quindi questa frase è vera o no?
Ma potrà mai il Bene o il Male far del male o del bene?

Il bene non può far male questo è sicuro e certo, ma può solo fare il bene.
Però il bene può porre sotto prova, cioè può provare, cioè testare, può verificare, può condizionare la persona. Il problema è che noi umani viviamo queste prove come un male, perché le guardiamo sotto la nostra ottica, le privazioni per noi, sono sempre un male, perché danneggiano il nostro modo di vedere la realtà, e ci sentiamo danneggiati, per cui le prove anche nel bene vengono sempre da noi considerate un male, in danno. Quando realmente non lo sono, è come la carcerazione che è togliere la libertà qualcosa assomiglia, perché c'è sempre una privazione di qualcosa.
Quindi sotto l'ottica di Dio non è un Male perché è una prova per ottenere un bene maggiore, sotto l'ottica umana invece è il contrario. Per cui tutto dipende in quale ottica si vuole vedere la questione. Ovviamente noi umani vediamo sempre la realtà sotto il nostro punto di vista, senza mai sforzarci di comprende quale sia il punto di vista di Dio.


Un esempio:

Il Re di paese, ha molti sudditi, tra questi vi è un orafo che è molto bravo, molto conosciuto ma molti si lagnano perché questo è molto furbo, invece di mettere pietre buone, mette pietre false che sembrano simili a quelle buone. Il Re comanda di far eseguire a questo orafo dei gioielli, poi decide di sequestrare questi gioielli all'insaputa dell'orafo, nel frattempo fa valutare quei gioielli da altri esperti, che valutano che le pietre sono false. Il re ha due opzioni, rivalersi sull'orafo facendogli pagare l' inganno, con il doppio delle pietre buone, oppure agire su di lui, facendogli un “male “, in quale modo potrebbe, ottenere un maggior bene, se al Re fa pena quell'uomo e lo vuole redimere? Lo castiga portandogli via tutto, casa terreni, tutto, rendendolo più povero del povero, e lo getta in mezzo al popolo che egli lo aveva truffato, capirà l'orafo la lezione? Sicuramente e sicuramente con il tempo forse si potrà salvare.

Il Re può praticare due strade quella della condanna e del risarcimento, oppure quella di ottenere la un orafo onesto, quale delle due porterà il frutto migliore? Certa la seconda, visto che la prima in pratica il re chiederebbe solo il risarcimento e darebbe una condanna, mentre nella seconda lo redime. Dal punto di vista dell'orafo la prima è costretto contro voglia, ma l'orafo rimane lo stesso soggetto, non cambia ed è vista sempre come una atto di male contro di lui.
Anche la seconda è vista come atto di male contro di lui, ma peggio della prima, perché lo umilia maggiormente. Però produce nel soggetto un possibile salvataggio, non sempre queste prove funzionano, perché tutto dipende dalla persona.
Ma certamente questa capirà che deve essere onesta per ottenere le stima di tutti.


Quindi qui si comprende che Dio, può alle volte decidere di mettere le persone alla prova togliendo ad esse quello che hanno per portale ad essere meglio di quello che sono.
Perché in realtà queste sono prove, non sono tentazioni, come l'uomo erroneamente va pensando.


E il Male può fare il bene?

Non può fare il bene inteso nel senso puro del termine, ma può fare un bene relativo, a cosa?

Il Maligno può fingersi bene per ottenere un male.
Promette e dar molti danari, regni, ricchezze, conoscenze, all'uomo pur che questo rimanga nella sua ignoranza anche se appare una sapienza, piuttosto che esso prenda la via di Dio.
Quindi agisce nell'apparenza come un bene, cioè si finge un bene, per portar l'uomo nel male.

