mercoledì 10 agosto 2016

PRETE SI SCAGLIA IN DIFESA DEI GAY, MA NON IN DIFESA DI DIO!




OTTAVIANI IN DIFESA DI DIVERSAMENTE UTILI !?













Riporto qui il testo che ho risposto a questo sacerdote un tanti alterato...sulla pagina del video che qui riporto.


Lei ha ragione da una parte e ma torto dall'altra. 
Sicuramente non va bene dar colpa a Dio di quello che Dio non è responsabile, doveva ricordare questo a coloro che si sono scagliati con tanta veemenza contro costoro, che dar colpa a Dio di cose che nessuno sa di chi sia la colpa è far peccato contro lo Spirito Santo, pena la morte eterna! 

Mi meraviglio che lei da buon pastore, non lo sappia e che non adotti il metro proposto da Cristo, la giusta correzione, o forse per lei neppure questa va bene per taluni soggetti? 

Perchè dalle sue parole si evince che lei preferisce che costoro vivano liberamente svincolati da tutto e da tutti, quindi anche da Dio; la loro vita sessuale, sentimentale etc, mi chiedo ma lei pratica la giusta correzione, oppure le parole di Cristo sono aria fritta? 

Dagli altri video che ho visto sulla sua pagina facebook è molto bravo a scagliarsi contro gli omofobi e tutela come una iena i diversi, chiamiamoli così, mi chiedo, ma lei da buon prete di chiesa congiungerebbe due dello stesso stesso innanzi a Dio? 
Spero che non mi risponda di Si! 

Perchè lei sa benissimo quale sia la condanna di Dio contro costoro e coloro che li uniscono in Matrimonio, non c'è bisogno che sia io a ricordargliela, e mi meraviglio che nelle sue omelie non ne faccia menzione?  Almeno per salvare quelle povere anime, che rischiano una pena eterna, a causa di preti che si lavano le mani.

Oggi abbiamo tutti l'abitudine di lavarci tanto le mani quanto la faccia, pur di non dir la verità che fa molta troppa paura, specie perchè non è Dio a condannare l'uomo, ma è l'uomo che si condanna da solo e attira a se la sua condanna, Dio non fa proprio nulla, se l'uomo non capisce i suoi errori prima ancora di finire questa sua vita, non ci sarà molta speranza e se lei non agisce come Cristo comanda e lo sa molto bene, lei paga anche per gli altri, lo sa vero!?

Vede Ognuno risponde a Dio per quello che va seminando, c'è chi semina tempesta, c'è chi semina discordia,  chi semina falsità, chi semina ipocrisia, non facciamo come i sepolcri imbiancati, che fuori siamo belli e dentro siamo marci, perchè nella chiesa di oggi ve ne sono molti, come lei ha fatto ben capire. 

Lei dice ma si guardassero dentro di loro, cosa sono? 
Guardi pensiamo sempre alle parole di Cristo, "non guardiamo alla pagliuzza che c'è negli occhi degli altri, ma guardiamo alle nostre travi." Certamente per noi umani chiunque su questa terra, ad eccezione fatta dei bambini ancora non smaliziati dalla perfidia degli adulti, che sono ancora candidi, nessuno degli altri può vantarsi di non aver mai pensato cose impure, è impossibile già le stesse barzellette sono un esempio di impurità, il pensare male di un altro anche in modo leggero, indica malizia, per cui chi può dirsi casto, se non solo Cristo che era/è Immacolato! 

Anche l'attacco che lei muove verso quella chiesa che va portando al petto o al collo che le pare tanto stretta, forse dovrebbe togliersi quella veste se ritiene che alcuni suoi precetti le pesino tanto. 

Ci sono in questi tempi molti preti che si sentono stretti in quelle vesti, mi chiedo perchè anche questi non cedano il passo, diceva volta S.Pio da Pietrelcina, meglio le chiese vuote che pieni di demoni, sono perfettamente d'accordo.

Si ricordi che Dio non condanna nessuno, noi ci condanniamo per le opere e le parole che andiamo spargendo e alla fine del nostro percorso sempre che abbiamo la possibilità di cambiare, perchè non accada che qualcosa non ci permetta di aver tale possibilità, allora innanzi al Padre Celeste non sarà Lui a dir dove andare , ma sarà lei a dirglielo se non lo sa è così!

Ah si per costui Dio è solo amore, misericordia, compassione, etc, per cui non può premettersi di condannare nessuno, deve solo perdonare tutti indistintamente, indipendentemente dai loro peccati, che evidentemente questo prete qualifica come poca cosa, quelli sessuali contro natura, per cui dal suo ragionare, Dio non può essere un giudice, non può e non deve mettere mano alla Sua Ira Santa;  devo dissentire su questo argomento, e rispondo al prete con le parole stesse di Gesù che rispose stizzito a Pietro sul lago di Tiberiade, vado a braccio.." Posso fare io delle mie cose quello che viglio?" Ovvio che si! E' Dio, chi glielo può impedire. 

Inoltre ancora Cristo dice: "Non sono venuto a cambiare la legge e i profeti, ma a fare le opere del Padre Mio", se non ha mai cambiato la legge ed impersona il Padre, per quale motivo adesso dovrebbe cambiarla per lei don Ottaviani o per Bergoglio? 
Ma nemmeno per idea, Dio sarà un giusto Giudice condannerà se sarà il caso di condannare e perdonerà quando è giusto farlo, ma visto come il mondo va, tempo al tempo la sua Ira arriverà! 

Una cosina per caso anche lei ha paura di perdere la testa?
Che tutti i cattolici sono proni all'islam pur di non innervosirli?
Ma dove sta la fede al Nostro Dio, sono più credenti gli Islamici di noi di quanto lo siamo noi con Cristo! 

Auguri ! 

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti non saranno più permessi!
E' inutile che li scrivete perchè non ho tempo per moderali.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

©Copyright

Quest’opera è protetta dalla legge sul diritto d’autore. Tutti i diritti, in particolare quelli relativi, nuove preghiere, messaggi, alla corona stessa, alla sua produzione-realizzazione anche fisica, alla ristampa, alla traduzione, trasmissione radiofonica, televisiva, alla registrazione su microfilm, o database, o alla riproduzione in qualsiasi forma, (stampata o elettronica) rimangono riservati anche nel caso di utilizzo parziale o estrapolati i concetti da essa. La riproduzione di quest’opera, anche se parziale è ammessa solo ed esclusivamente nei limiti stabiliti sul diritto d’autore, ed è soggetta all’autorizzazione dell’autore. La violazione delle norme comporta le sanzioni previste dalla legge vigente in materia.



Per qualsiasi controversia contattare l’autore stesso

Boanerges573@gmail.com

Importante!

Ho sempre scritto che personalmente divido i testi che Dio da me, da quelli che non sono dati da Dio a me, apponendo al testo il termine Messaggio, per far capire che il testo viene da Dio, mentre dove non vi è scritto"MESSAGGIO" sono io che scrivo e quindi da prendere con le pinze, non farò mai come facevano i profeti di un tempo che mescolavano i loro pensieri ai testi ricevuti da Dio , per cui tutto diveniva di Dio, anche le eresie, poi insegnate anche attualmente dalla chiesa ai successori."Bisogna anche dire che data l'istruzione che ricevetti da Dio fin da bambino, è indubbio che alle volte faccio uso di essa, però posso sempre errare, non sono Dio!