Un esempio:

C'è uno studente universitario che vuole essere il primo, vuole dominare sugli altri, sta cercando disperatamente il modo per essere dagli altri osannato, quella è la sua mira, quello è il suo cruccio, arrivare alle vette della scienza per essere il primo, aver ogni ricchezza, essere considerato il meglio, per conquistare il potere, per sentirsi il potere, per sentirsi il più bravo, il più forte, il più intelligente, etc. tutto questo agitarsi lo porta ad avere strani pensieri, deve trovare il modo per essere lui il più grande scienziato. Senza saperlo in esso si fa strada un pensiero, ma non lo sente, non lo avverte, sotto sotto qualcun altro sta lavorando dentro di lui, una notte in sogno gli viene un tizio, tutto bello agghindato, e gli dice senti un po, io ti posso far diventare quello che vuoi, se tu farai quello che voglio io, lui senza rendersene conto nel sogno accetta, e non sa quel simpatico giovine dalla bella presenza, è in realtà Lucifero-Satana, inizia li in poi la sua veloce ascesa, all'università senza rendersene conto, è all'improvviso amato da tutti, tutti lo cercano, tutti lo vogliono, i suo voti sono schizzati verso l'alto, termina gli studi fa la Laurea, e il mondo si apre al lui, arrivano invenzioni straordinarie, ma tutte verso una stessa ottica rivolta a danneggiare l'essere umano, ma nell'apparenza sembra che queste cose siano positive, fa grandi scoperte il suono me è un segno di sicurezza nel mondo della scienza atea. Gli danno il Nobel. Si da alla bella vita, alle macchine, ai palazzi, fa investimenti, alle donne, agli uomini, prova di tutto, non è mai contento di nulla, e cerca ancora, ma non sa cosa. Un giorno all'improvviso un amico lo invita ad un concerto un una chiesa. Giammai lui avrebbe pensato ad entrare in una chiesa, visto che considerava quella realtà inesistente, cosa da medioevo, cose senza senso, lui non credeva nella maniera più assoluta, anzi fu anche contestatore agguerrito feroce, contro al chiesa, contro Dio. Per cui cosa gli poteva capitare per lui vi era solo la sua scienza, il suo dio era la scienza. Va, arriva sul sagrato, e sente un pugno tremendo allo stomaco, si ferma impallidito, non riesce ad entrare, e si dice tra se e se, ma i non ci credo, non ha senso, in certo qual senso aveva ragione, non aveva senso, ma lui non sapeva.

Si sforza per entrare arriva alla porta, e qualcosa dentro di lui grida “fermo!!!” non capisce, pensa che è stressato,”pensa se io non entro che figura ci faccio” si sforza riesce a mettere piede dentro la chiesa a questo punto, il maligno che aveva preso posto nel suo cuore, fa un urlo terribile, e lui senza poter resistere urla anche lui nello stesso modo, l'amico capisce. Il famoso personaggio che ha conquistato il potere assoluto della scienza, è un posseduto. Ecco come ha ottenuto tanta fama.

Questo lungo racconto serve solo per far capire che il Demonio può e spesso lo fa, ammaliare l'uomo con ogni cosa, ricchezze, fama, notorietà grandezza etc, pur di tenerlo lontano da Dio egli fa all'uomo tutti i regali che vuole, lo porta sulle vette più alte, sui pinnacoli, sulle guglie, gli mostra regni, e ricchezze lo rende Re, Presidente, Nobel, Vip, pur di non avvicinarsi a Dio, pur di non vedere Dio in quell'uomo , pur di non essere quello che Dio gli può dare. Quindi egli opera verso l'uomo un bene che in realtà lo porta al suo male, cioè alla dannazione eterna.


Dare un bene per aver un male, questa è l'opera di satana, generalmente usa questo sistema, più che quello diretto, male per male.


E purtroppo l'uomo vede questo male travestito da bene, veramente un bene, perché l'essere umano quantifica il bene nel male, e il male nel bene, cioè inverte le parti, confonde il male come un bene e vede che l'essere e il divenir ricco è un bene, invece è un male, accetta tutto quello che il male gli propone senza rendersi conto che il suo accettare lo da al male e non al bene, cioè l'essere umano da spessissimo il suo si al demonio, noi per natura cerchiamo la ricchezza, il danaro, la vincita facile, il potere, il dominio, tutte queste cose le viviamo con un bene inderogabile, e le abbiamo istituzionalizzate rendendole legge, facendone un cardine dei nostri principi fondamentali, una legge per gli uomini a cui nessuno di noi rinuncia, ma non ci rendiamo conto che in realtà questa legge umana, non va nella direzione del bene, ma del male, non segue la legge di Dio, ma segue quella di satana, noi vediamo nella sottrazione del danaro, della ricchezza, dell'essere potente, dell'essere vip, dell'essere importante, dell'essere scienziato, un danno a noi stessi, e lo quantifichiamo come un male di primaria grandezza. Invece Dio reputa che il toglierci tanta ricchezza e l'abbassarci, è far a noi del bene, ovviamente secondo il Suo pensare è giusto, visto che Egli mira a salvare le nostre anime e quelle di altri, mentre il maligno mira a dar soddisfazione alla vita terrena, a quello che possiamo ottenere in questa vita, per cui noi siamo terribilmente attratti da questa forza satanica, e tutti desiderano posseder quello che noi riteniamo sia salutare alla nostra esistenza, tutti sfuggano alla povertà, mentre Dio vorrebbe il contrario, perché nella povertà si ha la vita eterna ma nella ricchezza si ha la danna eterna è per questo che molta parte del mondo verrà dannata e solo pochi otterranno la corona della gloria, cioè la vita eterna.

Qualcuno dirà che è un ingiustizia? No non lo è se pensiamo che tutti coloro che avranno gioito di questa terra e delle sue ricchezze, senza accostarsi mai a Dio, e senza mai desiderare di far qualcosa per Lui, non potranno che ottenere grandi meriti tra gli uomini, ma non avranno null'altro.
Invee coloro che ambiscono seguire Dio, rimangono nella povertà, ma questi otterranno una maggiore ricompensa.

L'uomo crea le leggi, sul bene materiale, utile senza pensare se questo bene sfrenato, sia la cosa più giusta per lui. Noi siamo fondamentalmente attratti da male e solo pochi vedono il bene.



Dopo questa specifica, torniamo al discorso della Magia tralasciato per spiegare altro...perché la comprensione di una parte diventa necessaria per comprendere il resto, tutto è legato assieme e tutto ne fa parte, non esistono cose slegate a se stanti, sia nell'invisibile che nel visibile.
E' come la teoria dei vasi comunicanti.

Quindi abbiamo fondamentalmente due generi di Magia se volgiamo chiamarla così, io la definirai Tecnologia dell'Assoluto=TA, perché dall'Assoluto viene, cioè da Dio.
Abbiamo TA di natura maligna= TAM; TA di natura benigna = TAB
Anche se entrambe provengono da TA.
Ora TAM usa quello che Dio ha insegnato a lui(Lucifero) fin dove gli fu insegnato, quasi tutto.
TAB usa tutto quello che è Lui stesso, cioè Dio.
Le due distinzioni non avrebbero senso di esistere in realtà, le devo porre solo per meglio specificare e spiegare, ma nelle realtà tutto è uguale cambiano solo gli obbiettivi e i propositi, tutto si rifà sempre TA. Le due varianti in realtà sono la stessa cosa. Solo che bisogna differenziarle perché è l'uso che se ne fa che ne cambia le prerogative.

Un esempio, un veleno potrebbe essere usato per curare, ma allo stesso tempo potrebbe uccidere. Questo è il senso. In realtà la tecnologia è una sola. = TA.


Fin dai tempi immemorabili, l'uomo ha usato questo genere di TAM principalmente, usandola a più non posso, in tutte le forme possibili ed immaginabili, tutti i riti antichi era impregnati da questo genere di “magia” o definita anche occultismo o negromanzia, o altri termini, = TAM, questa tecnologia l'uomo non l'ha usata solo per far del male nel senso del termine ma anche per far un bene relativo, è stato usata per ottenere nozioni, di tipo scientifico, etc, qualsiasi cosa l'uomo avesse bisogno.

Il mondo per lungo tempo è stato in balia del maligno, anche se Dio in qualche modo lo controllava, lo frenava, lo bloccava. Dall'inizio della creazione, Dio insegno agli uomini ad esso sottoposti volontariamente un potere che essi stessi esprimevano con TA, anche i preti ebrei usavano questo genere di tecnologia, anche i re di Israele la usavano tanto che il più famoso fu Salomone, da un lato stregone e da un lato sacerdote di Dio. Questa doppia veste in realtà è sempre la stessa, solo che chi opera nel male viene visto come uno stregone e chi opera nel bene viene visto come un prete. Ma entrambi sono sempre sacerdoti, uno persegue una divinità l'altro l'altra.
La distinzione è subentra al sorgere di Cristo, quando gli Apostoli hanno iniziato a porre mano a delle giuste separazioni, e dividere la funzione del sacerdote di Cristo da quella dei sacerdoti di satana, è qui che nasce fondamentalmente i due rami, anche se un qualcosa vi era già precedentemente con gli ebrei. E abbiamo una separazione netta. Anche se come detto tutto proviene da TA, è l'uso che se ne fa.

Volendo un sacerdote Cristiano potrebbe usare TA per far del male, è vero, i preti lo sanno, perché fondamentalmente i riti sacri essendo emanazione di Dio, ciò si esercita il suo potere, possono prendere anche aspetti negativi e se i desideri di quei sacerdoti non sono buono, essi possono fare anche il male, diventando TAM. Cosa invece che non si può con TAM e far diventare TAB questo non è possibile. Il Male non opere mai il bene, opera una finzione del bene, quindi un inganno.

Molta parte delle conoscenza esoteriche provengono dall'antichità, ma prima ancora non esistevano queste conoscenze esoteriche esisteva solo l'entità di Dio, TA, fu dopo che satana inizio ad insegnare all'uomo come arrivare ad ottenere i vantaggi che egli gli prometteva. Quindi tutto parte dallo sfruttamento delle conoscenze iniziali TA.

Su queste conoscenze TA si oggi arrivati una massa immensa di schifezze, si dico schifezze perché nel corso dei millenni l'uomo per conto proprio ne ha inventate di tutti i colori, producendo Magia di tutti i tipi, come se queste varianti potessero migliorare quello che già vi era, ovviamente buona parte dell'antico andò fortunatamente perduto, per cui i grandi insegnamenti ottenuta anche da Re Salomone scomparvero con lui, da un certo punto di vista è stata una cosa buona, quelle cose servivano al quel mondo per altri scopi. Ricordiamo solo che Re Salomone come racconta la Bibbia, fu un angelo di Dio a conferirgli tanti poteri e conoscenze, per cui sembrerebbe quasi un voler bilanciare la bilancia troppo pesante da una parte.

Oggi abbiamo come detto una quantità immensa di tecniche occultistiche per ottenere qualcosa, qualsiasi cosa l'uomo creda possibile o utile. Ovviamente tutto incentrato sempre sul bene materiale, satana sa bene che è quello il pungo dell'essere umano, la ricchezza, non per nulla tentò Cristo in questo modo, pensando che non fosse dissimile dagli altri Figli di Dio e in questo invece rimase scottato.

Facendo un confronto tra testi di magia e testi di esorcismo, cosa si evince che ci sono curiose parti simili, nei testi di magia gran parte dei contenuti è preceduta da un invocazione allo spirito di Dio, perché mai costoro usano l'invocare Dio per ottenere dai demoni quello che vogliono?

Anche nei riti dell'esorcismo o di altre preghiere all'inizio c'è questa stessa invocazione molto simile in cui si chiede a Dio di proteggere e di esaudire, in sostanza i due testi inizialmente sono uguali, ma perché?

Spieghiamo il perché!
Mentre nel rito TAB è normale che si invochi Dio per ottenere le grazie che da lui provengono.

Ma perché nei riti satanici si invoca Dio con lo stesso intento se poi il rito svolge qualcosa di contrario a Dio stesso?

Il motivo è che in realtà l'essere umano se non fa così non controlla un tubo di nulla, anzi sarebbe assai imprudente se un essere umano dirige solo le sue intenzioni verso il satana, perché questo lo prenderebbe subito lo possederebbe subito, perché pregar satana direttament3 significa annullare in se completamente ogni protezione di Dio.

Per cui si agisce in questo modo, anteponendo una preghiera a Dio che funge da protezione, ma al tempo stesso, controlla anche il demone, in pratica impedisce al demone di agire in maniera totale sull'essere umano, in sostanza questi riti di magia nera, rossa, gialla, verde, blu. Acida, etc. sono in realtà simili agli esorcismi, perché l'esorcismo in se stesso, è volto a controllare il potere dei demoni e a costringerli a far quel che l'esorcista vuole, in pratica non sono molto diverse le cose, cambiano solo le prerogative, le intenzioni, gli esorcismi sono fatti principalmente per aiutare l'essere umano a liberarsi o a benedire oggi vari, alimenti etc. Mentre il rito di magia Nera per esempio che contiene queste formule di protezione è volto a chiedere al maligno qualche cosa per se stessi o contro gli altri, quindi si comprende che cambiano le intenzioni ma in entrambi sono presenti formulazioni simili. In sostanza l'esorcismo può essere usato un un senso o nell'altro tutto dipende dal corpo del contenuto dello stesso, cioè se la prima e l'ultima parte sono identiche il corpo dell'esorcismo cambia e cambia anche il mittente e il destinarlo, questa è realmente la differenza.

In pratica la Magia = TAM fa uso di una parte di esorcismo per controllare l'entità maligna e fargli fare sotto un certo controllo quello che l'uomo vuole.
Nella parte contraria il sacerdote usa l'esorcismo = TAB per esercitare il potere di Dio in presenza di Dio, cioè tentando di controllare le forze del male usando il bene.
In pratica le due sono simili, cambia il destinatario.

La forma diretta di TAM pura, in pratica sarebbero le messe sataniche o le preghiere, rosari satanici è estremamente pericolosa dai quali derivano gran parte delle possessioni e delle ossessioni e corrisponde alla forma TAB che altro non sono che le preghiere, i rosari, le messe fatta dalla chiesa cristiana di tutti i tempi, che tutti noi facciamo tutti i giorni; ovviamente sentir questo discorso non piace perché generalmente si vuole pensare che il potere che Dio usa sia solo Suo, si è solo Suo in Assoluto infatti solo Lui è l'Assoluto, ma il potere che il maligno usa ahimè non è suo, lo ha appreso all'inizio da Dio, dato che esso fu ed era uno dei suoi migliori angeli. Purtroppo questa è la verità.
Quindi non è tanto l'uso che se ne fa di un arco con le frecce, quando cosa si vuol colpire.
Cioè il potere è lo stesso, ma con quel potere si può fare di tutto e contro di tutto.


Ora Gesù ci porta un esempio interessante, il fatto che sgrida i suoi apostoli, che non devono impedire a coloro che sono dalla sua parte di operare il bene.

Vi chiederete perché ho scritto questo, ora lo capirete.


Prima di iniziare spieghiamo qualcosa che ho già spiegato qualche anno fa, per chi se lo fosse dimenticato e per chi non lo sa.

Perché oggi va tanto di moda il satanismo?
Perché la gente ne è così attratta?
Perché oggi sono tanti i posseduti?


Perché oggi va tanto di moda il satanismo?

Perché esso è un mezzo per tentare la fortuna, per arricchirsi, per ottenere le cose con facilità, almeno apparentemente, ma intanto quello che l'uomo si prefigge in questa terra è proprio questo divenire ricco con ogni mezzo, buono o cattivo. Quindi dato che è difficile ottenere la ricchezza da Dio, perché generalmente Dio non è propenso a renderti ricco, è propenso che tu via la tua vita in una forma di non ricchezza materiale ma ti dona una grandissima ricchezza di spirito, di conoscenza di sapienza, si questo assolutamente si. Il modello della famiglia di Dio, è quella dei Gesù, Maria e Giuseppe, questo è il suo modello, principale, quindi una famiglia nella giusta onesta e non nello sfarzo. Per cui ovviamente l'essere umano che è da sempre stato bramoso di ricchezze, non ottenendo quello che desidera da Dio e essendo che è difficile e stressante questo modo di chiedere a Dio qualcosa, e non sempre ottiene quello che vuole, ecco che si rivolge a Satana, che è assai più propenso a soddisfare queste smanie di potere dell'uomo, anzi è prontissimo. Per cui la gente ne è fortemente attratta, e pur di ottenere quello che vogliono rischiano anche l'inferno, e spesso si ci finisco dritti dentro.


Perché oggi sono tanti i posseduti?

Ovviamente la risposta è consequenziale all'affermazione precedente perché, si abbandona Dio, non gli si crede più, ma sopratutto non si è soddisfatti di quello che Dio ti da, per cui si diventa ribelli, e ovviamente una volta che vai dal mago, che vai dal fattucchiere, che ti rivolgi alla massoneria, ma basta anche solo che desideri di essere ricco, potente e vuoi una posizione sociale elevata, che vuoi provare esperienze nuove, che satana ti coglie, e in breve tempo ti fa suo schiavo.


Ora Perché Gesù dice agli apostoli non impedite alla genti di operare contro il male?
Perché Gesù sapeva già che la chiesa averebbe tentato di dominare il mondo anche controllando il potere degli spiriti, o meglio dire bloccando l'uso del potere di Dio, in realtà è proprio questo quello che la chiesa ha fatto nel corso di questi 2000 anni, opponendosi alla volontà di Cristo-Dio.
Se la chiesa avesse lasciato come Cristo voleva, la magia=TAM non sono sarebbe così tanto allargata, non si sarebbe così tanto sviluppata e la chiesa avrebbe potuto avere tra le sue fila molti più santi di quanti ne abbia avuto, ma questo ci fa capire che c'è un disegno maligno dietro a ciò, la chiesa quella nascosta quella che operava nelle tenebre a lato o al fianco di quella bianca, spingeva perché nessuno usasse l'esorcismo per controllare gli spiriti maligni, quello era il metodo insegnato da Cristo per dominare sul male, metodo utile per tutti, libero, non vincolato. Invece la chiesa si opposta a questa volontà permettendo al male di allargarsi per prendere potere, e solo al chiesa poteva controllare quando gli garbava questo male, per cui ha soggiogato gli uomini a pensarla come essa voleva, non come Cristo voleva e anche in questo, questa chiesa nera si è opposta alla chiesa Bianca di Cristo, che essa stessa si è convinta che fosse cosa buona questa idea. Quindi le due chiese pian piano sono diventate una sola, una chiesa grigia, quella che oggi esiste e quella che Cristo nona avrebbe mai voluto, con quel suo famoso discorso, i tiepidi li vomita.


Tutti i cristiani sono esorcisti, parola di Cristo!

Ritengo è sia arrivato il tempo in cui l'uomo preso da coraggio e spinto da Dio nel ritornare a quello che era l'originaria idea di Cristo, di riprendere su di se, quell'autorità che Cristo ha annunciato ai suoi apostoli, che chi non è contro di LUI è per LUI, per cui giustamente ogni Cristiano, deve praticare questa tecnica che è l'esorcismo in nome di Cristo, e nessun prete nessun papa, può dir diversamente da Cristo; chi lo fa, si pone contro Cristo ed è un apostata, perché la parola di Cristo non può essere mai messa in secondo piano, chi fa questo, non è più di Cristo!

Una volta la gente era stolta, ora la gente è abbastanza colta per cui, oggi la verità è alla portata di tutti, e tutti se credono in Dio e se hanno fede vera in Cristo debbono e sono obbligati ad aiutare il proprio amico, fratello, vicino, etc, anche con l'esorcismo. Gesù Nostro Dio, perché è questo il discorso Gesù è Dio, per cui, le sue parole sono legge se Egli che ha dettato una legge, dispone e impose agli apostoli di non cacciare chi operava nel bene anche se fuori dalla comunità non doveva essere condannato e questo fa capire che il potere di Dio non è solo di una sola comunità ma di tutto il mondo. Certo Cristo ha stabilito una comunità di 12 apostoli perché controllasse che quanto Egli annunciato, ordinato e comandato fosse reso alla luce, cioè mostrato al mondo così come era scritto, non che fosse nascosto o cambiato a seconda dell'uso e consumo di taluni, perché questo è quello che la chiesa ingrigita ha fatto. Soggiogando il mondo secondo quello che era no i suoi pensieri, alle volte contro Cristo stesso, infatti è sotto gli occhi di tutti quello che fu la chiesa in 2000 anni.

Per cui tutti i fedeli e credenti in Cristo possono e devono operare anche l'esorcismo attorno a loro, è una cosa che tutti i credenti che credono veramente e che non abbiano paura devono fare, e non fatevi intimorire da una chiesa che in realtà fa il gioco del maligno, perché tentare di bloccare il bene che un qualsiasi cristiano fa, verso il suo prossimo è far del male, cioè stare con il male, e non si dica ma noi lo facciamo per proteggervi, perché non sapete e non conoscete tanti risvolti tante cose, perché questa è una menzogna. In realtà non c'è da sapere proprio nulla, se un azione di esorcismo si fa verso il bene di una persona si deve opera esattamente con Cristo indica, non si deve chiedere nulla, all'entità invece la chiesa mediante i suoi esorcisti presa da curiosità chiede troppo, e questo nel corso del tempo è diventato un fallimento, per questo l'esorcismo spesso dura a lungo, perché nel prete c'è curiosità di sapere troppe cose, e questo non va bene, l'esorcista non deve sapere nulla deve solo operare per liberare, la curiosità serve solo ad alimentate satana che se la ride.

Nessuno cristiano che mosso da Cristo a protezione del prossimo subirà alcun danno, perché Cristo è Dio figlio di Dio e satana non è nessuno, se non un angelo, per cui non c'è nessun rischio, è Dio in prima persona in quel Cristiano che agisce verso altri. Non c'è bisogno di saper nulla, non c'è bisogno di interagire, c'è solo bisogno di tanta fede, e alle volte tra il popolo dei Cristiani ci sono quelli che ne hanno a sufficienza anche di più dei preti stessi, infatti il fatto che gli apostoli riportano dice proprio questo, essi era indignati che qualcuno potesse fare di più di loro, e gli impedirono, gelosi perché pensavano che il potere di Dio, potessero esercitarlo solo loro, vengono subito stoppati da Cristo che li rimprovera e gli dice non farlo più, facendo capire che anche nel popolo possono esserci esorcisti più bravi degli stessi apostoli, perché è Dio che li fa sorgere non certo il maligno. Ma questi cristiani sono bloccati da pensieri negativi di una Chiesa che glieli ha imposti, contro Dio.

In sostanza se nel mondo il credente in Cristo operasse come fa l'esorcista il mondo potrebbe ancora salvarsi, perché sorgeranno molti esorcisti tra i credenti, che opereranno miracoli grandi tanto quanto i ministri di Dio, visto che oggi giorno di questi ministri ve ne sono sempre meno...per cui è bene che i cristiani tornino a riprendersi il ruolo che avevano quando Cristo era tra Noi in terra.

La legge di Dio è scritta tutta nei vangeli, nessun Cristian opera il male se stesse rigidamente con i vangeli, chi opera nel male è colui che vi fa credere cose diverse contro il Vangelo, e nessuno è custode del vangelo se non Dio stesso. Quando una chiesa per bocca dei suoi vescovi si oppone al vangelo cioè alle parole di Cristo è contro Cristo e fa il gioco di satana.






Nel prossimo articolo..... gesù insegna come si esorcizza ....